Creme depigmentanti: cosa sono e come applicarle

4 Giugno 2020
La comparsa di macchie sulla pelle rappresenta un problema estetico che risulta fastidioso per la maggior parte delle persone. Per fortuna, l'applicazione di creme depigmentanti contribuisce a ridurlo in misura considerevole. Volete saperne di più?

La comparsa di macchie sulla pelle rappresenta uno dei problemi estetici più temuti dalle persone. Purtroppo, l’esposizione alla luce solare, l’età, gli squilibri ormonali e molti altri fattori contribuiscono ad aumentarne il rischio di insorgenza. Per questa ragione, sono sempre di più le persone che scelgono di applicare le creme depigmentanti.

Questi prodotti contengono componenti che aiutano ad attenuare l’iperpigmentazione cutanea, donando alla cute un aspetto più giovane e uniforme. Ciononostante, per ottenere buoni risultati è importante saperle applicare nel giusto modo. Ve ne parliamo in questo articolo.

Che cosa sono le creme depigmentanti?

Donna con crema per il viso
Le creme depigmentanti contengono sostanze che contribuiscono ad attenuare le macchie della pelle.

Le creme depigmentanti sono prodotti cosmetici che contribuiscono a ridurre o eliminare le macchie che compaiono sulla pelle. I loro componenti attivi bloccano la melanina nelle zone interessate, al tempo stesso stimolano l’idratazione e la rigenerazione cellulare.

Secondo una scheda informativa pubblicata dalla NHS Foundation Trust, possono contenere una combinazione di diversi medicinali, tra i quali si distinguono l’idrochinone, i retinoidi e i corticosteroidi. Ognuna di queste sostanze esercita diverse azioni sulla pelle. Vediamole in dettaglio:

  • Idrochinone o monobenziletere di idrochinone: si tratta di una sostanza che contribuisce a inibire la sovrapproduzione di melanociti (cellule pigmentate).
  • Retinoidi: sostanze come la tretinoina e l’acido retinoico, che aiutano a stimolare la rigenerazione delle cellule cutanee. Oltre a ciò, agevolano la penetrazione dell’idrochinone nella pelle.
  • Corticosteroidi: sono in grado di ridurre e prevenire l’infiammazione cutanea. L’esempio più comune è rappresentato dall’idrocortisone.

Oltre alle sostanze già citate, le creme depigmentanti possono contenere vitamina C, acido cogico, gel di adapalene (anche questo un retinoide) o acido azelaico. Alcune contengono anche estratti vegetali come uva ursina, arbutina, liquirizia, camomilla o gelso.

Potrebbe interessarvi anche: Macchie sul viso: 5 possibili cause

Come applicare le creme depigmentanti?

È importante tenere conto del fatto che le creme depigmentanti non hanno effetto istantaneo. In linea generale, di fatto, il trattamento delle macchie cutanee rappresenta una sfida che richiede diverso tempo. L’ideale è consultare il dermatologo per conoscere le opzioni disponibili per ogni singolo caso.

Essere costanti nella loro applicazione è un fattore determinante che consente di ottenere buoni risultati. Di conseguenza, è molto importante sapere che gli effetti iniziano a diventare visibili tra i 6 e i 12 mesi dopo la prima applicazione. Si consiglia di applicarle una o due volte al giorno.

Modalità d’uso

  • Bisogna applicare sulla macchia un sottile strato di crema depigmentante. Come abbiamo detto, questa applicazione deve essere ripetuta fino a due volte al giorno, secondo le indicazioni del dermatologo.
  • Prima e dopo aver applicato il prodotto, è importante lavarsi bene le mani ed evitare il contatto pelle a pelle con altre persone per almeno un’ora dopo l’applicazione.
  • Evitare di applicare la crema in prossimità degli occhi o intorno all’area delle palpebre. Per queste aree sono disponibili prodotti specifici.
  • L’applicazione è sconsigliata anche se la pelle presenta graffi, bruciature o eruzioni.

La crema solare: il prodotto ideale

Donna che applica la protezione solare sul viso
La crema solare è uno dei prodotti migliori per proteggere la pelle dalla comparsa di macchie cutanee. Deve essere applicata anche nei giorni freddi.

Se si desidera prevenire e trattare le macchie cutanee, esiste un prodotto che non può assolutamente mancare: la crema solare. Secondo quanto afferma l’Accademia Americana di Dermatologia, l’applicazione della crema solare è fondamentale, anche quando piove o nevica.

L’ideale, dunque, è scegliere una composizione che offra un fattore di protezione SPF 30 o superiore. Inoltre, è bene che contenga ossido di zinco o diossido di titanio. Se si ha la pelle grassa, le alternative non comedogeniche possono contribuire a evitare ostruzioni o eruzioni.

Vi consigliamo di leggere anche: Crema solare: come prepararla in casa

Ci sono rischi nell’uso di creme depigmentanti?

In base alla loro composizione, le creme depigmentanti possono causare fotosensibilità. Di conseguenza, devono essere applicate solo di sera. Gli effetti collaterali che sono stati osservati nel loro impiego comprendono lieve irritazione della pelle e reazioni allergiche come bruciore, prurito e dermatite.

Nel caso in cui questi sintomi dovessero manifestarsi, bisogna sospenderne immediatamente l’uso e consultare il dermatologo.

Enti come l’Accademia Americana di Dermatologia informano che alcune creme contengono mercurio e altri ingredienti nocivi per la cute. È pertanto bene scegliere solo quelle dermatologicamente testate.

  • NHS foundation trust. (2017). Creams to depigment your skin. Guy’s and St Thomas’ NHS Foundation Trust.
    Retrieved on March 27, 2020 from https://www.guysandstthomas.nhs.uk/resources/patient-information/pharmacy/creams-to-depigment-your-skin.pdf
  • American Academy of Dermatology Association. (2020). HOW TO FADE DARK SPOTS IN SKIN OF COLOR. Retrieved on March 27, 2020 from https://www.aad.org/public/everyday-care/skin-care-secrets/routine/fade-dark-spots
  • Drugs.com. (2020). Topical depigmenting agents. Retrieved on March 27, 2020 from https://www.drugs.com/drug-class/topical-depigmenting-agents.html