Integratori per migliorare la memoria e la concentrazione

Un modo per nutrire e stimolare la mente è attraverso gli integratori. Questa combinazione di vitamine e minerali è un'ottima risorsa per la mente. Ne parliamo in questo articolo.
Integratori per migliorare la memoria e la concentrazione

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

Con il passare degli anni la salute del cervello si deteriora. Per aiutare questo organo a funzionare correttamente dobbiamo condurre un’alimentazione sana, coltivare abitudini sane come la meditazione, fare esercizi che stimolano il cervello, ma non solo: pare che anche l’uso degli integratori per la memoria e la concentrazione sia un’ottima risorsa.

L’assunzione degli integratori per la memoria e la concentrazione genera qualche polemica, poiché è necessario approfondire di più e realizzare maggiori studi che ne verifichino la totale efficacia per la salute del cervello.

Tuttavia, secondo il laboratorio Bayer ®, alcune ricerche indicano che esistono vitamine con un ruolo chiave affinché il cervello raggiunga il suo pieno potenziale, mantenga la concentrazione quotidiana e guadagni energia.

Cosa sono gli integratori per la memoria e la concentrazione?

Gli integratori alimentari forniscono nutrienti che non vengono consumati in quantità sufficienti, come spiegato dall’European Food Information Council. Lo stesso accade con le formule per la memoria e la concentrazione.

Che si tratti di compresse, pillole, liquidi o capsule, queste miscele hanno lo scopo di aumentare la concentrazione, diminuendo l’esaurimento mentale e fisico.

Anche gli integratori per la concentrazione e la memoria vengono chiamati nootropi, definiti dal dizionario della Clinica Universitaria di Navarra come farmaci che migliorano i processi di memoria nelle persone con deterioramento cognitivo.

Da parte sua, Salud Colectiva afferma che i nootropi rappresentano sostanze sicure e accessibili per migliorare le prestazioni mentali.

Che effetti avrebbero?

Questi supplementi potrebbero essere vantaggiosi quando è richiesta la massima concentrazione. Sia nei giovani che negli anziani, l’integrazione potrebbe aumentare la memoria e sviluppare un’attenzione più acuta.

Gli altri benefici attribuiti sono i seguenti:

  • Riduci al minimo il gonfiore del cervello.
  • Aumenta l’ossigenazione nel cervello.
  • Intervenire nelle fasi di stress e di intenso sforzo mentale.
  • Fornire micronutrienti e minerali adatti al flusso sanguigno cerebrale.
  • Regola e migliora l’attività dei neurotrasmettitori, come adenosina, acetilcolina e glutammato.

Leggete anche: Integratori di collagene: possibili rischi

Principali integratori per la memoria e la concentrazione

Sul mercato è possibile trovare questi complessi in concentrati singoli o in composti, con nomi come Centrum ®, omega 3, Supradyn ®, Pharmaton ® o Memorex ®, tra gli altri. Queste combinazioni sono costituite da molti degli ingredienti che presentiamo di seguito.

Donna con mancanza di concentrazione.
Ci sono momenti personali, di lavoro e di studio che richiedono maggiore concentrazione e maggiore attenzione.

Ginkgo biloba

L’estratto di questa pianta è correlato allo sviluppo della funzione cognitiva, dell’udito e della vista. Alcuni studi citati dalla Western New York Urological Association lo collegano a una perdita di memoria meno lieve negli anziani.

Coenzima Q10

Questo è uno dei coenzimi che fornisce più energia al cervello. La National Library of Medicine degli Stati Uniti ha evidenziato in un articolo che il Q10 orale potrebbe essere una strategia antiossidante contro le malattie neurodegenerative, come l’Alzheimer.

La carenza di coenzima Q10 è legata alla perdita di memoria e vari gradi di ritardo mentale, come riportato da Revista Farmacéutica.

Magnesio

Il magnesio è associato all’apprendimento e alla memoria a breve e lungo termine, sottolinea il Journal of Neurology. La pubblicazione aggiunge che aumentando la concentrazione di questo elemento nel cervello aumenta anche il numero di sinapsi funzionali e attiva le principali molecole di segnalazione.

Vitamine del gruppo B

Tutte le vitamine che compongono il complesso B sono essenziali per l’organismo. Favoriscono il lavoro del sistema nervoso e del metabolismo, influenzando la capacità di memorizzazione e concentrazione.

Hospital Nutrition evidenzia che, insieme ad altri micronutrienti e minerali, la vitamina B ha effetti neuroprotettivi e benefici per le prestazioni intellettuali. Allo stesso modo, l’ American Journal of Clinical Nutrition afferma che l’integrazione a lungo termine di vitamina B12 e acido folico promuove il funzionamento cognitivo.

Vitamina C

La vitamina C è un potente antiossidante. Protegge il cervello dai danni causati dai radicali liberi.

Il National Institutes of Health (NIH) osserva che la maggior parte degli integratori multivitaminici contiene vitamina C. I produttori in genere la elencano come acido ascorbico, ascorbato di sodio, ascorbato di calcio e ascorbati minerali.

Vitamina E

Uno degli attributi della vitamina E è il suo effetto protettivo sul sistema nervoso. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, si ritiene che alte dosi di questa vitamina ritardino l’evoluzione dell’Alzheimer in una diagnosi da lieve a moderata, come riportato dalla Mayo Clinic.

Con il criterio della diversificazione degli studi, il NIH commenta l’analisi di questo micronutriente come collaboratore per mantenere la lucidità e ritardare la diminuzione delle funzioni mentali.

Zinco

Tra i tanti effetti dello zinco nell’organismo spicca il suo ruolo nel mantenimento della normale funzione cognitiva, nell’intervento nella comunicazione neuronale e in una probabile partecipazione alla fissazione dei ricordi.

Gli Archivi Latinoamericani della Nutrizione collegano l’integrazione di questo micronutriente con il potenziale sviluppo della conoscenza. D’altra parte, il Cuban Journal of Public Health ha pubblicato i risultati di una valutazione in cui il gruppo che ha ricevuto lo zinco ha ottenuto un miglioramento significativo del riconoscimento della memoria, del ragionamento e della funzione psicomotoria.

Omega 3

Alcuni studi sottolineano il ruolo protettivo degli acidi grassi omega 3 contro il deterioramento cognitivo lieve, la demenza e il rischio e la progressione dell’Alzheimer negli anziani. Questo è indicato in un testo di Hospital Nutrition.

Omega 3 ha acido docosaesaenoico (DHA) e acido alfa linolenico (ALA), con vari benefici per l’attenzione e la memoria, come descritto nel Journal of the Canary Societies of Pediatrics.

Collina

Questo nutriente è correlato alla prevenzione della perdita di memoria. È un alleato del sistema nervoso per regolare questa funzione e umore, sottolinea il NIH.

Allo stesso modo, il bollettino Hospital Nutrition suggerisce che nella fase perinatale l’assunzione di colina è essenziale per garantire lo sviluppo cognitivo ed evitare difetti del tubo neurale. Negli anziani e negli anziani, l’assunzione di questo integratore migliora le prestazioni in alcuni processi cognitivi e riduce l’incidenza della demenza.



[/atomik-read – anche]

Ginseng

Dalla radice di ginseng, le sue proprietà vengono utilizzate come stimolante per le prestazioni cognitive, alleviare lo stress e migliorare la circolazione sanguigna.

Uno studio clinico pubblicato dalla rivista Anales de la Farmacoterapia sottolinea che contribuisce positivamente ad aspetti della salute mentale e del funzionamento sociale. Tuttavia, affermano che queste differenze sono attenuate con l’uso continuato del supplemento.

radice di ginseng
Il ginseng è usato come radice per preparare infusioni e bevande naturali.

Eventuali controindicazioni

Il NIH Office of Dietary Supplements allude alla bassa possibilità di danni alla salute derivanti dall’assunzione di multivitaminici e minerali. Tuttavia, chiariscono che se si consumano altri componenti dietetici, è necessario assicurarsi di non superare i limiti massimi di assunzione.

L’uso di integratori è limitato alle donne in gravidanza, alle donne che allattano e ai bambini, salvo autorizzazione del medico. In generale, le dosi di queste formule devono essere prescritte da professionisti.

Senza controllo medico, gli integratori avrebbero possibili reazioni avverse:

  • Irritabilità.
  • Palpitazioni.
  • Reazioni allergiche.
  • Complicazioni del sonno.
  • variazioni della pressione sanguigna

Altri modi per stimolare la memoria e la concentrazione

La maggior parte dei componenti di un integratore di memoria e concentrazione si trovano negli alimenti. Un modo per aiutare queste funzioni cerebrali è adottare una dieta per la prontezza mentale.

È anche conveniente rimanere intellettualmente attivi. La Clinica Universitaria di Navarra consiglia di esercitare la mente con semplici dinamiche quotidiane.

Potrebbe interessarti ...
Teoria modulare della mente: come funziona il cervello umano?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Teoria modulare della mente: come funziona il cervello umano?

La teoria modulare della mente sostiene che il cervello sia organizzato in moduli, ciascuno dei quali è altamente specializzato.