7 consigli per combattere le infezioni vaginali da funghi

9 novembre 2016
Anche se mantenere la zona asciutta e adottare una buona igiene intima è fondamentale per combattere le infezioni da funghi, è necessario anche rispettare l’umidità naturale della vagina per evitare di causare ulteriori problemi

Le infezioni vaginali da funghi sono problemi medici che possono essere scatenati dalla proliferazione di diversi tipi di microorganismi presenti nella zona intima delle donne.

La causa più frequente è la proliferazione della Candida Albicans, un fungo che si sviluppa con facilità in ambienti umidi e caldi.

Per tutte le donne è molto fastidioso soffrire di questi problemi, poiché sono spesso accompagnati da sintomi come prurito, flussi vaginali con odori sgradevoli o arrossamento delle labbra vaginali.

Come se tutto ciò non bastasse, la situazione può peggiorare con il tempo e scatenare fastidi come dolori, irritazioni e difficoltà nell’avere rapporti sessuali.

Una buona notizia per tutte le donne è che esistono alcuni consigli e rimedi naturali che possono essere utilizzati per trovare sollievo e, allo stesso tempo, combattere l’infezione.

Nel nostro articolo di oggi vogliamo svelarvi 6 dei rimedi più utili, perché possiate utilizzarli in presenza di tali problemi.

1. Mantenere la zona asciutta

mantenere-asciutta-la-zona

Le infezioni vaginali da funghi si diffondono più facilmente negli ambienti molto umidi. Cercate quindi di tenere asciutta la zona esterna della vagina, asciugandovi bene dopo la doccia e dopo essere andate in bagno.

Ricordate anche che la zona intima ha una lubrificazione naturale che non implica nessun rischio di infezione. Dovete rispettare questa umidità, perché una sua alterazione incrementerebbe il rischio di malattie.

Leggete anche: 7 abitudini da evitare nel prendersi cura della zona vaginale

2. Usare biancheria intima di cotone

Il materiale con cui è realizzato l’intimo influisce molto sullo sviluppo di queste malattie. I tessuti che assorbono l’umidità e che impediscono la traspirazione delle parti intime creano l’ambiente perfetto per la proliferazione dei funghi.

La biancheria intima in cotone è la più consigliato per la propria salute intima, poiché impedisce un eccesso di umidità e calore.

D’altra parte, dovete evitare anche l’uso di costumi da bagno umidi dopo essere uscite dalla piscina, per esempio; più tempo impiegate a cambiarlo, più aumenterà il rischio di contrarre un’infezione.

Cercate anche di usare capi d’abbigliamento larghi, soprattutto se manifestate già sintomi di candida.

3. Migliorare le proprie abitudini di igiene intima

igiene-intima

L’igiene quotidiana è la chiave principale per avere una buona salute vaginale. Lavate due volte al giorno la zona infetta usando del sapone delicato e privo di fragranze.

Assicuratevi di mantenere puliti e asciutti la vostra biancheria intima, soprattutto quando notate di avere un flusso vaginale abbondante.

Quando andate in bagno, inoltre, cercate sempre di pulirvi con un movimento da avanti verso dietro per evitare la propagazione dei funghi e dei batteri.

4. Evitare i rapporti sessuali

Anche se le infezioni da funghi non sono gravi, vi consigliamo di evitare di avere rapporti sessuali finché non saranno sparite del tutto.

Avere rapporti senza prima aver eliminato i funghi può prolungare la durata dell’infezione e, in alcuni casi, provocare malesseri anche nel partner.

5. Non usare fragranze

non-usare-frangranze

L’uso di profumi, deodoranti ed altri prodotti con fragranze per la zona intima modifica la flora batterica della vagina e facilita la proliferazione dei funghi.

Le sostanze chimiche contenute in questi prodotti non sono compatibili con il pH vaginale e tendono a causare squilibri nocivi.

6. Yogurt naturale

Lo yogurt naturale è un prodotto ricco di fermenti lattici vivi e acidi naturali che regolano il pH naturale della zona vaginale.

È uno dei rimedi più conosciuti contro la candida e le infezioni batteriche, poiché i suoi batteri positivi sono in grado di bloccare l’azione negativa dei microorganismi nocivi.

Per risolvere questi disturbi, vi consigliamo di mangiare una porzione di yogurt al giorno. Potete anche applicare lo yogurt in modo topico nelle zone esterne della vagina.

Leggete anche l’articolo: Ricetta dello yogurt fatto in casa e i suoi benefici

7. Lavaggi a base di aceto di mele

aceto-di-mele

Le proprietà antimicotiche e antibatteriche dell’aceto di mele sono molto utili per combattere i microorganismi che provocano infezioni di questo tipo.

I suoi composti acidi regolano il pH vaginale e alterano le condizioni necessarie per la proliferazione dei funghi.

In questo modo, riuscirete ad attenuare la sensazione di prurito, l’arrossamento e la produzione eccessiva dei flussi giallastri.

Ingredienti

  • 2 cucchiai di aceto di mele (20 ml)
  • 1 litro di acqua tiepida

Che cosa dovete fare?

  • Diluite due cucchiai di aceto di mele in un litro di acqua tiepida e usate la miscela ottenuta per lavare bene la zona esterna della vagina.
  • Ripetete questo lavaggio due volte al giorno finché l’infezione non sarà scomparsa.

Tutti i consigli che vi abbiamo elencato oggi sono rimedi utili e naturali per porre fine alle infezioni vaginali da funghi.

Se dopo alcuni giorni di trattamento non ottenete risultati positivi, vi consigliamo di consultare un medico per trovare un’alternativa.

Guarda anche