Donazioni di sangue durante la pandemia

18 Maggio 2020
Allo stato attuale buona parte dei Paesi del mondo sono sopraffatti dalla nuova pandemia da COVID-19. Scoprite tutto quello che c'è da sapere su come avviene la donazione di sangue in questo periodo.

Le donazioni di sangue sono sempre necessarie, in qualunque situazione e in qualsiasi momento dell’anno. Ogni giorno, diverse persone ricoverate hanno bisogno di trasfusioni urgenti e dipendono dal contributo volontario e altruista dei cittadini. Per questo motivo si prosegue con le donazioni di sangue anche durante la pandemia.

Allo stato attuale è fondamentale aumentare il numero di donazioni da parte della popolazione. A seguire, scoprirete come, chi e dove può compiere questo gesto.

Perché è così importante donare sangue?

Le trasfusioni di sangue rappresentano una delle più grandi scoperte della storia dell’umanità e consentono di salvare vite e migliorare lo stato di salute. Potremmo considerarlo un regalo per chi è in pericolo di vita.

In tal modo, le donazioni eseguite regolarmente dalla popolazione contribuiscono a una costante disponibilità di sangue quando e dove necessario. Inoltre, la scelta di donare viene presa per puro altruismo, ovvero senza ricevere in cambio alcun vantaggio economico, in modo volontario, responsabile e anonimo.

Visto il contesto di pandemia, allo stato attuale la popolazione necessità di maggiore assistenza sanitaria. Questo si traduce in un aumento della domanda di sangue e in un esaurimento più rapido delle risorse. È dunque necessario proseguire e, anzi, moltiplicare le donazioni di sangue durante la pandemia.

Provette con analisi del sangue

Potrebbe interessarvi leggere: Le persone più sensibili al COVID-19: chi sono?

Donazioni di sangue durante la pandemia: come fare?

Prima di andare a donare, è importante conoscere a fondo le misure da adottare per prevenire i contagi. Vanno stabiliti una serie di protocolli. Alcuni di questi sono i seguenti:

  • Richiedere un appuntamento prima di recarsi alla banca del sangue, inviando un messaggio o una email, che oltretutto servirà per giustificare il tragitto fino al luogo della donazione.
  • Prestare attenzione alle misure generali di prevenzione:
    • Lavare le mani.
    • Non toccarsi naso o bocca.
    • Tossire sulla piega del gomito.
    • Mantenere la distanza di sicurezza.
    • Si consiglia (a discrezione) di indossare la mascherina durante la procedura.
    • Comunicare allo staff del centro di raccolta del sangue qualunque sintomo possa essere associato al Coronavirus.

Ogni centro di donazione risponde a tutte le norme di sicurezza stabilite dal Ministero della Salute e comunica qualsiasi segnale o sintomo sospetto.

Dove possiamo donare?

Le donazioni avvengono perlopiù presso i centri di raccolta di sangue. In generale ogni ospedale dispone di questi servizi. Esistono anche punti di raccolta mobili e ambulatori in cui è possibile procedere con la donazione. Questi ultimi sono in fase di riadattamento, allo scopo di diventare spazi sicuri.

Donazioni di sangue

Potrebbe interessarvi: Uso del plasma dei pazienti guariti dal COVID

Chi può donare?

Al  momento non si hanno prove della trasmissione del Coronavirus attraverso il sangue. In effetti, non vengono eseguiti analisi del sangue alle persone che accudiscono i malati. A ogni modo, il Ministero della Salute in Italia ha stabilito alcune misure speciali per la sicurezza dei donatori, valide sul territorio nazionale:

  • In linea generale, restano validi i criteri fondamentali della donazione: persone al di sopra dei 18 anni e al di sotto dei 65 anni, con un peso dai 50 chili in su e che godano di buono stato di salute; esistono ovviamente eccezioni per diverse malattie.
  • Possono donare sangue persone sane senza sintomi influenzali.
  • Vengo temporaneamente escluse, per 14 giorni, le persone esposte a un caso confermato di COVID-19.
  • Si intendono escluse per 28 giorni le persone che sono rientrate da una zona a rischio.
  • Infine, si ritengono esclusi coloro che manifestano o hanno manifestato negli ultimi 14 giorni sintomi quali febbre, tosse secca, muco, mal di gola, difficoltà respiratorie, perdita del gusto o dell’olfatto, diarrea.

Donazioni di sangue durante la pandemia da COVID-19

Dobbiamo ricordare che è possibile, nonché necessario, fare donazioni di sangue durante la pandemia. Il Coronavirus sta mettendo a rischio la vita della maggior parte del mondo e non disponiamo ancora di un trattamento specifico per combatterlo.

Per questo motivo, bisogna tenere a mente le misure di prevenzione e di sicurezza e dare il proprio contributo secondo le nostre possibilità, posando il nostro mattoncino: donare sangue è vita!

  • Salud O panamericana de. La OPS advierte sobre la posible escasez de sangre durante la pandemia de la COVID-19 – OPS/OMS | Organización Panamericana de la Salud [Internet]. [cited 2020 May 5]. Available from: https://www.paho.org/es/noticias/10-4-2020-ops-advierte-sobre-posible-escasez-sangre-durante-pandemia-covid-19
  • OMS | ¿Por qué es importante donar sangre? [Internet]. [cited 2020 May 5]. Available from: https://www.who.int/features/qa/61/es/
  • ORGANIZACION MUNDIAL DE LA SALUD. OMS | ¿Por qué es importante donar sangre? WHO. 2016;
  • Navarra A de donantes de sangre de. DONACIÓN DE SANGRE Y MEDIDAS PREVENTIVAS ANTE EL CORONAVIRUS (actualización) – Noticias – Adona [Internet]. [cited 2020 May 5]. Available from: https://www.adona.es/es/actualidad/noticias/donacion-de-sangre-y-medidas-preventivas-ante-el-coronavirus
  • Ministerio de sanidad. 2020.Transfusión y CORONAVIRUS Infección por nuevo coronavirus (COVID-19).
  • FDA. Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) [Internet]. [cited 2020 May 5]. Available from: https://www.fda.gov/emergency-preparedness-and-response/counterterrorism-and-emerging-threats/coronavirus-disease-2019-covid-19