Che cos'è la retrognazia mandibolare e qual è il suo trattamento?

La retrognazia mandibolare può causare problemi estetici, mal di testa, difficoltà di masticazione e apnea notturna. Vi spieghiamo di cosa si tratta.
Che cos'è la retrognazia mandibolare e qual è il suo trattamento?
Diego Pereira

Revisionato e approvato da il dottore Diego Pereira.

Ultimo aggiornamento: 30 maggio, 2023

La retrognazia mandibolare è una comune deformità dentale e facciale. Il termine retrognazia deriva dal latino retro, che significa “all’indietro”, e dal greco gnathos, che significa “mascella”.

In altre parole, si tratta di un disallineamento tra la mascella e l’osso mascellare. Nella maggior parte dei casi, la causa è un insufficiente sviluppo dell’osso mascellare. Di conseguenza, la mascella è posizionata posteriormente, più indietro del normale.

In questo modo, osservando il profilo della persona colpita, è facile notare la posizione alterata. Il problema di questa malformazione è che non solo influisce sull’estetica, ma può anche portare a una serie di complicazioni dentali e di salute. Volete saperne di più?

Vi spieghiamo cos’è, quali sono le possibili cause e i trattamenti disponibili.

In cosa consiste la retrognazia mandibolare?

La retrognazia mandibolare è una malformazione ossea. Si verifica una discrepanza tra le dimensioni dell’osso mascellare e quelle dell’osso mandibolare.

Di conseguenza, sono disallineati l’uno rispetto all’altro e ciò significa che anche le file di denti non combaciano. La mandibola è “arretrata” rispetto alla mascella.

Secondo un articolo della Everest Dental Clinic, questo è uno dei tipi di malocclusione dentale che tende a causare problemi nel morso e nell’estetica del viso. Può comparire perché la mascella si sviluppa più del normale o, al contrario, perché la mandibola è sottosviluppata. Può anche essere una combinazione di entrambi i fattori. Se si osserva una persona con retrognazia di profilo, la parte inferiore del viso ha una forma concava.

Si parla anche di malocclusione di classe II o di mascella corta.

Sintomi associati a questa patologia

La retrognazia mandibolare ha un impatto estetico significativo. Come spiega una pubblicazione dell’Istituto Maxillo-Facciale, vi è un rapporto anomalo tra l’osso mascellare e quello mandibolare.

I denti superiori sporgono sopra quelli inferiori e la mascella. Pertanto, guardando la persona di profilo, il mento è infossato e non c’è proiezione della mascella.

Questo può comportare problemi di autostima e di fiducia in se stessi; tra l’altro, le persone colpite hanno spesso difficoltà a masticare e problemi dentali.

Anche l’articolazione temporo-mandibolare è spesso interessata, come verrà spiegato di seguito.

Quali sono le cause della retrognazia mandibolare?

Questa condizione inizia solitamente durante lo sviluppo o la crescita. Può anche verificarsi in qualsiasi momento della vita, anche se è un po’ meno comune. Per capire perché si verifica, è importante comprendere come si sviluppa normalmente la mandibola.

Come spiegato in una pubblicazione su StatPearls la mascella inizia a ossificarsi durante la sesta settimana di gestazione. Il condilo della mascella è la parte che si articola con il cranio, attraverso l’articolazione temporo-mandibolare. Si sviluppa più tardi, a circa dieci settimane di gestazione.

La mandibola cresce progressivamente in avanti e verso il basso, mentre si forma anche il condilo. Il pieno sviluppo si raggiunge di solito intorno ai 17 o 18 anni di età nelle femmine. Negli uomini può manifestarsi a 20 anni di età.

Nelle persone affette da retrognazia mandibolare, la crescita si arresta di solito molto prima. Di conseguenza, la mandibola è spostata all’indietro e non può essere allineata con l’osso mascellare. Può anche accadere che l’osso mascellare si sviluppi più velocemente del normale.

Quando compare in età adulta, è dovuto a diverse ragioni. Un grave trauma alla mascella o all’articolazione temporo-mandibolare può limitare la crescita. Può anche verificarsi in caso di interventi chirurgici al cranio.

Possibili complicazioni

Questa patologia può causare gravi complicazioni, al di là dei problemi estetici. Ad esempio, alcuni bambini iniziano ad avere problemi fin dalla nascita. Questo perché il disallineamento tra le due ossa può renderli incapaci di succhiare correttamente il capezzolo della madre.

D’altra parte, il fatto che le due ossa non combacino correttamente significa che anche le file di denti non combaciano. L’allineamento dei denti consente di masticare e macinare il cibo. Quando ciò accade, quindi, può essere difficile mordere e masticare.

Inoltre, con l’avanzare dell’età, i denti tendono a diventare più storti o traballanti. Le persone affette da retrognazia mandibolare presentano spesso disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare. La tensione accumulata nella mascella e nell’articolazione provoca spasmi muscolari e forti dolori alla mascella e alla testa.

Un’ altra complicazione comune è l’apnea ostruttiva del sonno. Ciò significa che durante il sonno si verificano problemi di respirazione, che possono anche portare ad apnea notturna. Questi episodi provocano un sonno insufficiente e sonnolenza durante il giorno.

Trattamenti disponibili per la retrognazia mandibolare

La retrognazia mandibolare richiede solitamente un trattamento. Per questo scopo, è innanzitutto importante una diagnosi corretta. In molti casi è sufficiente un esame fisico. Tuttavia, spesso vengono eseguiti ulteriori esami per confermare la diagnosi.

Le radiografie sono essenziali. La più utilizzata è la radiografia cefalometrica laterale. Questa tecnica permette di analizzare l’intero cranio e le sue dimensioni, per verificare se la mascella è meno sviluppata del normale. Si studiano anche l’angolo, la sua lunghezza e il suo rapporto con il resto dello scheletro facciale.

Una volta effettuato lo studio, si può pianificare il trattamento se necessario. Se il caso è lieve e poco sintomatico, non è sempre necessario trattarlo. Tuttavia, nelle sezioni seguenti spieghiamo quali sono le opzioni più utilizzate.

Trattamento nei neonati e nei bambini

Il trattamento della retrognazia nei neonati e nei bambini si basa solitamente sull’uso dell’ortodonzia. L’idea è che i bambini siano ancora in fase di crescita. Pertanto, si può cercare di rallentare la crescita della mascella.

Il motivo è che non c’è modo di stimolare la crescita della mascella in quanto tale. L’ortodonzia può avere molto successo nei casi lievi e moderati. I casi gravi spesso richiedono un ulteriore trattamento in adolescenza o in età adulta.

Trattamento negli adolescenti e negli adulti

Quando la crescita è già rallentata, è molto difficile modificare la retrognazia mandibolare con la sola ortodonzia. Questa tecnica può essere utilizzata quando il problema è puramente dentale. In altre parole, l’obiettivo è solo quello di correggere l’allineamento o l’occlusione dei denti, ma non la forma della mandibola.

Ci sono pazienti che desiderano correggere i lineamenti. Ad esempio, possono avere un mento profondo o rientrante. In questi casi, se il problema dentale è già stato corretto, si consiglia una mentoplastica.

I casi più gravi, associati a problemi come l’apnea notturna, richiedono di solito un intervento chirurgico. Questo consiste nell’intervenire sull’osso mascellare o sulle ossa mandibolari e mascellari. Il concetto è quello di cercare di ricostruirli per ottenere un allineamento esatto.

La retrognazia mandibolare non è soltanto un problema estetico.

La retrognazia mandibolare è un difetto che causa una posizione anomala della mandibola, che risulta più arretrata del normale. Di conseguenza, il profilo presenta il mento arretrato e una forma concava.

Il problema è che può portare a complicazioni che vanno oltre l’estetica. Ad esempio è associata a disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare e ad apnea ostruttiva del sonno. È quindi essenziale cercare di diagnosticare e trattare questa patologia il prima possibile.

Potrebbe interessarti ...
Morso aperto: cos’è e come si corregge?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Morso aperto: cos’è e come si corregge?

Il morso aperto è una malocclusione dentale molto frequente. Può compromettere la salute del cavo orale e la qualità della vita.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.