Semplici trucchi per eliminare la muffa dalle pareti

· 9 maggio 2016
Queste soluzioni naturali potrebbero richiedere qualche passata in più rispetto agli anti-muffa chimici, ma vi permettono di eliminare la muffa senza correre il pericolo di intossicarvi.

La muffa appartiene alla famiglia dei funghi, insieme ai lieviti e, per la loro composizione cellulare, non appartengono né al regno vegetale né animale. 

Si stima che ne esistano centinaia di specie, ma le più conosciute sono il Cladosporium, il Penicillium, l’Alternaria e l’Aspergillus.

Tendono a svilupparsi sulle superfici umide, soprattutto sulle pareti, sulle piastrelle e sui sanitari.

Il problema della presenza della muffa è che, oltre a provocare brutte macchie, è fonte di problemi respiratori e reazioni allergiche in molte persone.

Fortunatamente sono diversi i modi per rimuoverla in modo veloce ed efficace, senza per forza dover ricorrere a prodotti chimici aggressivi.

Abbiamo selezionato per voi i migliori rimedi naturali: vi saranno utili alla prima occasione.

Come eliminare la muffa dalle pareti

Aceto bianco

Volete eliminare la muffa dalle pareti spendendo poco? Provate con l’aceto bianco.

Questo prodotto prodigioso contiene sostanze antibatteriche e antimicotiche che vi faciliteranno il compito.

Come utilizzarlo:

  • Versate una tazza di aceto bianco all’interno di una bottiglietta con nebulizzatore. Spruzzatelo sulle macchie.
  • Lasciate agire alcuni minuti e infine pulite con una spugna.
  • Ripetete l’operazione fino alla scomparsa completa della muffa.

Leggete anche: 8 fantastici usi dell’aceto bianco

Olio essenziale di melaleuca

Con le sue potenti qualità antibiotiche e antibatteriche, l’olio essenziale di melaleuca è un prodotto naturale dai molteplici utilizzi, in casa come in medicina.

Costa un po’ di più rispetto agli altri prodotti, ma ha il vantaggio di essere innocuo per la salute e di rispettare l’ambiente.

Come utilizzarlo:

  • Diluite un cucchiaino di olio essenziale di melaleuca in un litro di acqua. Spruzzate con un nebulizzatore le superfici macchiate.
  • Attendete qualche minuto lasciando agire i principi attivi. Risciacquate strofinando con un panno o una spazzola.

Acqua ossigenata

Ragazza con nebulizzatore muffa

In genere ci limitiamo ad utilizzarla per disinfettare le ferite, in realtà, però, l’acqua ossigenata ha proprietà sbiancanti e antibatteriche, perfette per alcuni lavori di pulizia.

In questo caso, la utilizziamo pura, per facilitare il processo di rimozione della muffa.

Come utilizzarla:

  • Spruzzate l’acqua ossigenata pura sulle pareti macchiate, lasciate agire per un quarto d’ora e infine sfregate con una spazzola.
  • Sciacquate e ripetete l’applicazione se necessario.

Percarbonato di sodio

Il percarbonato di sodio (conosciuto anche come acqua ossigenata solida) è uno sbiancante per eccellenza, infatti entra nella composizione di molti detersivi e articoli per la pulizia. 

Rimuove qualunque tipo di sporco, muffe comprese.

Come utilizzarlo:

  • Diluite un paio di cucchiai di percarbonato di sodio in acqua tiepida. Bagnate con questa soluzione le superfici macchiate di muffa.
  • Lasciatelo agire una ventina di minuti, quindi risciacquate.

Estratto di semi di pompelmo

L’estratto di semi di pompelmo non è tanto conosciuto, ma chi lo ha provato assicura che si tratta di un ottimo prodotto per le pulizie.

Ha qualità antivirali, antibatteriche e antimicotiche, è quindi un ottimo strumento per combattere lo sviluppo della muffa. A differenza di altri composti, inoltre, non ha un odore forte.

Come utilizzarlo:

  • Diluite 20 gocce di questo estratto in una tazza di acqua. Sfregate con questa soluzione le macchie di muffa.
  • Lasciate agire e rimuovete lo sporco con un panno. Non c’è bisogno di risciacquare.

Scoprite i trucchi per risparmiare tempo durante la pulizia della cucina

Vodka

Oltre a essere uno degli alcolici più usati nella preparazione di cocktail e bevande, la vodka, con la sua alta gradazione alcolica, ha anche altri utilizzi.

L’alcool combatte i funghi ed elimina i batteri da quasi ogni tipo di superficie. Rimuove anche la muffa, lasciando le pareti impeccabili.

Come utilizzarlo:

  • Spargete una buona quantità di vodka sulla parete coperta di muffa e lasciate agire per 10 minuti.
  • Trascorso questo tempo, sfregate con una spugna o un panno.
  • Ripetete diverse volte per ottenere un risultato perfetto.

Scegliete il metodo che vi è più comodo e seguite le indicazioni che vi abbiamo dato.

Oltre a questo, ricordate che è importante arieggiare le stanze umide per contrastare l’ambiente ideale alla proliferazione delle muffe. 

Guarda anche