Segni della violenza psicologica sul corpo

13 Dicembre 2019
I segni della violenza psicologica, sebbene non fisici, compromettono fortemente la nostra vita, dunque dobbiamo prevenire tale situazione

La violenza è un tipo di interazione sociale o personale in cui vi è la chiara intenzione di causare lesioni o danni a un’altra persona. Esistono molti tipi e gradi di violenza, e alcuni possono persino passare inosservati. I segni della violenza psicologica, per esempio, sono devastanti.

In questo articolo parleremo degli effetti della violenza psicologica sul corpo, come possono influenzare sulla nostra qualità della vita e come prevenirli. Il dolore psicologico sofferto da queste persone a lungo termine causa loro anche gravi problemi di salute. Scopriamo insieme i segni della violenza psicologica sul corpo.

Cos’è la violenza psicologica?

La violenza psicologica è un tipo di abuso verbale (non fisico) basato su umiliazione, vessazione, insulti, isolamento o bullismo. Dal momento che non ci sono segni fisici come colpi, graffi o lividi, a volte può essere difficile da dimostrare.

È un tipo di abuso in cui si sottomette la persona e la si annulla attraverso una pressione costante. Viene esercitato con l’uso di grida o vessazioni che discriminano la dignità della vittima.

Violenza di genere

Segni della violenza psicologica sul corpo

1. Disturbi del sonno

L’abuso psicologico di solito si traduce in disturbi del sonno. Le alte dosi di pressione e violenza verbale causano stati psicologici di ansia, stress e insonnia. Essere continuamente umiliati può causare disturbi nervosi e cardiaci.

La paura nei confronti del maltrattatore genera un’insonnia che indebolisce ancora di più la vittima. Di conseguenza, il corpo si indebolisce ed è più incline ad ammalarsi.

Scoprite 5 cibi sani che aiutano a calmare l’ansia

2. Disturbi alimentari

In generale le vittime di violenza psicologica soffrono di disturbi alimentari. In seguito a un calo dell’autostima, la persona sente di non meritare nulla, che tutto è colpa sua. Questa deformazione della realtà si trasforma in:

  • Inappetenza
  • Mancanza di controllo
  • Insicurezza e disprezzo per quello che mangia

Un disturbo alimentare è una distorsione dell’immagine del proprio corpo. Alcuni fattori possono causare questi disturbi alimentari, come sentimenti di solitudine, frustrazione, rabbia contenuta o stress emotivo.

Nelle vittime di violenza psicologica è anche molto comune la comparsa di gastrite (dolore addominale acuto, acidità di stomaco, bruciore).

3. Ipertensione

L’ipertensione è un altro segno che la violenza psicologica può lasciare nel corpo. Vivere in uno stato di continua allerta aumenta la pressione sanguigna. La mente invia segnali di pericolo al corpo che quindi  aumenta il pompaggio del sangue.

Le persone che si trovano in difficoltà o la cui vita è esposta a una minaccia costante tendono a sviluppare ipertensione. In breve, è una strategia di difesa dell’organismo strettamente associata alla violenza psicologica.

4. Depressione

Tra i segni di violenza psicologica vi è uno stato di depressione e angoscia. Sono molte le forme di abuso che portano la vittima a sviluppare una malattia o disturbo mentale:

  • Ricatti
  • Gelosia incontrollata
  • Privazione della libertà e controllo del denaro
  • Soprannomi offensivi e umilianti
  • Controllo totale delle relazioni sociali
  • Invasione della privacy
  • Urla, squalifiche e disprezzo
  • Controllo dell’abbigliamento
  • Relazioni sessuali non consenzienti
  • Dominio e sottomissione

Leggete anche Depressione: migliaia di persone non sanno di soffrirne

Non è strano che la vittima, anche senza presentare sintomi di violenza fisica, cada in uno stato depressivo. In alcuni casi fino al punto di volersi suicidare o di non preoccuparsi di ciò che accade nella sua vita.

Il fattore aggravante è che di solito l’aggressore è il partner o un membro stretto della famiglia.

Come identificare la depressione

Suggerimenti per prevenire la violenza psicologica

Tenete a mente questi suggerimenti per evitare di essere vittime di violenza psicologica:

  • Chi vi ama non vi fa piangere.
  • Non accettate o normalizzate le urla e le manifestazioni di rabbia.
  • Non permettete mai insulti, squalifiche o disprezzo.
  • La vostra opinione vale tanto quanto quella degli altri.
  • Nessuno possiede un’altra persona.
  • Non giustificate o difendete comportamenti violenti.
  • Non potete sempre perdonare.
  • Se avete paura del vostro partner, non è amore.

Se avete riconosciuto uno o più segni della violenza psicologica, armatevi di coraggio e chiedete aiuto.

  • Coker, A. L., Davis, K. E., Arias, I., Desai, S., Sanderson, M., Brandt, H. M., & Smith, P. H. (2002). Physical and mental health effects of intimate partner violence for men and women. American Journal of Preventive Medicine, 23(4), 260–268. https://doi.org/10.1016/s0749-3797(02)00514-7
  • Dokkedahl, S., Kok, R. N., Murphy, S., Kristensen, T. R., Bech-Hansen, D., & Elklit, A. (2019). The psychological subtype of intimate partner violence and its effect on mental health: protocol for a systematic review and meta-analysis. Systematic Reviews8(1), 198. https://doi.org/10.1186/s13643-019-1118-1
  • Kimber, M., McTavish, J. R., Couturier, J., Boven, A., Gill, S., Dimitropoulos, G., & MacMillan, H. L. (2017). Consequences of child emotional abuse, emotional neglect and exposure to intimate partner violence for eating disorders: a systematic critical review. BMC Psychology, 5(1), 33. https://doi.org/10.1186/s40359-017-0202-3
  • Koo, D. L., Nam, H., Thomas, R. J., & Yun, C. H. (2018). Sleep Disturbances as a Risk Factor for Stroke. Journal of Stroke20(1), 12–32. https://doi.org/10.5853/jos.2017.02887
  • Mwakanyamale, A. A., & Yizhen, Y. (2019). Psychological maltreatment and its relationship with self-esteem and psychological stress among adolescents in Tanzania: a community based, cross-sectional study. BMC Psychiatry19(1), 176. https://doi.org/10.1186/s12888-019-2139-y
  • Rantala, M. J., Luoto, S., Krama, T., & Krams, I. (2019). Eating Disorders: An Evolutionary Psychoneuroimmunological Approach. Frontiers in Psychology, 10, 2200. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2019.02200
  • Rivera, P. M., Fincham, F. D., & Bray, B. C. (2018). Latent Classes of Maltreatment: A Systematic Review and Critique. Child Maltreatment23(1), 3–24. https://doi.org/10.1177/1077559517728125
  • Simmons, J., Wijma, B., & Swahnberg, K. (2015). Lifetime co-occurrence of violence victimisation and symptoms of psychological ill health: a cross-sectional study of Swedish male and female clinical and population samples. BMC Public Health15, 979. https://doi.org/10.1186/s12889-015-2311-3
  • Wassing, R., Benjamins, J. S., Dekker, K., Moens, S., Spiegelhalder, K., Feige, B., Riemann, D., van der Sluis, S., Van Der Werf, Y. D., Talamini, L. M., Walker, M. P., Schalkwijk, F., & Van Someren, E. J. (2016). Slow dissolving of emotional distress contributes to hyperarousal. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America113(9), 2538–2543. https://doi.org/10.1073/pnas.1522520113
  • Wilkins, N., Myers, L., Kuehl, T., Bauman, A., & Hertz, M. (2018). Connecting the Dots: State Health Department Approaches to Addressing Shared Risk and Protective Factors Across Multiple Forms of Violence. Journal of Public Health Management and Practice, 24, S32–S41. https://doi.org/10.1097/phh.0000000000000669; texto completo