Dimagrire controllando le quantità di cibo

7 ottobre 2015
Quando non abbiamo più fame, ma potremmo continuare a mangiare, si consiglia di bere un buon infuso che plachi la nostra golosità. In questo modo riusciremo a non mangiare più del necessario

Molto spesso abbiamo sentito dire che per dimagrire occorre mangiare di meno. In effetti è importante sapersi controllare e mangiare quantità più ridotte di cibo per perdere peso in modo equilibrato, in caso contrario, potremmo avere carenze nutrizionali o anche riprendere i chili persi in poco tempo.

In questo articolo vi daremo alcuni consigli fondamentali per imparare a mangiare in maniera corretta e riuscire a raggiungere il peso ideale senza grandi sforzi né sacrifici.

Lo stomaco si adatta

Lo stomaco ha una virtù meravigliosa: si adatta in poco tempo alla quantità di cibo che ingeriamo. Possiamo osservare come, se ci abituiamo a mangiare più o meno a determinate ore, con il passare dei giorni il corpo ci chiederà la stessa quantità di cibo alle medesime ore.

Questa caratteristica può agevolarci e aiutarci a raggiungere il nostro obiettivo. In ogni caso dobbiamo farlo sempre dando al corpo tutti i principi nutritivi di cui ha bisogno, in caso contrario l’organismo potrebbe reagire in modo negativo e rendere più difficile la perdita di peso.

pancia

Cosa dobbiamo fare?

Tanto per cominciare facciamo abituare il nostro stomaco alle quantità di cibo che vogliamo mangiare, dobbiamo seguire i seguenti consigli: 

  • Evitiamo di passare più di quattro o cinque ore senza mangiare. È importante non ingerire niente prima di aver digerito il pasto precedente, ma è imprescindibile anche non restare digiuni troppo a lungo,  infatti ciò potrebbe portarci a mangiare di più nel corso del pasto successivo. 
  • Tra i vari pasti possiamo mangiare frutta fresca, uno yogurt o qualcosa a base di cereali integrali. Si tratta di alimenti che saziano molto e che con piccole quantità ci forniscono tanti principi nutritivi. 
  • Al di fuori dei pasti dobbiamo abituarci a bere molti liquidi, acqua o infusi, infatti molto spesso la sete si confonde con la fame e ci porta a mangiare quando in realtà non ne avremmo bisogno.

Volete saperne di più? Leggete: 11 trucchi per sgonfiare l’addome

dieta

Quando scompare la fame?

Ci sono vari studi che dimostrano che la vera fame non dura più di 15 o 20 minuti. Le persone che mangiano lentamente e masticano bene gli alimenti, dunque, avranno l’enorme vantaggio di saziarsi prima di coloro che mangiano velocemente e in modo vorace.

Possiamo fare la prova e prenderci il tempo sufficiente per masticare ogni alimento fino a farlo diventare quasi liquido. Questo migliorerà notevolmente tutto il processo digestivo e ci permetterà di mangiare meno senza soffrire la fame.

La fame nervosa

Perché la maggior parte delle persone che mangiano troppo ha la necessità di riempirsi per sentirsi soddisfatta? Probabilmente spesso si confonde il bisogno di mangiare per saziare la fame con quella sensazione di pienezza che proviamo quando mangiamo considerevoli quantità di cibo.

Il molti casi questo bisogno dipende da alcune carenze emotive, da stati di tristezza e malinconia o anche da fasi di stress e stanchezza.

Il corpo cerca di riempire i vuoti emotivi e di ottenere energia in questo modo, ma se non riusciamo ad avere il controllo su ciò che mangiamo, gli effetti non possono essere che negativi, soprattutto perché mangeremo cibi dannosi, renderemo più difficile la digestione e, inoltre, proveremo rimorso e ci sentiremo in colpa.

Non dimenticate di leggere: Un test efficace per capire se soffrite di stress

dimagrire-2

La chiave è l’80%

Dobbiamo imparare a smettere di mangiare nel momento in cui non abbiamo già troppa fame, anche se potremmo continuare a mangiare un po’ di più. 

È proprio questo il momento in cui solitamente mangiamo quello che non dovremmo, ingerendo quantità eccessive di cibo o viziandoci con il dessert.

Per avere un’idea approssimativa, dovremmo riuscire a saziarci fino all’80% della nostra capacità. 

I primi giorni sarà senza dubbio difficile riuscire a fermarci a questo punto se non siamo abituati, ma può essere molto efficace ricorrere a un infuso digestivo per placare quella sensazione di vuoto. In pochi minuti noteremo che la fame scompare e, con il passare dei giorni, non rappresenterà alcuna fatica.

Saziarsi all’80% ha un altro vantaggio. Evitando di sovraccaricare il sistema digestivo, non avremo bisogno di un grande riposo per ricaricare le nostre energie, come ci succede invece ogni volta che mangiamo più del necessario o ingeriamo alimenti troppo pesanti.

Così ci sentiremo sempre attivi e capaci di realizzare qualsiasi attività poco dopo aver mangiato. Di sera, invece, il nostro fegato funzionerà molto meglio, riusciremo a riposare più facilmente e a svegliarci carichi di vitalità e buon umore.

Guarda anche