Aumentare il consumo di vitamina E con questi 6 alimenti  

14 ottobre 2017
Gli spinaci sono famosi per l’apporto di minerali come il ferro, ma sono anche ricci di vitamina E ed antiossidanti che proteggono l’organismo contro lo stress ossidativo

La vitamina E, o alfa tocoferolo, è un nutriente liposolubile dal grande potere antiossidante che aiuta a sintetizzare il pigmento eme, parte essenziale della emoglobina.

Il suo assorbimento è essenziale all’organismo per difendere i tessuti dall’attacco dei radicali liberi. Svolge, infatti, un ruolo importante nella prevenzione di certe malattie causate dall’invecchiamento.

L’organismo ha bisogno di un’elevata dose di vitamina E per rafforzare il sistema immunitario, preparandolo a respingere gli agenti patogeni che attaccano cellule e tessuti.

È stata definita anche “la vitamina della giovinezza”, poiché aiuta a mantenere pelle e capelli in salute, nonostante il passare degli anni.

Per fortuna, è presente in una numerosa varietà di alimenti che possono essere facilmente inclusi nella dieta di tutti i giorni.

Nell’articolo di oggi vi mostriamo i migliori6: non vi resta che consumarli regolarmente!

6 alimenti per assumere vitamina E

1. Mandorle

Mandorle per ricevere vitamina E

  • Le mandorle sono tra i frutti secchi più ricchi di vitamina E e acidi grassi sani, come l’omega 3.
  • Questi nutrienti, insieme ai minerali essenziali, mantengono in salute le cellule e riducono il rischio di malattie cardiovascolari ed infiammatorie.
  • 100 g di mandorle apportano 26 mg di vitamina E.

Tuttavia, bisogna consumarle con moderazione, dato il loro alto apporto calorico.

Leggete anche: Schiarire gomiti e ginocchia con una crema a base di latte e vitamina E

2. Spinaci

Le verdure a foglia verde, come gli spinaci, sono una fonte sana ed ipocalorica di nutrienti molto importanti per l’organismo.

  • Gli spinaci sono un concentrato di vitamina E. Quest’ultima, insieme ad altri antiossidanti, protegge l’organismo dalle malattie croniche causate dallo stress ossidativo.
  • Apportano minerali essenziali fondamentali per la produzione di globuli rossi e per il rafforzamento delle ossa e delle articolazioni, tra i quali troviamo:
    • Ferro
    • Calcio
    • Magnesio
    • Zinco
    • Potassio

3. Cavolo verza

Cavolo per assumere vitamina E

Il cavolo verza è un ortaggio che offre una buona quantità di vitamina E che, insieme ad altri principi nutritivi, protegge l’organismo dagli effetti negativi dell’invecchiamento.

È stato stimato che una tazza di cavolo verza rappresenta, in media, il 7% del fabbisogno giornaliero raccomandato di vitamina E.

Inoltre, è ricco di fibre e minerali che, una volta assimilati, stimolano le funzioni metaboliche riducendo il rischio di diabete e sovrappeso.

4. Papaia

Famosa per il suo elevato contenuto di vitamina C e di fibra, la papaia è un frutto ricco anche di vitamina E, la cui azione antiossidante combatte lo stress ossidativo sofferto dalle cellule e dai tessuti a causa dei radicali liberi.

Contiene anche vitamina A, potassio, magnesio e altri minerali importanti per il corretto funzionamento dell’organismo.

Il consumo regolare di papaia riduce il rischio di malattie infettive ed infiammazioni, oltre a migliorare l’aspetto della cute.

5. Olive

Olive per assumere vitamina E

Le olive sono famose per i molteplici usi che se ne possono fare in cucina, ma anche per i loro usi medicinali e per i benefici che apportano alla salute fisica e cognitiva.

Possiedono un elevato livello di vitamina E e amminoacidi essenziali che, insieme, creano una barriera che frena l’effetto dei radicali liberi sulle cellule.

Contengono anche una piccola dose di acidi grassi essenziali che, grazie alla loro azione antinfiammatoria, migliorano lo stato delle ossa e ne riduce l’indebolimento associato all’età.

Leggete anche:5 maschere a base di olio d’oliva per prendersi cura della pelle

6. Avocado

L’avocado è uno degli alimenti più indicati per un’alimentazione sana, non solo perché ricco di vitamina E, ma anche per il suo apporto di acidi grassi sani, vitamine del gruppo B e numerosi minerali.

  • Nonostante il suo apporto calorico sia piuttosto elevato rispetto ad altri frutti e ortaggi, la sua ottima concentrazione di principi nutritivi lo rende un alimento ideale per le diete.
  • Sia il consumo diretto che l’uso topico di questo frutto è utile per migliorare la pelle e i capelli, soprattutto nei casi di invecchiamento precoce.

Introducendo questi alimenti nella nostra dieta quotidiana nutriremo l’organismo con uno la vitamina E, uno degli antiossidanti più potenti e fondamentali per mantenerlo in buona salute.

Si tratta anche di un ottimo modo per promuovere il nostro benessere e mantenere lontane le rughe e i segni precoci dell’invecchiamento.

Guarda anche