Denunciare un partner violento: 4 consigli

· 5 Giugno 2019
Cosa può aiutarci a prendere la decisione di denunciare il nostro partner? Oggi scopriremo alcuni consigli che daremmo a chiunque stesse affrontando la nostra stessa situazione.

Denunciare un partner violento sembra facile quando a trovarsi in questa situazione è qualcun altro. Tuttavia, quando la viviamo sulla nostra pelle, le scuse (molte delle quali irrazionali e assurde) ci impediscono di prendere questa decisione. Oggi vedremo insieme alcuni consigli che possono esserci utili.

Oggigiorno, esistono molte opzioni e risorse a nostra disposizione per denunciare un partner violento. Tuttavia, continuiamo a essere riluttanti nel servircene. Vediamo come ricorrere a esse per proteggerci da queste relazioni così pericolose.

Come denunciare un partner violento

A seguire vi diamo una serie di consigli e idee utili:

1. Chiamate il 1522

Chiamare il telefono rosa 1522
Grazie alla linea telefonica 1522 contro la violenza di genere, il numero di casi denunciati e gli aiuti alle vittime sono aumentati. Ricordate: #noèno

Ci viene il dubbio se stiamo o no vivendo una relazione violenta? Non sappiamo cosa fare? Non esitiamo a chiamare il 1522. Questo numero non appare in fattura, per cui non dobbiamo avere paura nel comporlo.

Così come segnalato nella pagina del ministero dedicata al sostegno e alla sensibilizzazione verso il tema della violenza di genere, il numero 1522 è completamente gratuito e dà supporto h24, grazie all’assistenza di professionisti del settore. Essi ci indicheranno come agire, a chi rivolgerci e ci daranno supporto psicologico.

Potrebbe interessarvi: Effetti a lungo termine della violenza domestica

2. Chiedere aiuto alla famiglia e agli amici

Quando viviamo una relazione malata, molte volte non vogliamo vedere la realtà. Probabilmente, i nostri amici e la nostra famiglia ci hanno ripetuto che quella persona non va bene per noi e che dovremmo lasciarla. La verità è che hanno ragione.

I nostri cari vogliono il meglio per noi e provano ad aprirci gli occhi su ciò che non riusciamo a vedere. Per questo, non dobbiamo pensare di essere soli o di non poter denunciare un partner violento perché non abbiamo il sostegno di nessuno.

3. Pensare ai figli

Violenze domestiche
Per quanto la paura vi paralizzi, uno dei motivi per passare all’azione è proteggere i vostri figli.

Molte volte non carpiamo fino in fondo i segnali della violenza verso i bambini. Tuttavia, le nostre giustificazioni in merito all’amore che il nostro partner dichiara di provare per noi possono farci ignorare il danno che la situazione provoca sui minori.

Ciononostante, il fatto che essi non subiscano la violenza fisica, ma assistano comunque all’aggressione psicologica o fisica che subiamo è già un danno importante. Dinnanzi ai nostri tentennamenti in merito a una denuncia del partner violento, dobbiamo domandarci:

  • È questo il contesto in cui voglio che i miei figli crescano?
  • Sono felici vivendo questa situazione ogni giorno?
  • Perché permetto che piangano e si preoccupino per noi quando loro sono i bambini e noi gli adulti?
  • Davvero è più importante il mio compagno dei miei figli?

Potrebbe interessarvi: Segnali di abuso sui minori e come intervenire

4. Agire per denunciare un partner violento

Questo è l’ultimo dei consigli per denunciare un compagno violento e consiste nell’agire esattamente come consiglieremmo di fare a qualcuno che amiamo. Se a un’amica o a una sorella succedesse la stessa cosa, non le consiglieremmo forse di denunciarlo senza esitazione?

La situazione è molto più facile quando a viverla è qualcun altro. Per questo, chiedere aiuto e fare affidamento sulla famiglia è indispensabile per assumere un punto di vista che ci smuova dal torpore che è frutto della paura e che ci permetta di agire.

Il silenzio di chi soffre

Dire stop a partner violento
Grazie alle nuove risorse a disposizione, il numero di denunce è cresciuto. Tuttavia, c’è ancora molto da fare.

Nonostante i numeri relativi alla violenza di genere siano in crescita continua, al contempo lo sono anche le stime sulle denunce mancate. Quante volte una persona uccide il suo partner senza traccia di precedenti denunce? Quanti casi già sentiti o vissuti in cui anche i bambini finiscono per subirne le conseguenze?

La paura e l’atroce violenza rendono molto difficile passare all’azione. Inoltre, una strategia delle persone violente è quella di allontanare il proprio partner dai suoi cari. Lo/la allontanano dalla sua famiglia, dagli amici e da tutto quello che potrebbe fargli/farle prendere coscienza di cosa sta succedendo.

È importante non voltarsi dall’altro lato e insistere nel dare aiuto anche quando la vittima non lo vuole. Molto spesso non vede con chiarezza. A volte sono la paura o l’annullamento della propria persona a impedire di prendere una decisione. 

Speriamo che questo articolo sia stato utile per farvi prendere coscienza che potete contare su un aiuto tra i vostri cari. Il non “so cosa fare” o “nessuno mi aiuterà” oggi non esistono più.

Se state male, se soffrite e se i vostri figli stanno soffrendo a loro volta, chiedete aiuto. Uscire da questa situazione vi aprirà un mondo in cui serenità e felicità smetteranno di essere un sogno per diventare realtà.

  • Arce-Rodríguez, Mercedes B.. (2006). Género y violencia. Agricultura, sociedad y desarrollo3(1), 77-90. Recuperado en 31 de marzo de 2019, de http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1870-54722006000100005&lng=es&tlng=es.
  • Fernández-González, Liria, Calvete, Esther, & Orue, Izaskun. (2017). Mujeres víctimas de violencia de género en centros de acogida: características sociodemográficas y del maltrato. Psychosocial Intervention26(1), 9-17. https://dx.doi.org/10.1016/j.psi.2016.10.001
  • González Sala, Francisco, & Gimeno Collado, Adelina. (2009). Violencia de Género: Perfil de Mujeres con Ayuda Social. Psychosocial Intervention18(2), 165-175. Recuperado en 31 de marzo de 2019, de http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1132-05592009000200007&lng=es&tlng=es.
  • Otero, Ivana Beatriz. (2009). Mujeres y violencia: El género como herramienta para la intervención. Política y cultura, (32), 105-126. Recuperado en 31 de marzo de 2019, de http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0188-77422009000200006&lng=es&tlng=es.