Che cos'è il brainspotting e in che modo giova alla salute?

Liberare e trasformare la sofferenza fa parte degli obiettivi del "brainspotting", una terapia che aiuta a guarire le ferite emotive causate da eventi traumatici.
Che cos'è il brainspotting e in che modo giova alla salute?

Ultimo aggiornamento: 19 luglio, 2022

Il Brainspotting (BSP) è un approccio terapeutico rapido ed efficace che integra il trattamento di desensibilizzazione e rielaborazione dei movimenti oculari (EMDR). Questa tecnica viene utilizzata per affrontare il trauma emotivo.

Secondo il Journal of Psychotraumatology, Psychotherapy Sciences and Psychological Medicine, questa alternativa è efficace contro gli eventi traumatici o il disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Ma non è l’unica area del BSP. Nel momento in cui i pazienti controllano l’intensità dei loro sentimenti, possono migliorare anche determinate condizioni di salute.

Perché blocchiamo le emozioni negative?

L’accumulo di esperienze stressanti potrebbe trasformarsi in traumi. Quando attraversiamo delle situazioni difficili senza avere una guida per gestirle, il cervello le blocca per proteggere se stesso.

Tuttavia, i fatti restano registrati. Per quanto sembrino isolati, c’è il rischio che diventino attivi, danneggiando l’equilibrio fisico ed emotivo.

Le risposte vanno dalla tristezza all’angoscia, all’ansia e alla rabbia, con intensità variabile. Se nel ricordare l’esperienza dolorosa non la si elabora correttamente, si verifica un’eccessiva eccitazione fisiologica che peggiora la reazione.

Sindrome da stress post-traumatico.
La sindrome da stress post-traumatico trova nella BSP una tecnica adeguata per il suo approccio.

L’ideale sarebbe rilasciare il trauma e renderlo parte della storia della vita.

Che cos’è il brainspotting?

Brainspotting letteralmente si traduce “punto cerebrale”. Consiste in un metodo utile in psicologia per affrontare la sofferenza del profondo per ritrasformarla. La terapia aiuta a guarire le ferite emotive che derivano da un evento inquietante.

Questa tecnica è stata inventata e descritta dallo psicoterapeuta David Grand. Durante una seduta, l’esperto ha notato che riducendo i movimenti oculari, il paziente elaborava il trauma con maggiore tolleranza.

Ciò significa che le persone manifestano dei riflessi insoliti quando i loro occhi sono in posizioni specifiche. Così, Grand ha deciso di analizzare la connessione delle attuali reazioni emotive e fisiche con le impressioni del passato.

Nel processo, viene identificato il punto cerebrale, che facilita il rilascio dei sentimenti bloccati. Il Mediterranean Journal of Clinical Psychology spiega che l’approccio BSP accede alle capacità innate di auto-osservazione e auto-guarigione, in una relazione clinica neurobiologicamente sintonizzata.

Come prova di efficacia, uno studio recensito dalla stessa pubblicazione sottolinea che il brainspotting ha ridotto significativamente il disagio correlato alla memoria nel campione utilizzato per tale esplorazione.

Benefici del brainspotting

Un’indagine pubblicata sull’International Journal of Environmental Research and Public Health, che includeva la BSP tra diverse tecniche terapeutiche, afferma che apporta dei benefici nell’elaborazione dei ricordi travolgenti negli adulti sani.

Ogni volta che un’emozione viene espressa in modo sproporzionato, è dovuta all’attivazione di qualcosa di vecchio immagazzinato in una capsula neuronale. Quindi, il BSP serve per attaccare i disturbi fisici e la somatizzazione associati a determinati eventi, come quelli menzionati di seguito:

  • Fobie.
  • Dipendenze.
  • Fibromialgia.
  • Fatica cronica.
  • Disfunzione sessuale.
  • Disturbi del linguaggio.
  • Aggressività e impulsività.
  • Deficit di attenzione e iperattività.
  • Traumi fisici o sentimentali dovuti a lesioni o incidenti.
  • Deficit dell’attenzione e iperattività.

Oltre ad affrontare i contesti negativi, il brainspotting favorisce lo sviluppo delle risorse interne e il rafforzamento delle esperienze positive. Il metodo collabora favorendo l’incoraggiamento e la preparazione nei pazienti che pianificano gli interventi chirurgici.

Inoltre, BSP è una terapia benefica che stimola la creatività. Un altro ambito che è interessato a questo percorso è lo sport, per migliorare le prestazioni degli atleti.

Come applicare la tecnica del brainspotting?

La procedura dello psicoterapeuta si basa sul trovare una posizione precisa dell’occhio e collegarla al circuito neurale che immagazzina le informazioni sulla vita. Mentre il paziente muove gli occhi, lo psicologo traccia il punto e indaga sulle emozioni.

Forse mostri angoscia, ansia, ammiccamenti o gesti del corpo. Quando il terapeuta trova il punto cerebrale, inizia il lavoro delle emozioni.

Il paziente guarderà sempre nella stessa direzione in modo che il cervello salvi i ricordi. È probabile che sorgano forti reazioni psicologiche e fisiologiche, ma non bisogna perdere la concentrazione.

L’esperto cerca la guarigione emotiva e guida a praticare abilità di auto-guarigione, rielaborando il trauma originale e rilasciandone il peso.

Occhi con le lacrime per il brainspotting.
I movimenti oculari sembrano avere un riflesso che li collega a determinati punti del cervello associati ai traumi passati.

Controindicazioni

All’inizio, questa terapia veniva applicata solo ai sopravvissuti adulti al trauma. Ora ci sono psicoterapeuti che la usano anche sui bambini e altri gruppi della popolazione. Tuttavia, alcuni raccomandano di concentrarsi sui singoli pazienti, a causa della delicatezza implicata nella gestione dei flussi emotivi.

Come controindicazione, frequentare le sessioni sotto l’effetto di alcol e stupefacenti ostacola il processo di osservazione e porta a risultati inefficaci.

Durata delle sessioni e risultati

Fin dalla prima volta la tensione e l’ansia diminuiscono. Allo stesso modo, diminuisce la paura dei brutti ricordi. Il paziente percepisce che qualcosa si sta muovendo dentro di lui sia durante la seduta che nei giorni successivi.

Il numero di sessioni BSP è determinato dal grado di complicazione della storia del paziente, oltre alla sua gravità. Gli incontri garantiscono il rilascio del peso emotivo e l’acquisizione di una maggiore conoscenza di sé.

Potrebbe interessarti ...
Arresto del pensiero: in cosa consiste?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Arresto del pensiero: in cosa consiste?

L'arresto del pensiero è una tecnica cognitiva che cerca di interrompere il flusso dei pensieri automatici negativi.