Curare velocemente le afte della bocca con 5 rimedi

13 Luglio 2020
Le afte della bocca sono leggere irritazioni che di norma durano tra una e due settimane. Anche se in genere non indicano un grave problema, è comunque consigliabile trattarle per accelerarne la guarigione. Scoprite alcuni rimedi.

Le afte sono piccole ulcere o lesioni che si sviluppano sulla mucosa orale o sulle gengive. Alcune sono dolorose, ma in genere non provocano gravi sintomi. Nella maggior parte dei casi, di fatto, scompaiono da sole entro due settimane. Volete sapere come curare velocemente le afte della bocca?

Esistono alcuni rimedi naturali che si rivelano utili nell’accelerare il processo di guarigione, diminuendo il fastidio. L’efficacia di gran parte di queste alternative è tuttavia basata su riscontri aneddotici. Ciononostante, si tratta di rimedi sicuri che possono persino donare sollievo. Vediamo nelle prossime righe come curare velocemente le afte della bocca. Prendete nota!

Rimedi naturali per curare velocemente le afte della bocca

Le afte sono tra i disturbi del cavo orale più comuni. Si tratta di lesioni di circa 5 millimetri e di colore biancastro, circondate da un’area arrossata. A differenza dell’herpes labiale, non sono contagiose e in genere scompaiono da sole. Nelle prossime righe condivideremo 5 alternative per curare velocemente le afte della bocca.

Leggete anche: Trattare e prevenire le afte in bocca

1. Miele

Miele per curare le afte
Il miele crea uno strato protettivo che favorisce la cicatrizzazione delle afte.

Il miele è uno dei migliori ingredienti naturali per trattare i disturbi cutanei. Secondo uno studio condotto nel 2014, la sua applicazione può calmare il dolore, le dimensioni e l’arrossamento delle afte. Inoltre, protegge la zona colpita da infezione.

Come si applica?

  • Spalmate una piccola quantità di miele sulla zona interessata 3 o 4 volte al giorno.

2. Olio di cocco

Noto per le sue molteplici proprietà medicinali e cosmetiche, l’olio di cocco è una efficace alternativa per trattare le afte della bocca. Le sue proprietà antimicrobiche inibiscono l’azione dei batteri e prevengono l’infezione delle lesioni.

Come si applica?

  • Imbevete un batuffolo di cotone nell’olio di cocco.
  • Quindi strofinatelo delicatamente sull’afta.
  • Ripetete per 3 – 4 volte al giorno, fino a a completa guarigione della lesione.

3. Curare velocemente le afte con l’acqua ossigenata

Curare velocemente le afte con l'acqua ossigenata
La pulizia dell’area colpita dall’afta è fondamentale. L’azione antisettica dell’acqua ossigenata ne favorisce la guarigione.

L’applicazione topica di una soluzione a base di acqua ossigenata può favorire la guarigione dell’afta attraverso la pulizia e la disinfezione dell’area. Grazie al suo potere antisettico, è l’ideale per prevenire la proliferazione dei batteri.

Come si applica?

  • Diluite un cucchiaio di acqua ossigenata al 3% in un cucchiaio di acqua.
  • Poi, imbevete un batuffolo di cotone nella miscela e applicatelo sulla piaga.
  • Ripetete l’applicazione per 2 0 3 volte al giorno.
  • Se le piaghe sono interne, diluite un cucchiaio d’acqua ossigenata in mezzo bicchiere d’acqua. Quindi praticate degli sciacqui per 2 minuti; espellete la soluzione e ripetete ​​3 volte al giorno.

Può interessarvi anche: Afte della bocca: 6 efficaci rimedi naturali

4. Camomilla per curare velocemente le afte

Oltre a favorire la rapida guarigione delle afte, la camomilla calma il fastidio di ferite e irritazioni cutanee. Il contenuto di azulene e levomenolo conferisce alla pianta proprietà antinfiammatorie e antisettiche dall’azione positiva contro le afte.

Come si applica?

  • Preparate un’infusione concentrata di camomilla.
  • Poi, imbevete nel liquido un panno pulito o un batuffolo di cotone.
  • Applicatelo sulla zona interessata e lasciate agire per 5 minuti.
  • In alternativa potete applicare direttamente una bustina di camomilla.
  • Ripetete il ​​trattamento per 3 – 4 volte al giorno.

5. Curare velocemente le afte con lo yogurt bianco

Curare velocemente le afte con lo yogurt
I probiotici contenuti nello yogurt aiutano a mantenere la flora batterica sana, la quale impedisce l’ingresso di microrganismi patogeni.

La causa esatta delle afte non è nota. Nonostante ciò, tra i fattori scatenanti rientrano l’infezione da H. pylori e le malattie infiammatorie intestinali. Pertanto, il consumo e l’applicazione dello yogurt bianco possono alleviare il fastidio legato a questa condizione.

Questo prodotto è un concentrato di probiotici, o colture di batteri vivi, che aiutano a contrastare l’azione dell’H. Pylori. Oltre a ciò, regola il pH della pelle e riduce il rischio di infezione.

Come si applica?

  • Consumate un vasetto di yogurt al giorno.
  • In alternativa, potete applicare lo yogurt direttamente sulla piaga.
  • Lasciate agire senza risciacquare e ripetete l’uso per 3 volte al giorno.

Quando è necessario consultare il medico?

Nella maggior parte dei casi le afte possono essere curata senza bisogno di interpellare il medico. Tuttavia, può capitare che il fastidio si protragga e provochi persino complicazioni. In questo casi, è meglio effettuare un controllo per determinarne la causa. Rivolgetevi direttamente al medico se:

  • Avete più afte.
  • Notate la formazione di nuove piaghe prima della totale guarigione delle altre.
  • L’ulcera non scompare entro due settimane.
  • Le afte provocano un dolore intenso.
  • Sono presenti anche sulle labbra.
  • Il dolore impedisce di mangiare o bere normalmente.
  • Avete la febbre, moderata o alta.

Avete un’afta in bocca o su una gengiva? Provate prima di tutto alcuni dei rimedi appena descritti. Vi offriranno sollievo e ne favoriranno la scomparsa. Se però non notate miglioramenti, consultate il medico.

.

  • El-Haddad, S. A., Asiri, F. Y., Al-Qahtani, H. H., Al-Ghmlas, A. S., S.A., E.-H., F.Y., A., … Al-Ghmlas, A. S. (2014). Efficacy of honey in comparison to topical corticosteroid for treatment of recurrent minor aphthous ulceration: a randomized, blind, controlled, parallel, double-center clinical trial. Quintessence International (Berlin, Germany : 1985). https://doi.org/10.3290/j.qi.a32241
  • Shilling, M., Matt, L., Rubin, E., Visitacion, M. P., Haller, N. A., Grey, S. F., & Woolverton, C. J. (2013). Antimicrobial effects of virgin coconut oil and its medium-cahin fatty acids on Clostridium difficile. Journal of Medicinal Food. https://doi.org/10.1089/jmf.2012.0303
  • Abdollahi, M., & Hosseini, A. (2014). Hydrogen Peroxide. In Encyclopedia of Toxicology: Third Edition. https://doi.org/10.1016/B978-0-12-386454-3.00736-3
  • Srivastava, J. K., Shankar, E., & Gupta, S. (2010). Chamomile: A herbal medicine of the past with a bright future (review). Molecular Medicine Reports. https://doi.org/10.3892/mmr.2010.377
  • Parra Huertas, R. A. (2012). Yogur en la salud humana. (Spanish). Yogurt and Human Health. (English). https://doi.org/10.1021/jf301903t