Come trattare le cicatrici con la cipolla

7 maggio 2014
Se avete la pelle sensibile e notate qualsiasi tipo di reazione successiva all'applicazione dell'estratto di cipolla, lavate con abbondante acqua fredda e sospendete il trattamento.

La cipolla è un alimento utilizzato in tutto il mondo, specialmente per realizzare i condimenti di numerosi piatti, dai più semplici ai più complessi. Non tutti sanno, però, che questa pianta ha moltissime proprietà benefiche per la salute e che, in particolare, può essere di grande aiuto per risolvere problemi relativi alla pelle.

In questo articolo vi mostreremo come utilizzare la cipolla come rimedio efficace per curare i segni lasciati dalle cicatrici, da quelle chirurgiche alle tipiche (ma fastidiose) smagliature.

La cipolla per migliorare l’aspetto della pelle

La cipolla agisce in modo molto efficace sulle cicatrici, aiutando a rigenerare la pelle rovinata. Per utilizzarla, la prima cosa da fare è trarre un estratto di cipolla e applicarlo sulle zone interessate. Questo estratto aiuta a migliorare la produzione di collagene nelle aree in cui si applica, migliorando notevolmente l’aspetto delle cicatrici.

L’efficacia dell’estratto di cipolla

L’estratto di cipolla è abbastanza efficace per tutte le cicatrici ipertrofiche e cheloidi (cicatrici causate da un intervento chirurgico o da una ferita su cui il tessuto in eccesso è diventato spesso e fibroso). Potrete apprezzare i risultati a partire dalle sei alle otto settimane dall’inizio del trattamento con estratto di cipolla.

Come si prepara l’estratto di cipolla?

cipolla

Per preparare l’estratto avrete bisogno di:

  • una cipolla
  • un tagliere
  • un coltello
  • 10 grammi di sapone liquido
  • acqua
  • ghiaccio
  • termometro
  • filtri per caffè
  • acqua distillata
  • 3 grammi di sale
  • due recipienti di misura media

Procedimento

Prima di tutto, mischiate il sale con il sapone, poi tagliate la cipolla in pezzettini molto piccoli cercando di fare in modo che abbiano tutti la stessa grandezza e metteteli in uno dei recipienti. Aggiungete alla cipolla il sale e il sapone, rigirando il tutto accuratamente.

Dopo di che, mettete a bagnomaria per circa quindici minuti, passati i quali dovrete procedere con un bagnomaria inverso, vale a dire con dell’acqua ghiacciata per cinque minuti, senza smettere di mescolare.

Alla fine frullate il tutto in un mixer per cinque secondi e colate l’estratto utilizzando un filtro per caffè (versatelo nel secondo recipiente che avevate preparato). Il liquido che risulterà dalla colatura è l’estratto di cipolla.

Per ottenere risultati migliori, l’estratto di cipolla dovrà essere applicato sulle parti da curare una volta al giorno, sia puro che mischiato con una crema idratante o con il latte detergente che usate di solito.

Attenzione!

Quando utilizzate questo prodotto dovete fare molta attenzione, perché se avete una pelle molto sensibile rischiate di irritarla e di scatenare una dermatite da contatto. Per questo motivo è bene tenere monitorate le reazioni della pelle e sospendere subito il trattamento se notate degli arrossamenti o simili. Se fosse necessario, chiedete un consiglio al dermatologo il prima possibile.

Guarda anche