Segnali di abuso sui minori e come intervenire

· 22 Febbraio 2019
L'abuso sui minori non è solo una tragedia per le vittime, ma per l'intero contesto in cui viene perpetrato. Chi è stato abusato, inoltre, può diventare un futuro molestatore

Pensare che un bambino, una creatura innocente e vulnerabile, possa essere maltrattato e ferito dai propri cari è incomprensibile. Purtroppo, però, l’abuso sui minori è un problema molto più frequente di quanto possiamo pensare. Alcuni segnali di abuso sui minori aiutano a riconoscere e denunciare questi episodi di violenza.

L’abuso sui minori non ha età né sesso, può essere perpetrato sotto i nostri stessi occhi, nella nostra comunità o famiglia. E si verifica a tutti i livelli, a prescindere dal contesto sociale, culturale ed economico. Vediamo in questo articolo quali sono i segnali di abuso sui minori così da poter intervenire il prima possibile.

 

Bambino triste seduto a terra

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), un quarto di tutti gli adulti riferisce di aver subito almeno un episodio di violenza nel corso della propria infanzia. Vale a dire che il 25% degli uomini e delle donne che vivono in questo mondo sono stati maltrattati da piccoli.

Come riconoscere l’abuso sui minori

Vi siete mai chiesti cosa significano parole come “maltrattamento” o “abuso”? In quali casi le punizioni e le correzioni dei genitori superano il limite diventando violenza? Un bambino piange perché si sente maltrattato? Per fare chiarezza su questo delicato argomento, vale la pena di esaminare i vari tipi di abusi considerati dannosi per la salute fisica e mentale dei bambini.

  • Abuso emotivo e psicologico: al bambino non viene mostrato affetto e viene respinto. L’abuso include insulti e frasi denigratorie, reiterate, con cui si dimostra disprezzo e odio. Anche isolarlo dal suo ambiente familiare e sociale è considerato abuso.
  • Abusi fisici: i bambini sono vittime di lesioni che non si limitano alle percosse, ma a severe punizioni fisiche che rendono necessarie le cure mediche.
  • Negligenza: il bambino viene abbandonato, praticamente lasciato al suo destino. Gli vengono negati i bisogni basilari come cibo, alloggio, abbigliamento, educazione, assistenza medica e protezione.
  • Abuso sessuale: quando vengono praticati atti sessuali sul bambino, con o senza contatto. Questi includono anche minacce e manipolazioni del significato di amore.

 

Abuso dei minori

Le apparenze possono ingannare

“Un pomeriggio udii forti grida di bambino, accompagnati dal rumore di colpi ripetitivi”, è la testimonianza di una signora che ha avuto la sensazione che, nella casa del vicino, stesse succedendo qualcosa di brutto. In seguito alla sua richiesta di intervento, le autorità giunsero sul posto per verificare la situazione descritta.

“Ma quando il piccolo aprì la porta, capii subito che stava bene: il suo aspetto era tranquillo e dolce”, affermò la donna. Sebbene l’intuito permetta di individuare spesso situazioni di pericolo o negative, a volte la prima sensazione può essere forviante.

Purtroppo, infatti, non è così facile decifrare le situazioni di abuso. Se un bambino vive in una famiglia tossica, gli schemi di comportamento abusivi vengono abilmente occultati agli occhi delle altre persone. Per questo motivo, è importante imparare a riconoscere determinati segnali di abuso sui minori.

Leggete anche: Perché non bisogna obbligare i bambini a dare baci

9 segnali di abuso sui minori

1. Regressione dello sviluppo

I bambini vittime di abusi possono mostrare comportamenti tipici dell’età infantile o neonatale. Alcuni esempi sono: succhiarsi il pollice, bagnare il letto, avere paura del buio o degli estranei.

2. Evitano casa e certe persone

Esprimono apprensione o ansia quando escono di scuola. Allo stesso modo, possono mostrare una paura insolita nei confronti di una determinata persona o di un luogo in particolare.

3. Disturbi alimentari

 

Bambino che rifiuta le verdure

Lo stress, la paura e l’ansia causati dall’abuso possono causare cambiamenti nel comportamento alimentare di un bambino. Questo può tradursi in un notevole aumento di peso o anche in un eccessivo dimagrimento.

4. Disturbi del sonno

Un bambino maltrattato può mostrare segni di affaticamento o stanchezza, perché non riesce a prende sonno con facilità.

5. Basso rendimento scolastico

 

Bambino a scuola poco concentrato

Un altro campanello d’allarme può essere rilevato in ambito scolastico, in caso di assenze eccessive e la quasi totale mancanza di attenzione in classe.

6. Mancanza di cura personale e igiene

Tra i segnali di abuso sui minori, vi è anche l’aspetto trasandato. I bambini maltrattati sono vestiti in modo approssimativo e inadeguato alla stagione. Inoltre si riscontra una minore cura nell’igiene personale.

7. Atteggiamenti di rischio

I giovani che subiscono abusi possono sentire il bisogno di sperimentare attività ad alto rischio come consumare alcol, droghe o tenere armi.

8. Comportamento inappropriato

 

Bambino con mani sulla bocca

I bambini vittime di abuso mostrano un eccessivo comportamento sessualizzato. Inoltre, tendono a usare un linguaggio sessuale molto esplicito.

Scoprite: Effetti a lungo termine della violenza domestica

9. Lesioni inspiegabili

La frequente comparsa di ustioni o lividi sul corpo può essere uno dei segnali di abuso sui minori. Soprattutto se accompagnato da giustificazioni e spiegazioni poco convincenti.

Questi segnali possono essere la prova di un abuso perpetrato nei confronti di un minore. Come già detto, è necessario verificare ogni situazione prima di giudicarla e non bisogna mai agire in prima persona. Bisogna rivolgersi direttamente alle autorità. Se pensate che un bambino vicino a voi stia subendo dei maltrattamenti, la cosa migliore che potete fare è sporgere denuncia.

Maltrattate un bambino e danneggerete un uomo

 

Disegno di una ragazza mummia

A volte i bambini non si accorgono nemmeno che il trattamento che ricevono è abusivo. Nella maggior parte dei casi, questi maltrattamenti vengono compiuti da genitori o familiari con cui esiste un legame affettivo. Ecco perché l’impatto psicologico è maggiore e le conseguenze invisibili delle violenze possono nuocere alla vittima anche nella sua vita adulta.

A seconda del tipo di maltrattamento subito, potrebbero verificarsi i seguenti problemi psicologici:

  • Ansia: chi ha subito abusi può avere paura di persone o situazioni che ricordano le aggressioni subite. Può temere l’intimità sessuale, presentare comportamenti compulsivi e attacchi di panico.
  • Ira: si sviluppa un latente sentimento di rabbia verso il molestatore e anche verso sé stesso, per il senso di colpa di non aver fatto nulle per impedire le violenze.
  • Comportamenti autodistruttivi: un adulto che è stato maltrattato da bambino può cadere nella dipendenza da droghe e alcol. Può assumere comportamenti autolesivi e persino sabotare qualsiasi iniziativa di sviluppo professionale ed emotivo.

Ma l’aspetto più grave riguarda le situazioni di “trasformazione”, ovvero quando la pecora si trasforma in lupo. Chi ha subito maltrattamenti in età infantile può diventare un nuovo molestatore. Ripetendo, dunque, le violenze che ha visto perpetrate nei suoi confronti.

Si tratta di una spirale di violenza che può attraversare generazioni. Per questo motivo, aiutare le vittime di abusi è fondamentale per la società.

 

Bimba spaventata sulle scale

Superare gli abusi sui minori

Un corretto trattamento psicologico può invertire gli effetti dell’abuso e consentire una precoce guarigione emotiva. In generale, le strategie consentono alla vittima di esplorare i sentimenti di rabbia, dolore, frustrazione e paura che a tormentano al fine di recuperare una sensazione di sicurezza.

Oltre all’intervento, fondamentale, della psicoterapia, esistono altri mezzi che si basano su tecniche di meditazione, giochi di ruolo, gruppi di supporto. Ma anche quelli legati all’arte, che possono permettere lo sviluppo di talenti artistici nascosti e che emergono nel corso della guarigione.

 

Lavoretti di cera pongo con le mani

I genitori devono essere consapevoli dell’influenza dell’educazione sul futuro dei loro figli. Occorre modularla e valutarla in prospettiva, dal momento che l’individuo che si educa ben presto diventerà adulto.

Formerà una sua famiglia seguendo quei parametri di amore, attenzione e rispetto che gli sono stati trasmesso. Quindi, ogni genitore deve prestare molta attenzione ai propri metodi educativi e al trattamento riservati ai figli. Se si è in difficoltà e se si ritiene necessario, sarà sempre possibile ricorrere a uno specialista.

Prendiamoci cura del futuro dei nostri figli. Impariamo a riconoscere i principali segnali di abuso sui minori e diciamo No alla violenza!