Diabete gestazionale e sintomi poco conosciuti

· 2 luglio 2018
Il diabete gestazionale è associato a complicazioni vascolari come la retinopatia, la neuropatia o la vasculopatia. Si rende pertanto necessario un cambiamento immediato dello stile di vita

Il diabete gestazionale viene definito come un disturbo caratterizzato dall’intolleranza al glucosio, e può presentare diversi livelli di gravità. Viene diagnosticato per la prima volta durante la gravidanza.

Può manifestarsi esclusivamente in questa fase oppure cronicizzarsi in seguito.

Cause del diabete gestazionale

Esistono diversi tipi di diabete. La caratteristica che li accomuna tutti, però, è che il corpo non è in grado di produrre e impiegare correttamente l’insulina, l’ormone che consente alle cellule di trasformare il glucosio in combustibile.

Cosa succede nel corso della gravidanza?  Lo squilibrio ormonale tipico di questa fase ostacola il trasporto di glucosio dal sangue alle cellule. In ambito medico tale disturbo viene definito resistenza all’insulina.

In seguito a ciò si sviluppa il diabete gestazionale.

Fattori di rischio

A dire il vero non esiste una causa specifica, piuttosto il diabete gestazionale si manifesta a causa della concomitanza di diversi fattori fisiologici nel corso della gravidanza.

Le donne che presentano le seguenti caratteristiche hanno maggiori probabilità di svilupparlo:

  • Età superiore ai 25 anni
  • Indice di massa corporea superiore o uguale al 25%
  • Mulatte, afroamericane oppure asiatiche
  • Familiari affetti dal diabete
  • Ipertensione arteriosa cronica
  • Sindrome dell’ovaio policistico
  • Malformazioni fetali preesistenti
  • Aborti continuativi

Quali sono le conseguenze?

  • La donna ha una probabilità maggiore di sviluppare preeclampsia.  Nei casi più gravi, la preeclampsia può rivelarsi mortale sia per la madre che per il nascituro.
  • Maggiori probabilità di parto cesareo.
  • Maggiori probabilità di sviluppare più avanti il diabete di tipo 2.
  • Può presentare diabete gestazionale anche in gravidanze future.

Che effetti ha il diabete gestazionale sul nascituro?

Che effetti ha sul nascituro

Dal momento in cui il diabete gestazionale viene diagnosticato alla puerpera, la vita del feto si trova in pericolo.

Di seguito alcuni dei problemi che possono presentarsi:

  • Esiste  la possibilità che il feto muoia.
  • Il feto può svilupparsi troppo causando complicanze al momento del parto.
  • Maggiori probabilità di subire traumi durante il parto.
  • Il neonato può presentare itterizia e bassi livelli di glucosio.
  • Aumenta il rischio che il bambino sviluppi il diabete nel corso del tempo.
  • Aumentano le probabilità che il nascituro diventi obeso nel corso dell’infanzia e dell’età adulta.

Diagnosi

Purtroppo, in un’altissima percentuale di donne i sintomi del diabete gestazionale non si manifestano

Per questo motivo si consiglia di realizzare un’analisi dei livelli di glucosio tra la ventiquattresima e la ventottesima settimana di gravidanza. Solo per le donne che hanno già sofferto di diabete gestazionale l’analisi viene effettuata prima.

  • Se dalle analisi risulta che i livelli di glucosio sono più alti della media, è necessario effettuare una prova di tolleranza al glucosio della durata di 3 ore.
  • Se dei quattro valori presi in esame due risultano elevati, la diagnosi è di diabete gestazionale.

Sintomi

  • Vista offuscata
  • Affaticamento
  • Infezioni frequenti
  • Orticaria
  • Sete eccessiva
  • Minzione eccessiva
  • Nausea
  • Vomito
  • Dimagrimetno

Trattamento del diabete gestazionale

Trattamento

Una volta confermata la diagnosi, il medico redige il piano di cura per il diabete gestazionale. Il piano deve essere adattato alle necessità della paziente, e l’obiettivo è il controllo dei livelli di glucosio nel sangue.

La cura include:

  • Modifiche alimentari: diventa fondamentale ridurre il consumo di carboidrati  e aumentare quello di vitamine.
  • Attività fisica: durante l’esercizio il corpo utilizza meglio l’insulina.
  • Autoesame di glucosio nel sangue: pungere il dito per ottenere un campione di sangue da versare su un misuratore di glucosio che indicherà se è alto, basso o normale.
  • Farmaci:  il trattamento farmacologico può essere somministrato tramite compresse oppure insulina.
  • Visite mediche: è indispensabile effettuare le visite prenatali a mano a mano che la gestazione prosegue.

Ricordatevi che:

  • La cosa importante è essere costanti e rispettare sia la dieta che il regime di attività fisica.
  • Nel corso della gravidanza le esigenze nutrizionali cambiano, e per questo il medico deve prescrivere una dieta diretta al controllo del diabete.
  • Evitare i farmaci da banco.
  • Per nessuna ragione bisogna assumere alcool o droghe durante la gravidanza.
Guarda anche