Dipingere i mobili in legno: alcuni consigli

Se desiderate cambiare l'aspetto dei vostri mobili in legno, vi sarà utile sapere come dipingerli passo dopo passo per ottenere un lavoro da professionisti.
Dipingere i mobili in legno: alcuni consigli

Ultimo aggiornamento: 07 luglio, 2021

Volete migliorare l’aspetto dei mobili, ma non sapete da dove iniziare? In questo articolo diamo alcuni consigli per farli sembrare come nuovi. Dipingere i mobili in legno è semplice, basta tenere conto di alcune precise indicazioni. Il legno è un materiale nobile, presente nella maggior parte delle case sotto forma di tavoli, sedie, porte, cassettiere e decorazioni.

È talmente versatile e durevole da offrire infinite possibilità di riciclaggio e restauro. In altre parole, con lo stesso mobile si possono ottenere stili diversi nel tempo. Non c’è bisogno di buttarlo.

Caratteristiche e vantaggi dei mobili in legno

La scelta di mobili in legno offre molti vantaggi, alcuni dei quali sono i seguenti:

  • Porta calore in casa: essendo un materiale di origine naturale, un ambiente decorato in legno risulta accogliente e molto confortevole.
  • È un classico senza tempo. Un mobile in legno sarà sempre attuale, indipendentemente dalle tendenze del momento.
  • I mobili in legno sono facili da pulire e da riparare o restaurare.
  • Sono prodotti molto durevoli, tanto che molti diventano cimeli o mobili di famiglia che si tramandano di generazione in generazione.

Come dipingere i mobili in legno?

Dipingere i mobili in legno è semplice, anche se ci sono alcuni segreti per farlo al meglio. La cosa più importante per entrambe le opzioni che presentiamo di seguito è seguire attentamente ogni passaggio, senza saltarne nessuno. Inoltre, attenetevi ai materiali che suggeriamo, perché non tutte le tinture o le vernici possono essere applicate sul legno. Detto questo, vediamo la prima opzione.

Mobili in legno riciclato.
Il legno consente un riciclaggio elegante, definendo uno stile particolare nelle case o nei luoghi dove viene adottata questa modalità di arredamento.

Dipingere un mobile in legno con vernici colorate

Per questa alternativa, la prima cosa da fare è carteggiare bene l’intera superficie. Questo passaggio è essenziale, ed è necessario affinché il lavoro finale risulti al pari di quello di un professionista. Con la carta vetrata rimuoviamo i resti di vernice, sporco, grasso e altro. Ricordate di passare la carta vetrata nella direzione delle venature del legno.

Quando notate che non ci sono più tracce di pittura o vernice, dovrete spolverare con movimenti circolari la superficie con un panno per rimuovere la polvere rimasta. Se non la rimuoverete, la vernice che applicherete in seguito non aderirà correttamente. A questo punto, passeremo il primer, una vernice che si applica sul legno prima di passare la prima mano del colore scelto.

Lasciate asciugare per qualche ora e quando sarà asciutto potrete passare la prima mano di vernice definitiva. Sicuramente dovrete passare più di una mano di vernice, quindi dovrete lasciar asciugare ogni mano. Infine, applicate una mano di vernice incolore (opaca o lucida) per proteggere la vernice e farla durare più a lungo, intatta.

Per quanto riguarda i materiali, avrete bisogno di una spazzola per gli angoli e le scanalature e un rullo (in schiuma o lana). Le dimensioni e i materiali varieranno a seconda delle dimensioni del mobile, e come vi rimane più comodo lavorare.

Restaurare un mobile con la vernice

Per la seconda opzione, lavoreremo con le vernici per restaurare un mobile in legno. La vernice può essere incolore oppure essere colorata. La scelta dipenderà dal tipo di legno di base. Prima di tutto, bisonga rimuovere le macchie dal legno utilizzando i prodotti adatti a questo scopo. Quindi, passeremo la carta vetrata a grana media per rimuovere i resti di vernice precedente e altre imperfezioni dal mobile. Per dargli una buona finitura senza graffi, l’ideale è usare una lana d’acciaio fine.

Successivamente, applicheremo una prima vernice, simile al primer utilizzato nel punto precedente. In questo modo, la vernice finale aderirà meglio al legno. Si presenta sotto forma di olio o spray.

Una volta asciugata bene la prima mano, passeremo di nuovo la carta vetrata, ma questa volta a grana fine. Questo favorirà l’adesione della prossima mano di vernice. Dopo la carteggiatura, passeremo un panno per rimuovere la polvere.

Ora è il momento della vernice principale. La prima mano dovrebbe essere leggermente diluita, mentre la seconda può essere un po’ più densa. È importante lasciare asciugare ogni mano per almeno 24 ore.

Consigli generali da tenere a mente per dipingere un mobile in legno

Vi daremo alcuni consigli importanti per iniziare a rimodellare i vostri mobili in legno. Molte volte vorremo imitare un design che abbiamo visto in giro, ma non sempre si può applicare ai mobili che abbiamo in casa.

Quali materiali scegliere?

Quando scegliete la vernice, assicuratevi che sia adatta a ciò che volete fare. Leggete bene le etichette e le istruzioni del produttore prima di acquistare un prodotto e, soprattutto, quando lo applicate.

Ad esempio, se vogliamo restaurare un mobile da esterno, la vernice deve essere più resistente all’acqua e al sole. Nel caso in cui il materiale sia vimini, l’ideale è uno spray in modo che riesca a penetrare bene in tutti gli angoli.

Per quanto riguarda gli attrezzi da lavoro, la varietà di spazzole e rulli disponibili è impressionante. Per questo, la cosa più importante è tenere in considerazione i mobili che dovete dipingere. Per superfici ampie e lisce è preferibile un rullo, perché le spazzole possono lasciare dei segni con le setole. Se dovete lavorare su modanature, angoli e spigoli, vi suggeriamo di optare per un pennello.

Mobili montati o smontati?

Questa è la domanda da un milione di dollari. Ancora una volta, dipenderà dal tipo di arredamento. Se è facile da smontare, vi consigliamo di farlo per assicurarvi di raggiungere tutti gli angoli e perché l’intero mobile sia protetto dalla vernice. Se non può essere smontato, rimuovete le parti come maniglie, cassetti e ripiani, per facilitare almeno il compito di levigare e dipingere.

Mobile smontato
Se i mobili possono essere smontati, è sempre meglio farlo per riuscire ad applicare facilmente la vernice sui bordi.

Il primer è obbligatorio? 

Sì. È per una questione di risparmio di tempo e di vernice. Dopo la mano di primer, il legno è pronto per essere dipinto e questo contribuirà ad ottenere un risultato finale ottimale. Controllate sempre di che tipo di primer hanno bisogno i tuoi mobili.

Cosa dipingo per primo, e come?

Si dipinge dall’interno verso l’esterno. Iniziamo dalle modanature e gli angoli con l’aiuto di un pennello, quindi passiamo alle superfici più ampie utilizzando un rullo. La direzione da seguire per passare sia la spazzola che il rullo è nel senso delle venature del legno. Si sconsiglia di sovraccaricare il pennello di vernice, per evitare che quest’ultima goccioli.

Dipingere mobili in legno a casa è gratificante

Sono due i momenti più importanti del dipingere un mobile in legno: l’inizio e la fine. Assicuratevi di preparare bene la superficie prima di iniziare a dipingere, e non fatevi prendere dell’ansia di finire rapidamente.

Una superficie pulita, priva di impurità e sporco, garantirà che la vernice si fissi correttamente. Se il mobile presenta molte imperfezioni, potete applicare dello stucco nella tonalità più simile a quella del mobile.

Infine, la finitura che vogliamo dare al mobile è l’ultimo passaggio per renderlo perfetto. Che si tratti di verniciarlo, applicare prodotti per dare al legno un aspetto invecchiato, o optare per un decapé, le opzioni sono infinite.



  • Huallullo, C., & Olegario, G. (2018). Estudio de los materiales de acabado de superficies de muebles de madera.
  • González, S. F. L. Manipulación y Almacenamiento de Sustancias Químicas en la Industria de Muebles de Madera en la Ciudad de Cuenca.
  • Urias, J. T., de la Rosa, A. B., Velázquez, R. F., & Ambríz, A. C. (2002). Vida útil de dos barnices para exteriores mediante intemperismo artificial en madera de aile, pino y encino. Revista Chapingo. Serie ciencias forestales y del ambiente8(1), 83-90.
  • Morales, M. I. C., & Sordo, J. J. E. (1995). Acabados para madera en exteriores. Madera y Bosques1(2), 9-22.
  • Nutsch, W. (1996). Tecnología de la madera y del mueble. Reverté.
  • Bohórquez Duque, M. S. (2005). Guía para el artesano: referencial oficios de madera.