Come evitare che una ferita si infetti?

Un trattamento corretto delle ferite è essenziale per evitare che si infettino e portino a complicazioni.
Come evitare che una ferita si infetti?

Ultimo aggiornamento: 11 ottobre, 2021

Piccoli tagli o graffi superficiali possono essere trattati facilmente a casa, senza necessità di andare al pronto soccorso. Come evitare che una ferita si infetti? Per prima cosa occorre prendere in considerazione le caratteristiche della lesione. Prendete nota!

Come evitare che una ferita si infetti?

È importante, innanzitutto, valutare se la lesione sia così ampia o profonda da richiedere cure mediche o punti di sutura, piuttosto che ricorrere all’automedicazione. Detto questo, vi diamo alcuni suggerimenti per trattare una ferita ed evitare complicazioni.

Fermare il sanguinamento

Per prima cosa, occorre lavare accuratamente le mani con acqua e sapone. La chiave per evitare che una ferita si infetti è impedire l’entrata di germi o batteri.

tamponare il sanguinamento

Usate un panno pulito, una garza e premete delicatamente sulla zona interessata. Fate pressione per 20-30 minuti: aiuta il processo di coagulazione del sangue.

D’altra parte, per fermare il sanguinamento negli arti, è bene sollevare la parte ferita al di sopra del cuore:

  • Tenete le braccia o le mani in aria, al di sopra del torace.
  • Le gambe o i piedi possono essere sollevati su una pila di cuscini.

Visitate anche questo articolo: Sangue dal naso: 5 rimedi naturali

Pulire la ferita 

L’acqua fredda è l’ideale. Porta via residui di sabbia, sporco o qualsiasi elemento che possa causare un’infezione. La pelle intorno alla ferita deve essere lavata con acqua e sapone e poi asciugata con un asciugamano.

  • Se restano particelle nella ferita, rimuovetele con cura usando una pinzetta per sopracciglia precedentemente sterilizzata con alcool.
  • Le particelle o le schegge di grandi dimensioni devono essere rimosse da un operatore sanitario. Facendolo a casa, si possono fare più danni.
  • L’uso di alcol dovrebbe essere evitato, poiché può causare irritazione e ritardare il processo di guarigione. Inoltre, non è consigliabile pulire le ferite con batuffoli di cotone, poiché questo materiale lascia residui.

Applicare una crema antibiotica e coprire la ferita

In commercio esistono creme ideate per disinfettare le ferite. La loro funzione è quella di prevenire l’infezione, non di accelerare il processo di recupero.

È il modo più efficace per prevenire le infezioni. Se la ferita è piccola, potete utilizzare un cerotto.

Le bende

  • Chi è allergico alla colla dei cerotti o dei nastri adesivi medici può optare per una garza elastica. Acquistate una marca ipoallergenica.
  • Durante il bendaggio non è necessario stringere. Applicare troppa pressione con la benda può impedire la circolazione del sangue.
  • La benda deve essere cambiata ogni giorno, fino a quando la ferita non guarisca. Se si sporca o si bagna, è meglio sostituirla.
  • Evitate la tentazione di rimuovere costantemente la benda per vedere se la ferita sta guarendo.

Tenere sotto osservazione

Dopo aver seguito tutti i passaggi necessari per evitare che la ferita si infetti, è meglio osservare la sua evoluzione. Se si verificano i seguenti sintomi, la ferita potrebbe essersi infettata. È meglio recarsi dal medico se la ferita:

  • Non guarisce.
  • Fa male.
  • Diventa rossa.
  • È calda.
  • Presenta secrezioni simili a pus.
  • È accompagnata da febbre.

Quali ferite necessitano di cure mediche?

Alcune ferite non dovrebbero essere curate a casa, poiché comportano più rischio. Tra queste:

Tipi di ferita

  • Morsi di animali. Hanno un’alta probabilità di infettarsi.
  • Ferite in cui si perde la sensibilità dell’arto. Non sentire una parte del corpo può essere indicatore di una grave lesione ai tendini o alle ossa.
  • Ferite profonde di oltre 5 centimetri. Possono richiedere punti.
  • Ferite con oggetti incorporati come vetro, legno o pietrisco. Il tentativo di rimuovere questi oggetti può causare danni e sanguinamento.

Principali trattamenti delle ferite profonde

I trattamenti medici più comuni per le ferite sono:

Sutura

  • Il medico chiude la ferita con un filo sterile.
  • I punti saranno rimossi dopo alcuni giorni. Il tempo dipende dall’estensione della ferita.
  • I punti non dovrebbero mai essere rimossi a casa, poiché possono verificarsi lesioni e infezioni.

Strisce adesive per sutura

Mantengono la ferita chiusa in modo simile alla sutura. Anche in questo caso le strisce non devono essere rimosse dal paziente, ma dal personale sanitario.

Colla chirurgica

Mantiene chiuse ferite o lacerazioni. È consigliata per piccole ferite. Il suo utilizzo è ideale nei bambini, poiché la sua applicazione è indolore.

Evitare che una ferita si infetti: meglio prevenire

Chi ha avuto esperienza con una ferita che si è infettata, sa che non è certo un’esperienza piacevole. Per questo motivo, ci auguriamo che questi suggerimenti possano essere utili, sebbene siano dati a titolo informativo.

In ogni caso, è importante rivolgersi al medico: prevenire è meglio che curare e prevenire l’infezione di una lesione è essenziale per evitare complicazioni o brutte cicatrici.

Potrebbe interessarti ...
Chiusura delle ferite: tecniche di base
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Chiusura delle ferite: tecniche di base

Una delle tecniche più utilizzate nella chiusura delle ferite è la sutura. Tuttavia, all'interno di questo metodo esistono varianti, in base alla l...



  • Diegelmann, R. F. (2004). Wound healing: an overview of acute, fibrotic and delayed healing. Frontiers in Bioscience. https://doi.org/10.2741/1184
  • Ruiz, E. F. (2013). Antisépticos y desinfectantes. Enfermedades Infecciosas y Microbiologia. https://doi.org/10.1093/eurheartj/ehr323
  • Salem, C., Pérez, J. A., Henning, E., Uherek, F., Schultz, C., Butte, J. M., & González, P. (2000). Heridas: Conceptos generales. Cuadernos de Cirugía. https://doi.org/10.4206/cuad.cir.2000.v14n1-15
  • Velázquez RVR, Flores ÁMG, Gómez PBA. Tratamiento de heridas por mordeduras de perro en región craneofacial. Rev Odont Mex. 2013;17(4):247-255.