7 consigli per avere un cuore sano

11 febbraio 2017
Svolgere attività fisica moderata, almeno tre ore alla settimana, è fondamentale per preservare la buona salute del cuore e per ridurre il rischio di soffrire di malattie coronariche

Il cuore è il muscolo più importante del corpo e spesso non gli dedichiamo le cure che si merita, almeno fino a quando qualcosa non funziona più come dovrebbe.

Le malattie cardiache sono una delle cause principali di morte di tutto il mondo. Per evitare questi problemi di salute, vi consigliamo di mantenere sano il vostro cuore.

Ma come si fa? Ve lo spieghiamo in questo articolo.

Consigli per un cuore più sano

Le abitudini sane sono fondamentali per vivere meglio e più a lungo. Ridurre il rischio di soffrire di cardiopatie è semplice, ma dipende dallo sforzo che siamo pronti a fare e da quanto desideriamo cambiare la nostra vita quotidiana.

I piccoli aspetti di tutti i giorni possono fare la differenza tra un cuore sano o soffrire di malattie cardiache.

Oltre a quei fattori che non possiamo modificare (sesso, età, eredità genetica, ecc.), vale la pena fare lo sforzo e condurre una vita più sana per prendersi cura di questo muscolo così importante.

Quindi, fate attenzione ai nostri consigli di oggi.

Leggete anche: Aritmia cardiaca: sintomi e conseguenze

1. Adottare una dieta equilibrata

Non si tratta di abbandonare per sempre la farina, i cibi fritti o gli zuccheri, oppure di iniziare una dieta vegetariana, ma semplicemente di abbinare bene gli alimenti che ingeriamo.

Bisogna evitare l’abuso di grassi saturi e i cibi di produzione industriale, poiché la quantità consumata di questi prodotti è direttamente proporzionale al rischio di soffrire di problemi cardiaci.

È molto importante anche fare attenzione al consumo di sale, carne rossa e prodotti da pasticceria.

Aggiungere più frutta e più verdura alla vostra dieta, inoltre, vi permetterà non solo di avere un cuore più sano, ma anche di migliorare le funzioni di tutti gli altri organi.

Anche i legumi, la frutta secca e la farina integrale devono essere presenti nei vostri piatti.

2. Fare attività fisica

fare-attivita-fisica

Uno stile di vita sedentario è uno dei principali fattori di rischio per le malattie coronariche.

Lo sport, invece, è ricco di benefici, tra cui la perdita di peso, la prevenzione dell’arteriosclerosi e la riduzione dei livelli di colesterolo e di zucchero nel sangue.

Per gli adulti, è consigliabile realizzare almeno 150 minuti di attività fisica moderata alla settimana (oppure 75 minuti di esercizio intenso).

Gli sport ideali sono quelli aerobici: camminare velocemente, andare in bicicletta, nuotare o correre.

3. Consumare degli snack sani

Che vi troviate in casa o in ufficio, cercate di cambiare le abitudini che vi spingono a scegliere snack poco sani tra un pasto e l’altro.

A metà mattinata, invece di scegliere un caffellatte con un cornetto, mangiate uno yogurt con cereali o un frutto.

Quando tornate a casa dal lavoro, invece di sdraiarvi sul divano con un pacchetto di patatine, scegliete i semi di girasole o le mandorle.

Gli snack sani non devono certo essere noiosi o insipidi.

Che ne dite di qualche carota a bastoncino con dell’hummus o una crema di melanzane? Oppure un sandwich con pane integrale, avocado e tacchino magro?

Ci sono migliaia di opzioni tra cui scegliere!

4. Ridurre lo stress

ridurre-lo-stress

Ovviamente esiste una relazione molto stretta tra il nervosismo e l’ansia ed i problemi cardiaci.

Alcune persone sono più propense a soffrire di stress oppure a lasciarsi travolgere dai pensieri negativi. Se siete una di queste persone, avete urgente bisogno di alcune tecniche di rilassamento.

Potete provare con lo yoga, la meditazione o persino la terapia.

Altre idee sono:

  • Andre più spesso in campagna.
  • Fare più bagni nella vasca a casa.
  • Leggere sdraiati sul divano.
  • Ascoltare della musica rilassante prima di andare a dormire.

5. Evitare il fumo e l’alcol

Il tabacco contiene molte sostanze pericolose che, oltre ad essere una delle principali cause di cancro ai polmoni o all’esofago, hanno un effetto nocivo anche sul cuore, sulle vene e sulle arterie.

Il fumo di sigaretta aumenta la possibilità di soffrire di trombosi e riduce il flusso sanguigno. Bisogna anche fare attenzione se non fumate, perché si corrono gli stessi rischi quando qualcuno vicino a voi ha questo vizio.

Per quanto riguarda il consumo di alcol, bisogna sottolineare che un bicchiere di vino rosso al giorno non fa male, anzi è ottimo per la salute.

Le altre bevande alcoliche, invece, soprattutto se assunte in eccesso, causano gravi problemi al cuore.

La comparsa di malattie cardiovascolari è strettamente collegata al consumo eccessivo di alcol.

6. Mantenere il proprio peso ideale

bilancia

Anche i problemi di obesità e sovrappeso sono legati a diversi problemi cardiaci.

L’indice di massa corporea è un dato che può aiutarvi a capire esattamente quanti chili o centimetri dovete perdere (anche se non è l’unico metodo utile).

Basta perdere il 10% del proprio peso corporeo per regolare la pressione sanguigna e migliorare la salute delle arterie.

Sapere qual è la nostra taglia o il nostro peso ideale non deve essere motivo di ossessione e di dimagrimento ad ogni costo.

Ridurre le quantità poco a poco è molto più sano che iniziare una dieta “miracolosa” che promette di far perdere 10 chili in una settimana. Non dovete nemmeno smettere di mangiare per raggiungere il vostro obiettivo, perché così non farete che patire la fame.

Vi consigliamo di leggere anche: 8 motivi per cui non si riesce a perdere peso

7. Dormire abbastanza

dormire

Quanto sarebbe “abbastanza”? Dipende da ognuno di noi, ma si stima che un adulto giovane abbia bisogno di dormire tra le 6 e le 8 ore a notte.

Adottare le giuste abitudini del sonno fa bene al cuore, poiché riduce il rischio di soffrire di tachicardia o di attacchi cardiaci.

Se dormiamo solo qualche ora, il nostro corpo non è in grado di produrre la quantità necessaria di serotonina, che si occupa di farci stare bene.

Se il corpo non riceve la giusta dose di questo ormone, può scatenare una voglia maggiore di mangiare e di bere.

Guarda anche