Eliminare un orzaiolo con 5 facili trucchi

25 Febbraio 2021
L'applicazione di impacchi caldi, i lavaggi con la camomilla e altre misure sono i rimedi più utilizzati per eliminare un orzaiolo. In questo articolo vi parliamo dei più efficaci.

L’orzaiolo è una protuberanza che compare sulla palpebra dell’occhio come conseguenza di un’infiammazione della ghiandola sebacea localizzata sul bordo della palpebra. Per eliminare un orzaiolo spesso è necessario ricorrere a un trattamento farmacologico, ma esistono anche dei semplici trucchi che aiutano a farlo scomparire.

Un’altra malattia che provoca l’infiammazione della palpebra è il calazio. Il calazio è causato da un’ostruzione delle piccole ghiandole sebacee poste sul bordo della palpebra, proprio dietro le ciglia.

A differenza dell’orzaiolo, il calazio in genere non è doloroso e tende a svilupparsi in modo più prominente nella parte interna della palpebra.

Donna con orzaiolo.

Possibili cause di un orzaiolo

Le principali cause che possono dare luogo alla comparsa di un orzaiolo sono le seguenti.

1. Infezione da stafilococco

Rappresenta la causa in nove casi su dieci. Questa infezione è causata da batteri che si insediano nella pelle o nel naso e che sono innocui in situazioni normali. Tuttavia, a volte, entrando in contatto con il bordo della palpebra, possono causare un’infezione.

Toccare gli occhi con le mani sporche, cambiare le lenti a contatto senza disinfettarle o lasciare il trucco durante la notte sono alcuni dei motivi che possono causare questa infezione.

2. Infiammazione cronica delle palpebre

Chiamata anche blefarite cronica, è un’infiammazione del bordo della palpebra che di solito colpisce entrambi gli occhi ed è causa di irritazione e arrossamento.

Leggete anche: Eliminare le occhiaie in modo naturale ed efficace

Sintomi dell’orzaiolo

I segni e i sintomi dell’orzaiolo sono i seguenti:

  • Lacrimazione degli occhi.
  • Sensibilità alla luce.
  • Dolore alle palpebre.
  • Gonfiore delle palpebre.
  • Cispe intorno alle palpebre.
  • Una protuberanza rossa sulla palpebra, simile a un brufolo o a un foruncolo.
  • Sensazione fastidiosa di avere un corpo estraneo all’interno dell’occhio.

Rimedi per eliminare un orzaiolo

Avete mai avuto un orzaiolo? Se è il vostro caso o se succede di frequente, prestate attenzione. Di seguito, vi proponiamo alcuni rimedi che possono esservi utili per eliminare un orzaiolo.

1. Oro per il vostro occhio

Tazzina con cucchiaino d'oro.
Alcune persone utilizzano anelli e cucchiai d’oro per “eliminare” gli orzaioli in maniera naturale.

Quando l’obiettivo è eliminare velocemente un orzaiolo, uno dei trucchi tramandati di generazione in generazione (e che ha dato ottimi risultati) consiste nell’applicare una fonte di calore sulla zona della lesione. Per farlo, avrete solo bisogno di un oggetto in oro.

Strofinate l’oggetto in oro con un panno fino a quando non sentite che è diventato caldo e collocatelo direttamente sull’orzaiolo. Ripetete il procedimento fino a 10 volte consecutive, ogni giorno.

* Gli scienziati hanno chiarito che il sollievo non è dato dal fatto che l’oggetto sia realizzato in oro o in qualche altro metallo, ma per effetto del calore in sé.

2. Applicazione topica di aloe vera per eliminare un orzaiolo

Grazie alle sue proprietà idratanti, ammorbidenti e cicatrizzanti, si ritiene che il gel di aloe vera possa essere considerato un buon rimedio per alleviare il fastidio causato dall’orzaiolo.

Usate una foglia di aloe vera e una garza. Estraete il gel e lavatelo con abbondante acqua. Quindi, con l’aiuto della garza, applicatelo sulla palpebra.

* L’efficacia di questo rimedio non è scientificamente provata. Tuttavia, continua a essere usato a livello popolare, dal momento che alla pianta si attribuiscono numerosi proprietà medicinali.

3. Bustine di camomilla

Dopo numerose ricerche, è stato verificato che la camomilla ha proprietà antinfiammatorie e sedative che aiutano a ridurre il fastidio e l’infiammazione causati dall’orzaiolo.

Preparate 1 bustina di camomilla e 1 tazza di acqua bollita e mettete la bustina nell’acqua per cinque minuti; dopo di che estraetela e posizionatela sull’orzaiolo. Quindi, lasciatela agire per dieci minuti e ripetete la procedura due volte al giorno.

4. Olio essenziale di camomilla per eliminare un orzaiolo

Olio essenziale di camomilla per eliminare un ozaiolo.

Così come c’è chi ricorre all’infuso di camomilla per alleviare l’infiammazione e il prurito, c’è anche chi applica un certo numero di gocce di olio essenziale di questa stessa erba, che possiede effetti analoghi.

Infatti, alcuni studi condotti sui roditori hanno consentito di dimostrare che l’olio essenziale di camomilla esercita un effetto antinfiammatorio.

5. Eliminare un orzaiolo con le fette di cetriolo

Secondo alcune credenze popolari, collocare per un po’ di tempo una fetta di cetriolo fresco (precedentemente sciacquato con acqua) sull’orzaiolo aiuta ad alleviare il prurito e l’infiammazione. La ragione è dovuta al fatto che a questo ortaggio vengono attribuite proprietà calmanti e antinfiammatorie.

Vi consigliamo di leggere anche: Acqua di cetriolo contro la ritenzione idrica

Che cosa si può fare per eliminare un orzaiolo?

Non è consigliabile manipolare continuamente l’orzaiolo con le mani (soprattutto se queste non state precedentemente lavate con acqua e sapone) né cercare di “farlo scoppiare” o “drenarlo” utilizzando oggetti appuntiti oppure le unghie, perché l’unico risultato sarebbe solamente quello di portare a un peggioramento del problema.

Si può invece praticare un lavaggio della zona impiegando acqua e sapone, i rimedi citati in precedenza e i seguenti trucchi di cui parleremo nelle prossime righe.

Usare pomate antibiotiche

Le pomate antibiotiche aiutano ad eliminare l’orzaiolo quando la causa che ne ha provocato la comparsa è un’infezione da stafilococco. La pomata sarà prescritta dal medico e dovrete seguire le istruzioni che vi avrà fornito durante la visita.

Pulire bene gli occhiali, le lenti a contatto e affini

Se usate lenti a contatto, cercate di non indossarle fino a quando l’orzaiolo non è scomparso. Le lenti potrebbero essere contaminate dai batteri correlati all’orzaiolo. Assicuratevi che siano pulite e, prima di maneggiarle, lavatevi bene le mani.

Ricordate anche di lavare tutto ciò che è stato a contatto con l’occhio, federe, lenzuola, cuscini, asciugamani, ecc.

  • Durand, M. (2016). Infecciones perioculares. In Mandell, Douglas y Bennett. Enfermedades infecciosas. Principios y práctica. https://doi.org/10.1016/B978-84-9022-917-0/00118-9

  • General, C. de S. (2010). Diagnóstico y Manejo del Orzuelo y Chalazión. Catálogo Maestro de Guías de Práctica Clínica.

  • Caño, J. G., Bareche, J. O., & Justribó, M. T. (2007). Orzuelo. FMC Formacion Medica Continuada En Atencion Primaria. https://doi.org/10.1016/S1134-2072(07)71608-0