Curare una ferita infetta in sei passaggi

21 Novembre 2020
Quante volte vi siete trovati di fronte una ferita senza sapere cosa fare? Oggi vi insegniamo i passaggi di base per curare una ferita infetta.

La distrazione, la fretta e la stanchezza possono diventare causa di piccoli incidenti dentro e fuori le mura domestiche. In questi casi, onde evitare conseguenze peggiori per la salute diventa opportuno intervenire rapidamente. In caso contrario, è tuttavia possibile curare una ferita infetta in pochi e semplici passaggi.

Quante volte vi è capitato di trovarvi di fronte una ferita senza sapere cosa fare? Oggi diamo tutti i consigli necessari per curare una ferita infetta e lesioni di altra natura. Ecco quali passaggi seguire.

Quali sono i fattori di rischio di infezione?

Ragazza disinfetta la sua ferita al ginocchio.
In presenza di ferita, bisogna prima di tutto eliminare le impurità onde evitare che si infetti.

Ecco i casi in cui è più probabile che una ferita si infetti:

  • Non viene pulita o trattata entro 8 ore dall’incidente.
  • È il risultato di una perforazione, ad esempio con un chiodo o un frammento di vetro.
  • Contiene sporcizia o saliva.
  • È dovuta al morso di un essere umano o un animale.
  • Impiega molto tempo a cicatrizzarsi.
  • La persona soffre di diabete, alcolismo o presenta il sistema immunitario debole.

Potrebbe interessarvi anche: Curare e cicatrizzare le ferite con 3 piante meravigliose

Come riconoscere una ferita infetta?

Se non siete sicuri che la ferita si sia infettata, potete verificarlo grazie a questi sintomi:

  • Febbre accompagnata da rossore dell’area cutanea, infiammazione sui bordi della ferita e sensibilità.
  • Dolore persistente, anche quando si eseguono minimi movimenti. In casi estremi, si può provare un dolore acuto e penetrante.
  • Formazione di pus.
  • Mancata cicatrizzazione.
  • Cattivo odore e brutto aspetto.

Se riscontrate questi segnali, la ferita è infetta a causa di un batterio e dovrà essere trattata in breve tempo e con le dovute cure affinché non peggiori.

Passaggi da seguire per curare una ferita infetta

Primo passaggio

Donna si lava le mani prima di curare una ferita infetta.
Il primo passaggio consiste nel lavare la ferita con acqua e sapone per eliminare residui e sporcizia.

Per prima cosa, occorre pulire la ferita con acqua e sapone fino a rimuovere tutti i residui di sangue e materiali estranei. È normale che a causa dell’infezione faccia male o bruci.

È indicato pulire la ferita con un po’ garza e non con del cotone idrofilo, che può penetrare nella ferita. Usate anche un antisettico, reperibile in qualsiasi supermercato o in farmacia.

Secondo passaggio

L’ideale è coprire la ferita aperta con un bendaggio sterile. Prima di farlo, lavatevi per bene le mani per sterilizzarle. Se sono presenti vesciche attorno alla ferita, è meglio non scoppiarle per evitare che l’infezione si propaghi.

Terzo passaggio per curare una ferita infetta

Tenere sotto controllo la ferita infetta favorirà una veloce guarigione. Prodotti naturali come l’aloe vera possono aiutare a risanare la ferita e a combattere l’infezione grazie alle sue proprietà rigeneranti e cicatrizzanti.

Quarto passaggio

Esaminate con cura la ferita per determinare se appare di colore rosso, gonfia o calda. Nel caso in cui riscontriate queste caratteristiche, oltre a far male, si tratta chiaramente di un’infezione.

Quinto passaggio

Controllate la temperatura corporea con un termometro ascellare. Se i gradi sono superiori al normale, potrebbe trattarsi di una grave infezione, motivo per cui bisognerà rivolgersi al medico il prima possibile.

Sesto passaggio per curare una ferita infetta

Se dopo parecchi giorni la situazione non sembra migliorare, bisogna farsi visitare dal medico. Potrebbe trattarsi di un’infezione più complessa che richiede un antibiotico.

Ricordate di assumere antibiotici soltanto sotto prescrizione medica e di non improvvisare con quelli che avete a casa.

Come evitare che una ferita si infetti

Ragazzo benda una ferita al ginocchio.
Prima agiremo, minori saranno le probabilità di infezione.

Bisogna agire subito in caso di ferita cutanea per evitare che si infetti con il passare delle ore. L’ideale è pulire bene la zona con una soluzione salina per eliminare i batteri e poi coprirla con una garza. Applicate giornalmente dell’antisettico per curare del tutto la ferita.

Leggete anche: Clorexidina: un antiesettico multiuso.

Come si trattano le infezioni?

Il trattamento dipende dal tipo di infezione e dalla sua gravità. Per combattere i batteri, il medico potrebbe prescrivere degli antibiotici per via orale. Può anche ritemere opportuno sciacquare la ferita con una soluzione contenente antibiotico o applicare una pomata dallo stesso effetto.

Se si è formato un ascesso di pus, lo aprirà per far uscire il liquido. Se l’infezione è molto grave, potrebbe essere necessario il ricovero ospedaliero.

Ora che siete a conoscenza delle linee guida per curare una ferita infetta, saprete intervenire nel giusto modo nel momento in cui si presenti l’occasione.

  • Ledermann D, Walter. (2009). Darwin y las bacterias. Revista chilena de infectología, 26(1), 60-65. https://dx.doi.org/10.4067/S0716-10182009000100010
  • Da Silva, Priscilla Nicácio, de Almeida, Onislene Alves Evangelista, & Rocha, Izabella Chrystina. (2014). Terapia tópica en el tratamiento de las heridas crónicas. Enfermería Global, 13(33), 33-45.
  • Rodríguez Domínguez Ileana, Santana Gutiérrez Odalis, Recio López Orlando, Fuentes Naranjo Marilín. Beneficios del Aloe Vera l. (sábila) en las afecciones de la piel. Rev Cubana Enfermer [Internet]. 2006 Sep 22( 3 ). Disponible en: http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0864-03192006000300004&lng=es.