Eliminare il tartaro dai denti: utili consigli

3 Dicembre 2020
Il tartaro, l'antiestetico strato giallastro che si forma sui denti, è fastidioso e favorisce la formazione di carie. Come eliminarlo?

Il tartaro, anche noto come calcolo dentale o placca, è la calcificazione o ispessimento della placca batterica sui denti. Il suo aspetto è molto antiestetico, poiché si tratta di uno strato giallo-biancastro o vagamente marrone che si deposita sullo smalto dei denti, proprio nel punto in cui si uniscono alle gengive. Come eliminare il tartaro dai denti?

Oltre a essere piuttosto antiestetico e fastidioso, il tartaro può anche provocare diversi problemi ai denti. Uno dei più noti e anche dei più temuti è la parodontite (o parodontopia), responsabile di sanguinamento, alitosi, carie e persino della caduta dei denti.

Consigli per eliminare il tartaro dai denti

La presenza di tartaro sui denti può essere dovuta a diversi fattori. La maggior parte delle volte dipende da una scarsa igiene orale, ma può anche essere causata dal consumo di determinati alimenti e dall’assunzione di farmaci, così come dalla presenza di patologie quali il diabete. Scoprite come eliminarlo.

Lavare i denti

Lavare i denti per una sana igiene del cavo orale.
Lavare i denti tutti i giorni previene la formazione della placca batterica, responsabile del tartaro e di altri problemi del cavo orale.

Eliminare tutti i giorni la placca batterica evita che si depositi. Quando la placca si calcifica, si trasforma in tartaro e diventa molto più difficile da eliminare. Per prevenirlo, l’ideale è mantenere sane abitudini di igiene orale, iniziando da una corretta pulizia dei denti.

Lavare i denti è fondamentale per garantire la salute del nostro cavo orale e, nello specifico, per combattere il tartaro. La pulizia dei denti dopo ogni pasto è indispensabile e deve essere profonda e costante.

Oltre a ciò, è importante usare uno spazzolino e un dentifricio adatti. Gli specialisti raccomandano uno spazzolino con setole morbide, perché le setole dure possono rovinare lo smalto dentale. Per quanto riguarda il dentifricio, deve contenere fluoro, che rafforza i denti e previene le carie.

Potrebbe interessarvi: Salute dentale: 5 sane abitudini

Passare il filo interdentale

Il filo interdentale è uno strumento importante per una corretta igiene orale. Molte persone non lo sanno, o semplicemente non lo usano, ma il filo interdentale aiuta a eliminare i batteri e i residui di cibo tra i denti. Ciò previene la formazione della placca e, quindi, del tartaro sui denti.

Affinché il filo interdentale sia efficace, andrà usato almeno una volta al giorno, preferibilmente prima di andare a letto, dopo aver lavato i denti. Va passato delicatamente tra i denti per non irritare le gengive.

Infine, è importante assicurarsi che la porzione di filo interdentale che useremo sia pulita, in caso contrario sposteremo i batteri da un punto a un altro della bocca.

Sedute di pulizia dal dentista

Pulizia dei denti dal dentista.
Una regolare pulizia professionale aiuta a eliminare i residui più ostinati di placca batterica.

Oltre a questi accorgimenti basilari da realizzare in casa, è fondamentale sottoporsi alla pulizia professionale una o due volte l’anno. Anche se siamo disciplinati e ci prendiamo cura del cavo orale, la pulizia dentale eseguita da uno specialista è necessaria per eliminare la placca dentale più ostinata e difficile da raggiungere.

D’altra parte, se la nostra igiene è stata carente e il tartaro si è già formato sui denti, solo una pulizia profonda, realizzata dal dentista nel suo studio sarà efficace per eliminarlo. Qualora sia molto o incrostato, probabilmente saranno necessarie diverse sedute dal dentista per poter eliminare il tartaro dai denti.

Lo specialista potrebbe utilizzare una tecnica nota come curettage gengivale. A questo scopo, eseguirà un raschiamento della corona o della radice. Lo scopo di questa tecnica è eliminare il tartaro visibile sui denti e quello che si deposita sotto le gengive.

Potrebbe interessarvi: L’igiene dentale nei bambini è fondamentale

Alternative fai-da-te per eliminare il tartaro dai denti

Esistono alcuni rimedi da preparare in casa per eliminare il tartaro dai denti. Possono aggiungersi al trattamento professionale e in alcun caso vanno intesi come sostituti delle cure descritte.

Tra i rimedi naturali più noti ricordiamo il bicarbonato di sodio, i semi di sesamo e la scorza dell’arancia o del limone.

  • Dientes.org. 2012. Control de la placa y el sarro. Extraído de: http://dientes.org/wp-content/uploads/2012/12/Control-de-la-placa-y-el-sarro.pdf
  • Jovenclub. 2018. Cómo quitar el sarro de forma natural. Extraído de: https://capacitacioncgr.jovenclub.cu/wp-content/uploads/2018/02/C%C3%B3mo-quitar-el-sarro-de-forma-natural.pdf