Consigli scientifici per imparare cose nuove più velocemente

L'apprendimento è un processo mentale spontaneo che richiede l'uso di strategie. Se stai avendo difficoltà ad imparare cose nuove, ecco alcuni consigli scientifici.
Consigli scientifici per imparare cose nuove più velocemente

Ultimo aggiornamento: 15 dicembre, 2022

Se sei una di quelle persone a cui piace imparare cose nuove più velocemente, ti presentiamo una serie di consigli scientifici. Ti aiuteranno ad avere una mente più agile quando si tratta di comprendere, memorizzare e ricordare. Inoltre, potrai conservare tutte le informazioni.

Ogni persona ha processi cognitivi da apprendere che sono diversi e complessi. Tuttavia, se conosci e metti in pratica alcuni metodi per renderlo più facile e veloce, il tuo cervello ricorderà le informazioni in modo efficace e raggiungerai il tuo obiettivo.

Quindi, quindi, presentiamo alcuni dei consigli che la scienza ci dà per imparare nuove cose più velocemente. Non perderteli.

1. Tecniche visive

Uno studio sottolinea l’importanza del ricorso alle tecniche visive come metodo di apprendimento innovativo e alternativo. Si sottolinea che l’uso di risorse, come immagini, mappe mentali e infografiche, è molto utile per l’apprendimento di fatti storici, date importanti, dati, teorie e concetti.

Le informazioni vengono immagazzinate nel cervello in modo dinamico e didattico. Inoltre, poiché viene elaborata in modo cronologico e significativo, è più facile apprendere e ricordare queste informazioni quando è necessario utilizzarle.

2. Lavoro di squadra

Un’indagine, il cui obiettivo era determinare le strategie di apprendimento più utilizzate dagli studenti della Escuela Superior Politécnica de Chimborazo, ha indicato che la più predominante in questa popolazione è legata al lavoro di squadra.

Questo studio ha stabilito che quando gli studenti hanno l’opportunità di studiare in una squadra, imparano più velocemente. Cosa migliora se vengono incluse forme attive di tentativi ed errori. Allo stesso modo, questo meccanismo di apprendimento fa durare più a lungo le conoscenze acquisite.

La ragione di ciò è che in questo lavoro di squadra vengono utilizzate diverse tecniche, come la lettura, la scrittura, le forme visive che vengono poi socializzate o condivise tra i pari.

Lo studente annoiato si addormenta.
Lo studio di gruppo aiuta a contrastare la noia e la mancanza di entusiasmo di alcuni giovani.

3. Concentrazione

Quando vuoi imparare più velocemente, la cosa migliore che puoi fare è impegnarti completamente nello studio. Ciò significa nessuna distrazione o più obblighi. Se ti metti in modalità multitasking sarà più complicato memorizzare le informazioni che desideri.

Inoltre, ogni volta che ti distrai, ci vorranno 20 minuti per rimettere a fuoco. La concentrazione è così importante che gli studi sul rendimento scolastico indicano che la sua mancanza negli studenti nella fase scolastica limita lo sviluppo delle conoscenze.

4. Scrivi quello che hai imparato

Se stai studiando e hai già imparato qualcosa di nuovo, dovresti prendere un pezzo di carta e una penna e scriverlo. Funziona allo stesso modo se prendi appunti durante il processo, perché quando leggi impari, ma quando lo scrivi stai rafforzando la codifica delle informazioni.

In effetti, gli studi sull’impatto della scrittura come metodo di apprendimento hanno indicato che questa è più di un’abilità. È un metodo che permette di immagazzinare conoscenze e che aiuta a migliorare il modo in cui il mondo è concepito.

5. La pratica

Un altro dei consigli della scienza per imparare qualcosa più velocemente risiede nella pratica di ciò che è stato appreso. Vari studi hanno evidenziato che la conoscenza o il contenuto teorico devono sempre essere accompagnati dalla pratica.

Una volta che ti eserciti, il tuo cervello codificherà quel momento e, per la prossima volta che dovrai farlo, avrai rinforzo e lo farai sempre meglio.

6. Insegnare agli altri

Quando usi le tue conoscenze per insegnare agli altri, usi le tue stesse parole per descrivere la teoria di qualcosa che già padroneggi. Cioè, stai accedendo a informazioni che hai già codificato nel cervello e le rafforzi ogni volta che le verbalizzi.

D’altronde ogni volta che devi insegnare una materia, anche se la padroneggi, è normale che tu studi per chiarire eventuali dubbi, rafforzando anche quanto già appreso. Così, a poco a poco, diventi un esperto.

7. Tentativi ed errori

Sbagliare non è sbagliato; È naturale. Gli errori ci aiutano a interiorizzare come facciamo le cose e cosa possiamo fare per migliorarle la prossima volta.

Infatti, gli studi sull’apprendimento motorio indicano che le persone hanno bisogno di esercitarsi frequentemente, commettere errori e correggerli.

L’obiettivo di questo è migliorare il processo di apprendimento e raggiungere l’obiettivo di commettere meno errori e ridurre lo sforzo messo nel compito o nell’argomento.

8. Imparare a poco a poco

Le abilità sono più facili da padroneggiare quando le impari poco a poco. Se suddividi tutto ciò di cui hai bisogno per studiare in sezioni piccole e concrete, ti concentri sull’impararle una alla volta. Avrai tempo per padroneggiare tutta la conoscenza di cui hai bisogno senza stancarti.

Come accennato nel punto precedente, in questo modo potrai commettere errori, risolvere e continuare con un nuovo argomento, rafforzando le tue conoscenze. Se sei paziente, una volta che impari tutto e raccogli le conoscenze vedrai come otterrai un’abilità superiore.

Imparare cose nuove più velocemente.
Lo studio continuo non porta benefici. Al contrario, si consiglia di riposare tra una sessione e l’altra per migliorare le prestazioni.

9. Dormire tra le sessioni di studio

Molti studenti universitari tendono a studiare instancabilmente e a trascurare il sonno. Si scopre che uno studio sulla relazione tra sonno e apprendimento ha indicato che contribuisce alla conservazione a lungo termine delle informazioni. Secondo questa ricerca, si verifica perché i processi di memoria vengono riattivati.

Inoltre, le sessioni di apprendimento in combinazione con il sonno riducono la quantità di pratica necessaria del 50%. A ciò si aggiunge che, in questo modo, le informazioni vengono conservate molto meglio e per lungo tempo. Quindi l’ideale è studiare ciò di cui hai bisogno, dormire e tornare alla tua sessione.

Gli esperti che hanno avanzato questo articolo sottolineano che l’ideale è avere una sessione di studio da 30 a 50 minuti, dormire 1 ora e continuare con un’altra sessione di altri 30 o 50 minuti.

Metti in pratica questi consigli scientifici per imparare cose nuove più velocemente!

Come accennato, mettere in pratica questi suggerimenti scientifici per imparare più velocemente può portare molti vantaggi al tuo processo di apprendimento. Questi sono consigli molto semplici e facili da mettere in pratica, ma faranno la differenza nella tua metodologia.

Se questo è il tuo obiettivo, non accontentarti di un solo consiglio. Provane almeno due e vedi come funzionano per te. Se uno non ti sembra utile, puoi provarne un altro o rafforzare quello che ha funzionato.

Potrebbe interessarti ...
Studiare con la musica: cosa dice la scienza
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Studiare con la musica: cosa dice la scienza

È meglio studiare con la musica o senza? Può essere utile sapere che cosa afferma la scienza al riguardo. Ne parliamo in questo articolo.



  • Pinargote-Valencia, K. E. (2021). Visual Thinking una alternativa innovadora en los procesos de enseñanza–aprendizaje de Estudios Sociales. Dominio de las Ciencias, 7(1), 3-15.
  • Huamaní, O. G., & Esquivel, D. A. (2021). El proceso enseñanza–aprendizaje–evaluación (PEAE) una didáctica universitaria. Horizonte de la Ciencia, 11(20), 243-254.
  • Santillán-Castillo, J. R., Tapia-Bonifaz, A. G., & Yumi-Guacho, L. M. (2021). Determinación del perfil de aprendizaje para la implementación de entornos virtuales de aprendizaje centrados en el estudiante. Dominio de las Ciencias, 7(1), 355-371.
  • Alejo Huamán, Y. L., Papuico Patricio, C. A., & Tapia Perez, J. K. (2021). Estrategias de aprendizaje en estudiantes universitarios de educación.
  • Ingvarson, L., & Kleinhenz, E. (2006). Estándares profesionales de práctica y su importancia para la enseñanza. Revista de educación, 340, 265-295.
  • López Torres Carmen A., Pérez Velarde Lady P. La concentración y su incidencia en el rendimiento académico de los estudiantes de la unidad básica N.-22 “Paulino Millán Herrera” del Cantón Milgrado. Universidad Estatal de Milgrado, 2011.
  • Giraldo Giraldo, C. (2016). La escritura en el aula como instrumento de aprendizaje. Estudio en universidades. ÁNFORA, 22(38), 39-60. https://doi.org/10.30854/anf.v22.n38.2015.25
  • Calvo, Gloria (1996). “Nuevas formas de enseñar y aprender”. Santiago: UPN, 42 pp. Disponible en: https://www.uv.mx/dgdaie/files/2012/11/CPP-DC-Calvo-Nuevas-Formas.pdf
  • 1. Mazza S, Gerbier E, Gustin M-P, et al. Relearn Faster and Retain Longer: Along With Practice, Sleep Makes Perfect. Psychological Science. 2016;27(10):1321-1330. doi:10.1177/0956797616659930

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.