Che cos'è la terapia psicodinamica e quando è consigliata?

La terapia psicodinamica si serve di molteplici strumenti per aiutare i pazienti. Vi diciamo nel dettaglio in cosa consiste e quando è consigliata.
Che cos'è la terapia psicodinamica e quando è consigliata?

Ultimo aggiornamento: 28 giugno, 2022

Che sia per le materie scolastiche, perché qualche volta abbiamo fatto psicoterapia o per i concetti di auto-aiuto che ci ripetiamo ogni giorno, quasi tutti sappiamo cos’è la psicoanalisi e chi è Freud. Tuttavia, non tutti sanno in cosa consiste la terapia psicodinamica.

Come spiega una pubblicazione sull’American Journal of Psychiatry, questa forma di terapia viene utilizzata nel trattamento di alcuni disturbi mentali. Ma in cosa consiste esattamente? Quando è indicata? Ne parliamo in questo articolo.

Terapia psicodinamica: in cosa consiste e qual è la sua origine

Il termine “terapia psicodinamica” indica l’interazione tra il conscio e l’ inconscio. Cioè, alcuni dei sintomi e delle cause del disagio delle persone non sono in superficie, ma a un livello più profondo.

Come suggerisce il nome, l’enfasi viene posta sul movimento o sulla fluttuazione. Ciò indica che le persone, nella loro lotta per raggiungere i propri obiettivi, si trovano spesso in mezzo a una dicotomia: gratificazione e insoddisfazione, autonomia e dipendenza, tra molte altre.

Principi della terapia psicodinamica

La terapia psicodinamica consiste in un insieme di teorie, i cui referenti più noti sono Freud, Erikson e Jung. Alcune delle sue premesse centrali sono le seguenti:

  • Esistenza dell’inconscio: ci sono contenuti e processi a cui non possiamo accedere facilmente, che sono latenti ma influenzano comunque la nostra vita. C’è un significato da svelare.
  • Conflitti psichici: nascono da paure, desideri, fantasie, tra gli altri. Di fronte a questi spesso compaiono meccanismi di difesa, come la repressione.
  • L’esperienza dell’infanzia ha un grande impatto nella nostra vita. Molti apprendimenti e conflitti hanno origine in tenera età. È in quel momento che la personalità si plasma nel modo più profondo.
  • Un’altra chiave della terapia psicodinamica ha a che fare con la relazione tra lo psicologo e il paziente. Qui i concetti di transfert e controtransfert sono fondamentali per esemplificare ciò che accade. Da questo legame che si stabilisce negli incontri si potrebbero individuare schemi, relazioni ed elementi chiave che mettono in luce le esperienze passate. Cioè, alcuni aspetti delle relazioni o dei modelli precedenti vengono rivissuti nella relazione presente.
  • I sintomi sono soluzioni di compromesso. Cioè, un accordo tra ciò che vogliamo e ciò che possiamo fare. Ad esempio, tra i desideri e ciò che vuole l’inconscio rispetto a ciò che il Super-io ci dice è corretto.
Terapia psicodinamica: in cosa consiste e qual è la sua origine
La terapia psicodinamica può essere utilizzata per correggere comportamenti che possono essere dannosi per la persona e per chi la circonda.

Fasi e momenti salienti della teoria psicodinamica

I contributi della teoria psicoanalitica freudiana si estendono ad altre teorie. Alcuni di loro sono i seguenti:

  • Psicologia del Sé.
  • Teoria delle relazioni oggettuali.
  • Teoria dell’attaccamento.
  • Psicologia interpersonale.
  • Psicoanalisi relazionale.

Analizziamone alcune per comprendere l’insieme delle teorie che compongono la terapia psicodinamica.

Terapia psicoanalitica

Da una parte abbiamo Freud con la terapia psicoanalitica che ha postulato l’esistenza di forze inconsce contro forze consce. Freud propone il modello strutturale, in cui l’«Es», l’«Io» e il «Super Io», sono tre istanze differenti.

  • Gli aspetti inconsci si trovano nell'”Es”, la culla di tutti gli impulsi e le pulsioni.
  • Il “Super Io” rappresenta l’autorità, le regole e i valori morali.
  • Infine, l’“Io” si caratterizza per il suo ruolo di mediazione tra le due istanze precedenti.

Questo modello coesiste con quello strutturale, poiché l’Es è caratterizzato da elementi inconsci, mentre il Super-Io e l’Io presentano entrambe le componenti.

Psicoterapia dell’Io

Successivamente è emersa con maggiore forza la “psicoterapia dell’Io” con l’obiettivo di fornire delle risorse per la risoluzione dei conflitti. Tra i maggiori esponenti troviamo Erikson, che approfondisce la teoria psicosessuale dello sviluppo.

L’individuo deve superare determinate sfide o compiti quando si sposta da una fase all’altra. Erikson ha dato enorme importanza all’influenza del contesto e della società come variabili che influenzano la vita psichica delle persone.

Per Anna Freud, invece, i conflitti sono dovuti all’uso di difese primitive al posto di difese mature. Ha anche identificato meccanismi di difesa maggiori rispetto a quelli proposti da Freud.

Teoria delle relazioni oggettuali

La teoria delle relazioni oggettuali suggerisce che lo sviluppo della personalità è influenzato dalla qualità della relazione che una persona ha con il suo “oggetto” di affetto o amore. Possono essere esterni o interni (immagini interiorizzate di oggetti esterni). Qui troviamo figure come Melanie Klein o Winicott.

Teorie dell’attaccamento

Queste teorie sono state ricreate dalle teorie dell’attaccamento, il cui principale rappresentante è J. Bowlby. Secondo questo studioso, la personalità è plasmata dal rapporto con le figure di cura principali. Bowlby ha identificato le seguenti tipologie di attaccamento:

  • Sicuro.
  • Insicuro.
  • Ambivalente.

Metodi e obiettivi della terapia psicodinamica

La terapia psicodinamica adotta metodi diversi, a seconda delle teorie con cui si identifica. I più utilizzati sono i seguenti:

  • Libera associazione: consiste nel rivelare al paziente la prima cosa che gli viene in mente, in un ambiente rilassato e calmo. La base di questa tecnica sostiene che la persona arriverà da sola ad individuare il problema che lo preoccupa.
  • Transfert e controtransfert: si riferisce alla relazione tra il terapeuta e il paziente, un legame in cui si ripetono o si ripropongono aspetti di altre relazioni, soprattutto quelle dell’infanzia.
  • Lavorare con resistenza: nel corso della terapia sorgono degli ostacoli per “sbloccare” alcune situazioni. Il terapeuta “richiede” o “spinge” il paziente un po’ di più per lavorare su quei blocchi e arrivare al nocciolo della questione.

Quando scegliere la terapia psicodinamica?

La terapia psicodinamica si concentra su diversi obiettivi, tra cui:

  • Promuovere la conoscenza di sé, partendo dal capire come siamo e come ci comportiamo per comprendere l’origine di molti dei nostri limiti. Permette di fare luce sul presente mentre ci rivolgiamo al passato.
  • Imparare a stabilire dei collegamenti di qualità.
  • Conoscere le proprie emozioni.
  • Evitare di ripetere schemi comportamentali disfunzionali o dannosi.
  • Ridurre i conflitti interni e imparare a gestirli.
Quando scegliere la terapia psicodinamica?
Il terapeuta può suggerire la terapia psicodinamica come strumento per aumentare la consapevolezza di sé del paziente.

L’importante è sentirsi a proprio agio

Al di là dell’esistenza di molteplici approcci e strumenti di lavoro, quando si inizia la terapia è importante sentirsi a proprio agio.

Per questo, conviene chiedere in anticipo come lavora ogni terapeuta e fare attenzione a come ci si sente durante la seduta. A volte è necessario chiedere un rinvio o trovare un altro professionista. Non tutte le persone sperimentano la terapia allo stesso modo. Quindi, è bene fare un lavoro di ricerca per capire quale approccio fa al caso vostro.

Potrebbe interessarti ...
Autoipnosi: tutto quello che c’è da sapere
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Autoipnosi: tutto quello che c’è da sapere

L'autoipnosi è una modalità di coscienza di veglia raggiunta attraverso parole, visualizzazioni e gesti controllati.



    • Steinert, C., Munder, T., Rabung, S., Hoyer, J., & Leichsenring, F. (2017). Psychodynamic Therapy: As Efficacious as Other Empirically Supported Treatments? A Meta-Analysis Testing Equivalence of Outcomes. In American Journal of Psychiatry (Vol. 174, Issue 10, pp. 943–953). American Psychiatric Association Publishing. https://doi.org/10.1176/appi.ajp.2017.17010057
    • Barber, J. P., & Sharpless, B. A. (2015). On the future of psychodynamic therapy research
    • Jacques y Solomonov Nili. (17 de Marzo de 2016). Teorías Psicodinámicas. Obtenido de Universidad de Buenos Aires: http://www.psi.uba.ar/academica/carrerasdegrado/psicologia/sitios_catedras/obligatorias/070_psicoterapias1/material/teorias_psicodinamicas_espanol.pdf
    • Ramírez, N. (2010). Las relaciones objetales y el desarrollo del psiquismo: una concepción psicoanalítica. Revista De Investigación En Psicología13(2), 221–230. https://doi.org/10.15381/rinvp.v13i2.3729
    • Guntrip, H. (1971). Estructura de la personalidad e interacción humana: la síntesis progresiva de la teoría psicodinámica. In Estructura de la personalidad e interacción humana: la síntesis progresiva de la teoría psicodinámica (pp. 404-404).