9 consigli per combattere la stitichezza acuta

29 marzo 2017
Mantenersi attivi è fondamentale per favorire i movimenti peristaltici e combattere la stitichezza. Se passate troppo tempo seduti, cercate di alzarvi ogni tanto, per evitare il problema

Il consiglio più comune quando si soffre di stitichezza è seguire una dieta ricca di fibre, scegliendo alimenti come frutta e verdura, legumi, cereali integrali e frutta secca.

Ciò nonostante, molte persone continuano a soffrire di questo disturbo nonostante seguano una dieta equilibrata.     

In questo articolo vi offriamo 9 consigli per dire addio alla stitichezza acuta in maniera naturale, oltre a farvi conoscere alcuni aspetti relazionati al funzionamento dell’intestino che forse non conoscete.      

Combattere le cause della stitichezza

Per combattere un problema in maniera naturale, dobbiamo tener conto delle cause che lo provocano per non limitarci ad occultare o alleviare i sintomi dello stesso.

Per tale motivo, combattere la stitichezza quando il problema è cronico o complicato può essere una questione complessa e differente da persona a persona.     

Di seguito vi presentiamo alcuni fattori che potrebbero provocare o aggravare questo problema intestinale, affinché possiate superarlo in modo efficace e definitivo.

1. Bere acqua

Se si incrementa il consumo di fibre, seguendo il buon coniglio di qualsiasi nutrizionista, bisognerebbe aumentare anche l’assunzione di acqua poiché, in caso contrario, potremmo aggravare il problema.

Bere acqua ci aiuta a digerire le fibre, evitare il gonfiore e facilitare il movimento intestinale, sopratutto nei casi di persone che sono solite assumere alimenti ricchi di fibre o crusche.

Dovremmo bere, almeno, 8 bicchieri di acqua al giorno, a digiuno e lontano dai pasti.

Leggete anche: Bere acqua: 5 effetti sul cervello

2. Combattere il nervosismo

Molti casi di stitichezza acuta sono causati dal nervosismo, che influisce sul movimento intestinale.

In questo caso, per combattere il problema, dovremo rilassare il sistema nervoso con esercizi, respirazione consapevole ed integratori naturali come la passiflora, la melissa o la lavanda.

3. Controllate la tiroide


Quando si presenta un problema ricorrente o cronico, è sempre bene realizzare delle analisi per controllare il proprio stato di salute generale.

Nel caso della stitichezza, uno dei fattori che possono peggiorarla senza un apparente motivo è uno scorretto funzionamento della tiroide.  

Se le analisi confermano tale teoria, il trattamento dovrà focalizzarsi sulla regolazione del funzionamento di questa ghiandola, per migliorare, in maniera diretta, la funzione dell’intestino.

4. Dire addio allo stile di vita sedentario

La sedentarietà è un problema che riguarda la maggior parte della popolazione, non solo chi non pratica sport in maniera abituale, ma anche chi passa troppe ore al giorno seduto e senza muoversi.

La mancanza di movimento ed esercizio immobilizza sempre più il nostro addome, che ha bisogno di movimento per facilitare la peristalsi intestinale.  

Questo è fondamentale per espellere le feci.

5. Fate attenzione ai lassativi

Le persone che provano a combattere la stitichezza con lassativi chimici o anche con alcuni lassativi naturali irritanti, come, ad esempio, la senna, possono soffrire, a lungo andare, di problemi intestinali cronici.

I lassativi non dovrebbero essere che rimedi da assumere sporadicamente per combattere le crisi di stitichezza puntuali.

Se si assumono dei lassativi, bisogna poi ricorrere a degli integratori per ripopolare la flora batterica e ad alimenti ricchi di mucillagini, come ad esempio:

  • I semi di chia
  • I semi di lino
  • L’avena
  • La piantaggine

6. Aiutare il fegato

In alcuni casi, una funzione debilitata del fegato e della cistifellea possono rendere difficile la defecazione. Se soffrite di cattiva digestione, problemi alla vista o zampe di gallina premature, probabilmente è il vostro caso.

Per migliorare la funzione epatica e biliare, dovrete assumere alimenti amari e dintegratori. Optate per quelli a base di cardo mariano oppure di dente di leone, boldo o carciofo.

7. Qualsiasi luogo va bene

Molte persone non riescono ad andare di corpo se non si trovano a casa propria. Questa cattiva abitudine nuoce, a lungo andare, la funzione intestinale.

Per tale motivo, dovremmo andare in bagno ogni volta che ne sentiamo il bisogno.   

8. Alimenti chiave nella dieta

Alcuni alimenti possiedono proprietà lassative molto benefiche per migliorare la funzione intestinale in maniera delicata e naturale:

  • Prugne secche
  • Kiwi maturi
  • Mele al forno con la buccia
  • Semi di chia e di lino
  • Avena cotta
  • Psillio

Leggete anche: 5 deliziosi modi per trarre beneficio dai semi di chia

9. Prendersi cura del ventre

L’ultimo consiglio che vi diamo è quello di prendervi cura del ventre e capire di cosa ha bisogno.

A volte si tratta di cose semplici, come un automassaggio con olio, qualche carezza o l’applicazione di una fonte di calore prima di mettersi a letto.

Guarda anche