6 consigli per prevenire e trattare una distorsione alla caviglia

La distorsione alla caviglia è una lesione molto comune che può essere dovuta a cause differenti, come cadere malamente su un piede o fare esercizio su una superficie irregolare. In questo articolo vi offriamo una serie di consigli per evitare questo problema o per trattarlo dopo che si è presentato.
6 consigli per prevenire e trattare una distorsione alla caviglia

Ultimo aggiornamento: 27 aprile, 2021

La distorsione alla caviglia è una lesione piuttosto comune, soprattutto nelle persone che svolgono regolarmente attività fisica. È causata da uno stiramento o da uno strappo dei legamenti che sostengono le ossa della caviglia.

Le distorsioni alla caviglia che non vengono curate adeguatamente possono portare allo sviluppo di alcuni problemi, come dolore costante in questa zona del corpo, mancanza di stabilità o artrite articolare. Ecco perché è così importante seguire alcuni consigli per evitare questa condizione.

Consigli per prevenire e trattare una distorsione alla caviglia

In molti casi, le attenzioni personali e alcuni analgesici possono essere sufficienti per trattare una distorsione. Tuttavia, come abbiamo detto, se non viene curata con la dovuta attenzione, la distorsione può dare origine ad altre complicazioni. Nelle righe che seguono vi spieghiamo in che modo sarebbe possibile prevenire questo problema.

1. Allenamento propriocettivo

Distorsione della caviglia: movimento della caviglia.

 

È un allenamento fondamentale, praticato generalmente dagli sportivi, allo scopo di rafforzare i legamenti e prevenire la comparsa di nuove distorsioni della caviglia. La sua funzione principale è quella di preparare questa parte del corpo a rispondere alle future lesioni. Di solito, si consiglia che questi esercizi vengano eseguiti sotto l’osservazione di un fisioterapista, per evitare di aggravare la lesione.

2. Equilibrio tra le due gambe

Ognuno di noi ha un arto predominante. Per tale motivo, l’altro spesso non si sviluppa a dovere. Avere una caviglia più resistente dell’altra può essere un problema poiché aumenta il rischio di soffrire di lesioni future.

Per prevenire le distorsioni, è necessario allenare entrambe le gambe allo stesso modo. Allo stesso tempo, è fondamentale uno sviluppo muscolare equilibrato di entrambi gli arti, in grado di potenziare la muscolatura e le buone condizioni dei legamenti.

3. Allenamento muscolare per evitare la distorsione della caviglia

Ragazza che fa stretching.

 

Un adeguato allenamento muscolare rafforzerà in maniera ottimale la zona della caviglia. Ciò aiuterà a prevenire distorsioni e altre lesioni, perché la muscolatura che protegge le caviglie si troverà in buone condizioni. Per raggiungere questo risultato bisogna allenarsi, non solamente con una buona intensità nell’esecuzione degli esercizi, ma anche attraverso attività di equilibrio e coordinazione.

4. Eliminare la paura dopo aver subito una distorsione alla caviglia

Dopo una distorsione alla caviglia, molte persone temono che la lesione si verifichi nuovamente. Ciò genera alcuni limiti mentali in quanto alla postura e alla realizzazione di determinate attività. Affinché la caviglia danneggiata guarisca adeguatamente e per evitare che compaiano recidive della distorsione, è necessario trovare un equilibrio con l’altro piede.

Un buon trattamento di recupero aiuta a recuperare la completa mobilità della caviglia. In questo modo, la persona perderà la paura di una futura lesione. Dopo il tempo di riposo consigliato dal fisioterapista, è fondamentale che questa parte del corpo riceva gli stimoli adeguati.

5. Trattamento adeguato

Quando si subisce una distorsione alla caviglia, è necessario seguire questi semplici consigli, proposti dalla Mayo Clinic:

  • Riposare. Sovraccaricare la zona lesionata può essere doloroso e renderne difficile il recupero.
  • Applicare del ghiaccio. Usare impacchi di ghiaccio o mettere la caviglia in acqua ghiacciata per periodi di 15 secondi ogni due o tre ore è molto utile per trattare questo problema. Bisogna sempre, però, tenere in considerazione il limite di resistenza di ogni persona.
  • Applicare una benda elastica compressiva. La compressione della zona può contribuire a ridurre il gonfiore, a patto che questa venga adattata in modo da evitare di compromettere la circolazione del sangue.
  • Tenere la caviglia in posizione elevata. Sollevare la zona al di sopra del cuore può aiutare a contrastare il gonfiore, soprattutto quando ci si trova in posizione distesa.
Caviglia fasciata.

6. Riabilitare la caviglia

La riabilitazione può avere inizio solamente dopo la conclusione del periodo di riposo prescritto dal medico. In questo modo, una volta ridotta l’infiammazione nella zona interessata, verranno introdotti alcuni esercizi di mobilizzazione.

La fisioterapia di riabilitazione cercherà di fare sì che la mobilità venga recuperata completamente, così come la forza, la stabilità e la flessibilità della caviglia colpita. Sarà il professionista a stabilire le regole da seguire durante questo processo, in base alla gravità della lesione e alle caratteristiche specifiche di ogni singolo caso.

Ulteriori consigli per prevenire una distorsione alla caviglia

Oltre a quelle citate nelle righe precedenti, ci sono altre abitudini che possiamo introdurre nella nostra routine quotidiana per evitare questa lesione, come l’esecuzione di un riscaldamento prima dell’esercizio fisico e l’impiego di calzature adeguate, fare particolare attenzione quando si cammina su una superficie irregolare e utilizzare una fascia di sostegno sulla caviglia che ha precedentemente subito una lesione.

Se avete sofferto di questo problema o desiderate evitare che si verifichi, seguite questi semplici consigli per rafforzare e riabilitare questa zona nel modo più adeguato.

 

Potrebbe interessarti ...
Caviglie e gambe gonfie: sintomo di 5 problemi di salute
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Caviglie e gambe gonfie: sintomo di 5 problemi di salute

Esistone diversi rimedi per alleviare il problema delle caviglie e gambe gonfie, ma se l'infiammazione non diminuisce, bisogna consultare subito il...



  • Vanmeerhaeghe, A. F., Tutusaus, L. C., de Antolín Ruiz, P., & i Ortigosa, N. M. (2008). Efectos de un entrenamiento propioceptivo sobre la extremidad inferior en jóvenes deportistas jugadores de voleibol. Apunts. Medicina de l’Esport43(157), 5-13.
  • Urrialde, J. M., Núñez, S. P., & del Olmo, A. B. (2006). Inestabilidad crónica de tobillo en deportistas. Prevención y actuación fisioterápica. Revista Iberoamericana de Fisioterapia y Kinesiología9(2), 57-67.
  • Cruz-Díaz, D. (2013). Inestabilidad crónica de tobillo: tratamiento mediante movilizaciones articulares y un programa de entrenamiento propioceptivo. Validación de la versión española del cuestionario” Cumberland Ankle Instability Tool”.
  • Clínica Mayo. Esguince de tobillo. (2018). Recuperado el 3 de junio de 2020. https://www.mayoclinic.org/es-es/diseases-conditions/sprained-ankle/symptoms-causes/syc-20353225