Eliminare l’orzaiolo con erbe naturali

26 Giugno 2020
Non sapete come accelerare la guarigione dell'orzaiolo? Oggi scopriremo alcune opzioni naturali a base di erbe.

L’orzaiolo è un’infiammazione acuta causata da un’infezione che provoca dolore, sensibilità ed edema nella palpebra. Oggi scopriremo alcune soluzioni a base di erbe per eliminare l’orzaiolo, un disturbo di cui è bene liberarsi il prima possibile.

Sebbene l’orzaiolo in genere sia lieve e guarisca da solo, in determinate occasioni può causare complicazioni e gravi disagi. In questi casi possiamo ricorrere ad alcune piante medicinali. In questo articolo proponiamo 4 erbe naturali per eliminare l’orzaiolo, da usare in concomitanza con il trattamento indicato dal medico.

4 erbe naturali per eliminare l’orzaiolo

L’orzaiolo è causato dai batteri del genere Staphylococcus. In caso di blefarite, scarsa igiene del viso (ad esempio non rimuovendo il trucco dagli occhi prima di andare a dormire) o delle mani, è facile soffrire di questo disturbo. Vediamo insieme le erbe per eliminare un orzaiolo.

1. Eufrasia

Eufrasia contro l'orzaiolo
Questa pianta ha proprietà antimicrobiche che aiutano a eliminare l’infezione batterica.

Questa pianta è considerata un’opzione molto valida per accelerare la guarigione dall’orzaiolo. I motivi per cui è così efficace sono i seguenti:

  • Allevia le irritazioni agli occhi.
  • Agisce direttamente sulla mucosa.
  • Ha un’azione astringente.
  • Possiede proprietà antimicrobiche e antisettiche.

È possibile usare l’eufrasia sugli occhi sotto forma di infuso. Una volta pronto, bisogna immergervi una garza sterile e fare un impacco da applicare sulle palpebre chiuse per 5 minuti. Possiamo usare l’infusione anche per lavare accuratamente gli occhi.

Potrebbe interessarvi: Bustine da tè per gli occhi: quali e come applicarle

2. Celidonia

La celidonia è un’altra erba consigliata per curare l’orzaiolo. Questa pianta possiede proprietà molto benefiche in grado di ridurre il gonfiore e favorire la scomparsa dell’orzaiolo in pochi giorni.

  • La celidonia possiede proprietà antivirali.
  • Funge da antibatterico.
  • Aiuta a far sgonfiare le palpebre.

Come nel caso precedente, il modo migliore per usare questa erba è preparare un infuso . Poi, bisognerà immergervi una garza e creare un impacco da appoggiare sull’orzaiolo.

Bisogna fare attenzione a non applicare la garza sugli occhi con liquido troppo caldo per evitare eventuali scottature.

3. Calendula

Fiori di calendula per eliminare lo orzaiolo
I fiori di calendula hanno un effetto calmante che aiuta a ridurre l’infiammazione dell’orzaiolo.

La calendula può essere di grande aiuto per curare l’orzaiolo. Tra le sue caratteristiche e proprietà, possiamo evidenziare:

  • Proprietà antinfiammatorie.
  • Grande potere curativo.
  • È un’erba antibatterica.

Tutto ciò rende la calendula essenziale per eliminare l’orzaiolo. Il modo migliore per sfruttare tutte le sue proprietà è preparare un cataplasma da applicare sull’occhio. Per raggiungere questo risultato, bisogna prima preparare una normale infusione con le foglie di calendula.

Quando l’acqua bolle, mettete i fiori in una garza, immergeteli in acqua e coprite con il coperchio. Infine, applicate il cataplasma sull’orzaiolo per 5-10 minuti tenendo gli occhi chiusi.

Potrebbe interessarvi: Tonificare le palpebre con ingredienti naturali

4. Tè verde

L’ultima opzione per curare l’orzaiolo è il tè verde. Si tratta di un infuso che probabilmente abbiamo tutti a casa e le cui proprietà non sono solo benefiche per la nostra salute, ma anche per la nostra pelle.

Le proprietà del tè verde provengono, in parte, dai polifenoli, molecole organiche che danno a questa pianta alcune delle seguenti proprietà che ci aiuteranno a eliminare l’orzaiolo:

  • Antivirali.
  • Antinfiammatorie.
  • Anti allergiche.

È importante applicare questo rimedio come impacco o cataplasma, come abbiamo visto in precedenza. Inoltre, dobbiamo essere pazienti e farlo una volta al giorno.

Altri consigli per prevenire ed eliminare l’orzaiolo

Struccare il viso
Una corretta pulizia del viso aiuta a prevenire l’ostruzione dei follicoli e lo sviluppo dell’orzaiolo.

Oltre ad applicare questi rimedi naturali per accelerare la guarigione dell’orzaiolo, bisogna tenere conto di alcuni suggerimenti. Questi saranno particolarmente utili se l’orzaiolo si presenta con frequenza.

Forse non date la giusta importanza al fatto di struccavi correttamente prima di andare a dormire. Al contrario, questa è un’abitudine essenziale perché, forse non lo sapete, ma l’ombretto e soprattutto il mascara possono far comparire l’orzaiolo. Oltre a ciò, è essenziale utilizzare prodotti adatti per gli occhi.

Allo stesso modo, è bene fare attenzione quando ci si tocca gli occhi con le mani. Non sempre abbiamo le mani pulite e questo può favorire la comparsa del fastidioso orzaiolo.

Se nonostante i rimedi di cui sopra l’orzaiolo continua a ripresentarsi con frequenza, non esitate a rivolgervi al vostro medico di fiducia. Questi vi consiglierà il modo migliore per scoprire l’origine del problema.

Avete spesso l’orzaiolo? È lieve o, al contrario, provoca un gonfiore notevole sulle palpebre? Speriamo che questi rimedi a base di erbe possano aiutarvi, ma ricordate che rimuovere il trucco ogni sera prima di andare a dormire e lavarsi le mani prima di toccarsi gli occhi è fondamentale per prevenirlo.

  • García-Rodríguez, M. C., Vilches-Larrea, R. E., Nicolás-Mendez, T., & Altamirano-Lozano, M. A. (2012). El té verde en la quimioprevención in vivo del daño genotóxico inducido por metales cancerígenos (cromo [VI]). Nutrición Hospitalaria27(4), 1204-1212.
  • Lastra Valdés, Humberto, & Piquet García, Rosario. (1999). Calendula officinalis. Revista Cubana de Farmacia33(3), 188-194. Recuperado en 22 de marzo de 2019, de http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0034-75151999000300007&lng=es&tlng=es.
  • López de Letona, C.. (2006). Remedios oftálmicos en la materia médica de Dioscórides (II). Archivos de la Sociedad Española de Oftalmología81(5), 301-302. Recuperado en 22 de marzo de 2019, de http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0365-66912006000500011&lng=es&tlng=es.
  • Mengual-Moreno, E., Lizarzábal-García, M., Hernández-Rincón, I., & De Freitas Barboza-Nobrega, M. (2015). Hepatotoxicidad asociada a hierbas y productos nutricionales de origen botánico. Investigación Clínica56(3), 320-335.
  • Novy P, Davidova H, Serrano-Rojero CS, Rondevaldova J, Pulkrabek J, Kokoska L. Composition and Antimicrobial Activity of Euphrasia rostkoviana Hayne Essential Oil. Evid Based Complement Alternat Med. 2015;2015:734101. doi:10.1155/2015/734101
  • Parente, L. M., Lino Júnior, R., Tresvenzol, L. M., Vinaud, M. C., de Paula, J. R., & Paulo, N. M. (2012). Wound Healing and Anti-Inflammatory Effect in Animal Models of Calendula officinalis L. Growing in Brazil. Evidence-based complementary and alternative medicine : eCAM2012, 375671. https://doi.org/10.1155/2012/375671
  • Miraj, S., & Alesaeidi, S. (2016). A systematic review study of therapeutic effects of Matricaria recuitta chamomile (chamomile). Electronic physician8(9), 3024–3031. https://doi.org/10.19082/3024
  • Novy P, Davidova H, Serrano-Rojero CS, Rondevaldova J, Pulkrabek J, Kokoska L. Composition and Antimicrobial Activity of Euphrasia rostkoviana Hayne Essential Oil. Evid Based Complement Alternat Med. 2015;2015:734101. doi:10.1155/2015/734101