Gli effetti delle liti domestiche sui bambini

· 30 Dicembre 2018
I genitori sono il primo esempio per i figli. Per questo motivo è importante che imparino a risolvere i conflitti di coppia in modo pacifico e civile. In caso contrario i figli potrebbero percepire la violenza, l'aggressività e la paura come capisaldi della loro vita.

Per quanto esemplare o matura una relazione possa essere, in una coppia ci saranno sempre incomprensioni e discussioni in casa. Tuttavia, a volte dimentichiamo la presenza dei figli piccoli quando questo si verifica, così come dimentichiamo le conseguenze che questo può comportare nella loro crescita. A tal proposito, vogliamo condividere con voi gli effetti delle liti domestiche sui bambini.

Magari tendiamo a pensare che le discussioni non abbiano alcuna conseguenza sui nostri figli. Tuttavia, i litigi tra genitori, che siano di tipo verbale o fisico, sono comunque una forma di violenza. Ma quali sono gli effetti delle liti domestiche sui bambini?

La violenza domestica

Secondo l’UNICEF, la famiglia è l’istituzione sociale più importante per la crescita, l’educazione e la protezione dei suoi membri.

Tuttavia, a volte, a causa della mancanza degli strumenti utili alla comunicazione e alla gestione delle emozioni, le incomprensioni tra i genitori si trasformano in gravi conflitti che danneggiano non solo la coppia, ma anche i figli.

In effetti, gli specialisti segnalano che a livello mondiale è proprio nel contesto familiare che i bambini corrono maggiori pericoli a causa della violenza.

Genitori che discutono e figlio stanco

Per questo motivo è facile che le discussioni domestiche colpiscano in modo diretto e profondo i bambini. A seguire, vi mostriamo per quale motivo questo succede.

Gli effetti delle liti domestiche sui bambini

Nei rapporti tra i membri della stessa famiglia subentrano diversi fattori; tra questi spiccano gli aspetti sociali, emotivi, comportamentali e quelli della struttura familiare.

Questi aspetti vengono esasperati dall’esistenza della violenza domestica, dall’esercizio del potere in famiglia: la giustificazione e l’utilizzo della violenza come atto normale per risolvere i problemi.

Il risultato è che tutti i membri della famiglia percepiranno la violenza come normale.

Evidentemente, questo influenzerà ogni aspetto della vita della famiglia, e in particolare quella dei bambini che non sono in grado di mettere in dubbio la normalità del contesto e della situazione familiare.

Sebbene le conseguenze riguardino il bambino in generale, proprio perchè colpiscono diversi ambiti della sua vita, oggi vogliamo condividere alcuni degli effetti più gravi che hanno le liti domestiche sui bambini.

1. Effetti fisici

Le conseguenze delle liti domestiche sui bambini possono anche manifestarsi fisicamente. Tra queste spiccano il ritardo nella crescita, problemi di insonnia, disturbi alimentari, sintomi o malattie psicosomatiche, ritardi, e così via.

Effetti fisici dei litigi sui bambini

2. Effetti emotivi

È importante segnalare che i bambini che non trovano nei genitori un punto di riferimento, hanno difficoltà a capire e comprendere a fondo le emozioni.

Ad esempio, risulterà loro complicato gestire la frustrazione o la rabbia, e si esprimeranno attraverso l’aggressività. Il risultato è che eserciteranno violenza sia verso gli altri che verso se stessi.

Allo stesso tempo, potrebbero sentirsi indifesi e impotenti di fronte a esperienze traumatiche. Questo potrebbe portarli a consolidare un comportamento schivo, ansioso e timoroso.

3. Effetti sociali

Un altro degli effetti delle liti domestiche sui bambini è la scarsa capacità di esprimersi e stringere amicizia ed instaurare rapporti di fiducia con gli altri.

Questo si deve alla paura di sperimentare nuovamente un evento traumatico; o meglio, alla diffidenza come strumento per evitare sentimenti negativi associati al ricordo della violenza.

Allo stesso tempo, potrebbero svilupparsi mancanza di empatia, aggressività o condotte criminali.

4. Effetti cognitivi

Spesso i bambini che assistono alle liti dei propri genitori hanno difficoltà a concentrarsi, il che causa difficoltà nell’apprendimento e nello sviluppo.

D’altra parte, è possibile che si manifesti una tendenza alla dissociazione, ovvero a un meccanismo di difesa per cui l’individuo tende a distaccarsi dalla realtà per minimizzare il conflitto e lo stress.

Questa condotta è considerata un disturbo, dato che altera la coscienza, l’identità, la memoria, così come la percezione di quello che sta succedendo intorno a loro.

Leggete anche: 6 abitudini delle coppie soddisfatte della propria relazione

Bambina che prende un brutto voto

5. Effetti sull’autostima

A causa del fatto che sono in fase di sviluppo, i bambini possono manifestare sentimenti negativi verso se stessi.

Ad esempio, possono credere di essere la causa dei propri mali e di essere responsabili del maltrattamento. Il risultato è che tendono a isolarsi perché la loro autostima si riduce e, di conseguenza, accresce l’ansia.

Conslusioni

La violenza domestica è direttamente associata al comportamento aggressivo e insensibile dei bambini e alla sua manifestazione durante la vita adulta.

Se il problema non viene trattato in tempo, può trasformarsi in una minaccia per la sicurezza e per il bene della comunità.

Come genitori, è fondamentale assumersi le responsabilità delle proprie azioni e gestirle nel miglior modo possibile.

Se abbiamo avuto una vita difficile o se la nostra cultura familiare è piena di momenti di violenza, dobbiamo fare in modo da discostarcene e di non trasmettere gli stessi problemi ai nostri figli.

Anzi, dobbiamo, in questo caso, cambiare gli schemi e trovare una soluzione civile ai problemi di coppia.

Se farlo è difficile, possiamo rivolgerci a uno specialista. La salute e il benessere dei figli sono molto importanti per i bambini: aiutiamoli a essere felici.