CBD contro il morbo di Crohn e la colite ulcerosa

È in crescita l'uso del CBD contro i sintomi del morbo di Crohn e della colite ulcerosa. Funziona davvero? Vediamo cosa dice la ricerca.
CBD contro il morbo di Crohn e la colite ulcerosa

Ultimo aggiornamento: 23 agosto, 2022

Negli ultimi anni, l’uso del cannabidiolo (CBD) ha suscitato interesse tra coloro che soffrono di morbo di Crohn e colite ulcerosa. La ragione? Alcuni studi suggeriscono che abbia effetti positivi nel controllo dei sintomi e nell’aumento della sensazione di benessere.

Entrambi i disturbi sono compresi nella cosiddetta sindrome dell’intestino irritabile (IBS), caratterizzata dalla presenza di coliche, diarrea o stipsi. Hanno natura infiammatoria e sono associati a una risposta alterata del sistema immunitario. Tuttavia, in ogni condizione ci sono diversi fattori coinvolti.

Mentre la malattia di Crohn penetra nella parete intestinale e colpisce più di una sezione, la colite ulcerosa coinvolge solo il rivestimento interno dell’intestino. In ogni caso, la qualità della vita diminuisce, soprattutto quando i sintomi tendono a diventare più acuti. Il trattamento con CBD funziona?

Uso del CBD contro il morbo di Crohn e la colite ulcerosa

Il cannabidiolo (CBD) è uno dei principali composti della Cannabis sativa. È la sostanza a cui sono attribuiti gran parte degli effetti medicinali di questa specie.

Come spiega un articolo pubblicato su National Center for Biotechnology Information, si differenzia dal THC in quanto non ha effetti psicoattivi. Al contrario, vi è evidenza della sua attività antinfiammatoria, analgesica, ansiolitica, antiemetica e neuroprotettiva.

Gli studi hanno inoltre scoperto che questo cannabinoide ha effetti positivi sui pazienti con morbo di Crohn e colite ulcerosa. Sebbene non sia un sostituto del trattamento medico, si mostra promettente come coadiuvante per il controllo dei sintomi.

Una recensione pubblicata su Phytotherapy Research suggerisce che il CBD è un trattamento con effetti che fanno ben sperare contro le malattie infiammatorie intestinali. Ciò sembra essere dovuto alla sua capacità di interagire con il sistema endocannabinoide (ECS) del corpo, che a sua volta influenza il normale funzionamento del sistema gastrointestinale.

CBD per il morbo di Crohn.
La ricerca sul CBD è in aumento. La sua storia abbraccia decenni e alcuni anni fa ha acquisito lo status legale per l’epilessia refrattaria.

CBD e morbo di Crohn: le prove sono limitate

Ora, come sottolinea un’altra recensione apparsa su Expert Review of Gastroenterology & Hepatology, la ricerca sulla cannabis e il suo potenziale contro il morbo di Crohn e la colite ulcerosa è ancora nelle sue fasi iniziali.

Secondo questo documento, al momento esistono tre piccoli studi controllati con placebo sull’uso del CBD nella malattia di Crohn attiva negli esseri umani. Di questi, solo due hanno mostrato un miglioramento clinico, ma nessuno ha dimostrato cambiamenti rilevanti nei marcatori infiammatori.

È tuttavia un argomento che continua a essere studiato. Gli esperti sottolineano che non è possibile trarre conclusioni definitive sulla sua sicurezza ed efficacia nella gestione di questi disturbi.

Sottolineano che sono necessari studi più completi, che consentano anche di determinare le dosi e le forme di somministrazione appropriate.

Rischi ed effetti collaterali del consumo di CBD

Non è stata stabilita una dose ottimale per il consumo di CBD nel trattamento del morbo di Crohn e della colite ulcerosa. Questo è un problema, poiché impedisce di determinare il range sicuro per questi pazienti. Alle dosi testate, i risultati sono stati contrastanti.

In uno studio clinico condiviso su Inflammatory Bowel Diseases, dosi di 50 mg di un estratto di CBD, assunte due volte al giorno  non sono state ben tollerate da alcuni partecipanti. Inoltre, in un altro studio, il 90% dei pazienti ha riportato effetti collaterali e molti hanno scelto di interrompere il trattamento.

Di questi, la principale reazione segnalata sono state le vertigini. Tuttavia, sono stati descritti altri effetti indesiderati, come diarrea, stanchezza, alterazioni dell’appetito e del peso.

E sebbene gli autori di diversi studi aggiungano che il CBD è sicuro nella maggior parte dei casi, la Food and Drug Administration (FDA) non ne ha ancora approvato l’uso per questa patologia. Avverte infatti che può innescare i seguenti problemi:

  • danno epatico.
  • Interazioni farmacologiche.
  • Tossicità riproduttiva maschile.
  • Disturbi gravi del sistema nervoso se assunti contemporaneamente con alcol o determinati farmaci.

Va notato che né l’olio di CBD né altri prodotti derivati sono regolamentati dalla FDA. Anche questo rappresenta un rischio, non solo perché non esistono dosi stabilite, ma anche perché non ci sono garanzie della sua purezza ed efficacia.

Dolore addominale nella malattia di Crohn.
Il dolore addominale può compromettere seriamente la qualità della vita nelle malattie infiammatorie intestinali. La ricerca sta valutando nuove alternative terapeutiche.

Presentazioni e raccomandazioni per il consumo di CBD

Nonostante gli esperti mettano in guardia per la mancanza di studi sul CBD per il morbo di Crohn e la colite ulcerosa, molti pazienti sono attratti da questo tipo di trattamento. Pertanto, le prove aneddotiche dei suoi effetti sono cresciute notevolmente.

Per questo motivo sono in molti a visitare ogni giorno i negozi online e ad andare a cercare questi integratori in erboristeria. Sono spesso disponibili sotto forma di pillole e capsule, oli e tinture, lozioni e creme. È essenziale seguire le raccomandazioni del produttore per utilizzarli correttamente.

Ma al di là della scelta di un’opzione o dell’altra, va tenuto presente che le cure mediche devono essere continuative. Ciò include l’uso di farmaci, cambiamenti nello stile di vita e qualsiasi altra terapia suggerita dal medico.

Se siete interessati, informate il medico della vostra intenzione di provare il CBD. Non va trascurato che potrebbe causare interazioni con altri farmaci o integratori prescritti.

Potrebbe interessarti ...
CBD (cannabidiolo): che cos’è e cosa dice la ricerca?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
CBD (cannabidiolo): che cos’è e cosa dice la ricerca?

Gli effetti sulla salute del cannabidiolo (CBD) sono stati ampiamente studiati. Attualmente si pensa sia un coadiuvante contro il dolore.



  • Brugnatelli, Viola et al. “Irritable Bowel Syndrome: Manipulating the Endocannabinoid System as First-Line Treatment.” Frontiers in neuroscience vol. 14 371. 21 Apr. 2020, doi:10.3389/fnins.2020.00371
  • Meissner H, Cascella M. Cannabidiol (CBD) [Updated 2022 Feb 5]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK556048/
  • Ahmed W, Katz S. Therapeutic Use of Cannabis in Inflammatory Bowel Disease. Gastroenterol Hepatol (N Y). 2016;12(11):668-679.
  • Esposito G, Filippis DD, Cirillo C, Iuvone T, Capoccia E, Scuderi C, Steardo A, Cuomo R, Steardo L. Cannabidiol in inflammatory bowel diseases: a brief overview. Phytother Res. 2013 May;27(5):633-6. doi: 10.1002/ptr.4781. Epub 2012 Jul 20. PMID: 22815234.
  • Pandey S, Kashif S, Youssef M, Sarwal S, Zraik H, Singh R, Rutkofsky IH. Endocannabinoid system in irritable bowel syndrome and cannabis as a therapy. Complement Ther Med. 2020 Jan;48:102242. doi: 10.1016/j.ctim.2019.102242. Epub 2019 Nov 13. PMID: 31987224.
  • Kafil, Tahir S et al. “Cannabis for the treatment of Crohn’s disease.” The Cochrane database of systematic reviews vol. 11,11 CD012853. 8 Nov. 2018, doi:10.1002/14651858.CD012853.pub2
  • Peter M Irving, MA MD FRCP, Tariq Iqbal, MD FRCP, Chuka Nwokolo, MD FRCP, Sreedhar Subramanian, MD MRCP, Stuart Bloom, FRCS MRCP DM, Neeraj Prasad, MRCP MSc, Ailsa Hart, MRCP PhD, Charles Murray, MA PhD FRCP, James O Lindsay, MA PhD FRCP, Adam Taylor, PhD, Rachel Barron, BVetMed MRCVS, Stephen Wright, MA MD FRCPE FFPM, A Randomized, Double-blind, Placebo-controlled, Parallel-group, Pilot Study of Cannabidiol-rich Botanical Extract in the Symptomatic Treatment of Ulcerative Colitis, Inflammatory Bowel Diseases, Volume 24, Issue 4, April 2018, Pages 714–724, https://doi.org/10.1093/ibd/izy002
  • Picardo S, Kaplan GG, Sharkey KA, Seow CH. Insights into the role of cannabis in the management of inflammatory bowel disease. Therap Adv Gastroenterol. 2019;12:1756284819870977. Published 2019 Sep 3. doi:10.1177/1756284819870977
  • Iffland K, Grotenhermen F. An Update on Safety and Side Effects of Cannabidiol: A Review of Clinical Data and Relevant Animal Studies. Cannabis Cannabinoid Res. 2017;2(1):139-154. Published 2017 Jun 1. doi:10.1089/can.2016.0034
  • What you need to know (and what we’re working to find out) about products containing cannabis or cannabis-derived compounds, including CBD. (2020). a
    https://www.fda.gov/consumers/consumer-updates/what-you-need-know-and-what-were-working-find-out-about-products-containing-cannabis-or-cannabis