8 cose da non fare durante un blackout

In caso di blackout, è normale perdere la calma e non sapere come procedere. Esaminiamo quali sono gli errori che si possono fare in questa situazione e cerchiamo di evitarli.
8 cose da non fare durante un blackout

Ultimo aggiornamento: 09 settembre, 2022

Un blackout è un’interruzione improvvisa e temporanea dell’energia elettrica. Vale a dire che, nella maggior parte dei casi, non si sa quando avverrà fino a quando non accadrà effettivamente. Poi ad un certo punto finisce. In questo contesto di incertezza, ci sono una serie di cose da non fare durante un blackout, perché le conseguenze potrebbero peggiorare la situazione.

Indipendentemente dal tempo necessario per riavere l’energia elettrica, i minuti si trasformano in ore e le ore in un’eternità. La prima cosa da fare è mantenere la calma e assicurarsi che tutti i membri della famiglia stiano bene. Continua a leggere.

1. Non chiamare la compagnia energetica

Non dare mai per scontato che l’interruzione sia generale, che riguardi tutti e che la compagnia energetica ne sia a conoscenza. Forse sì, a causa di alcune attività di manutenzione il blackout sia stato addirittura programmato, ma è anche possibile che l’azienda non lo sappia.

Forse, nel bel mezzo di un forte temporale, sono caduti degli alberi che abbiano rotto i cavi elettrici e l’azienda non lo scopre finché non riceve una telefonata.

Se noti che l’interruzione è generale e interessa l’intero quartiere, è bene fare una telefonata. Non dare per scontato che lo faranno gli altri perché potrebbero pensare la stessa cosa e in questo modo nessuno si farà vivo. Più chiamate riceve la compagnia energetica, meglio è.

2. Accendere delle candele

Accendere una candela nel bel mezzo di un blackout non è una buona idea per diversi motivi:

Per questo dovresti avere sempre una torcia a portata di mano riservata ai blackout. Accanto alla torcia è bene tenere delle nuove batterie, per ogni evenienza.

La donna arrabbiata accende le candele in un blackout.
Le candele comportano alcuni rischi, soprattutto se maneggiate al buio durante un blackout.

3. Far scaricare la batteria del cellulare

L’unico schermo disponibile durante un blackout è il tuo cellulare e la prima cosa che tendiamo a fare per ammazzare la noia è usare il telefono per passare il tempo, leggere un libro o guardare un film. Tuttavia, scaricare inutilmente la batteria del cellulare è una delle cose da non fare durante un blackout.

Il nostro consiglio è di preservare la batteria in modo da poterla utilizzare quando ne hai bisogno. Cioè, per comunicare con qualcuno o per emergenze.

Prolunga la durata della batteria disattivando il Wi-Fi, chiudendo le app che non utilizzerai e riducendo la luminosità dello schermo. Puoi anche scegliere di avere un caricabatteria portatile a portata di mano e sempre carico.

4. Tenere i dispositivi elettronici collegati

Durante un blackout, i dispositivi elettronici dovrebbero essere scollegati per evitare che i fulmini li danneggino. Sebbene sia abbastanza improbabile che un fulmine colpisca proprio dove si trova l’apparecchiatura elettronica, il fenomeno produce una forte scarica elettrica nei cavi e nei condotti esterni che potrebbe finire negli impianti di casa.

Non appena inizia il blackout, se non c’è un interruttore centrale, ricordati di scollegare tutti i dispositivi elettronici.

5. Aprire il frigorifero ogni tanto

La noia può giocarci brutti scherzi e, se non sappiamo cosa fare, andiamo verso il frigorifero per abitudine, a vedere cosa possiamo mangiare. Cadiamo così nell’errore di aprirlo ogni tanto.

In questo modo, il freddo si disperde e il cibo non durerà a lungo. Tieni presente che possiamo mantenere il freddo per circa 4 ore, purché manteniamo la porta chiusa.

6. Avviare il generatore all’interno

Un generatore funziona a combustibili fossili. Quando viene bruciato, rilascia gas tossici come il monossido di carbonio, quindi sì o sì deve essere posizionato in uno spazio aperto.

Dobbiamo stare molto attenti a quel punto, perché questo gas è un killer silenzioso. Non ha odore e non ti accorgerai di soffrire di intossicazione che potrebbe essere fatale.

7. Non avere scorte

Sebbene i blackout siano imprevedibili, non fa mai male fare scorta di acqua e cibo in scatola a sufficienza da tenere di riserva. In questo modo, saremo a posto per un po’ anche se non si conosce l’entità del blackout, che potrebbe interessare per molto tempo le forniture di acqua e gas.

Il calcolo approssimativo da fare è di 4 litri di acqua per persona al giorno. Più l’acqua per gli animali domestici.

8. Non saper aprire manualmente i cancelli automatici

In alcuni condomini vengono utilizzati i cancelli automatici che funzionano con l’elettricità. Sebbene possano essere aperti manualmente, molte volte non sappiamo come farlo e non possiamo entrare o uscire finché non riceviamo aiuto da un vicino.

Questo è il motivo per cui ti consigliamo di imparare come eseguire la manovra manuale. In questo modo eviterai gli imprevisti.

Porta metallica elettrica.
Se il cancello di casa tua è elettrico, leggi il manuale per sapere come aprirlo manualmente in caso di blackout.

Ulteriori raccomandazioni

Anticipare i bisogni che potremmo avere durante un blackout è la chiave per poter attraversare quel periodo senza gravi disagi. Non dimenticare le medicine che vanno riposte in frigo per la loro corretta conservazione e cerca di razionare l’acqua calda a disposizione, se riscaldata con l’elettricità.

Abbiamo menzionato solo alcune cose da considerare. Anche se ci sono sempre più problemi che dipenderanno da ogni famiglia.

Potrebbe interessarti ...
Spegnere e riaccendere il condizionatore consuma più energia?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Spegnere e riaccendere il condizionatore consuma più energia?

Spegnere e riaccendere il condizionatore è una pratica comune, ma per nulla utile, poiché consuma più energia e deteriora l'impianto.



  • Gómez, J., & Valcarce, F. (2003). Tóxicos detectados en muertes relacionadas con fuegos e intoxicaciones por monóxido de carbono. Revista de Toxicología20(1), 38-42.
  • GIRALDO, J. M. M. (2003). Apagones: ingeniería y economía desacopladas. DYNA78(9), 63-70.
  • Montealegre, J. F. R., & ELECTRICA, E. D. T. (2014). Análisis de colapsos en sistemas eléctricos de potencia(Doctoral dissertation, Universidad Tecnológica de Pereira. Facultad de Tecnologías. Tecnología Eléctrica).
  • Wiesner Morales, L. R., & Wills Herrera, E. (1996). El apagón del sector eléctrico. El sistema frente a las regiones. Ediciones Universidad de los Andes.
  • CALDERA M, E (1999). El gran apagón de un sector de la ciudad de Buenos Aires: Cronología y reseña de un gran tango del mercado eléctrico en Argentina. Problemas del Desarrollo30(117), 193-199.
  • Díaz, E. (2019). Una mirada a los generadores eléctricos y al consumo eléctrico. Hojitas de Conocimiento. Energía; n° 40.