Empirismo: cos'è, caratteristiche ed esempi

L'empirismo è un movimento filosofico che cerca di spiegare la formazione delle idee e l'acquisizione della conoscenza. Secondo questa posizione, questi processi hanno origine solo attraverso l'esperienza sensoriale.
Empirismo: cos'è, caratteristiche ed esempi

Ultimo aggiornamento: 10 agosto, 2022

Fin dall’antica Grecia, molti filosofi si sono chiesti come l’essere umano conosca la realtà. Lo fa attraverso i sensi o attraverso la ragione? Ciò ha portato alla formulazione di varie teorie, come l’empirismo, il razionalismo, lo scetticismo e altri.

Nel corso dei secoli, i filosofi hanno sollevato innumerevoli domande sulla conoscenza. Ebbene, il modo in cui l’essere umano si avvicina alla realtà sembra essere una delle questioni più inquietanti. Successivamente parleremo di una delle correnti più influenti che ha cercato di rispondere al problema della conoscenza: l’empirismo.

Cos’è l’empirismo?

L’empirismo è una corrente filosofica che enfatizza il ruolo dell’esperienza e dell’evidenza (soprattutto la percezione sensoriale) nella formazione delle idee e nell’acquisizione della conoscenza. Cioè, per gli empiristi nasciamo con una mente vuota e acquisisce contenuto quando percepiamo e sperimentiamo attraverso i sensi.

Non ci sarebbe contenuto mentale creato esclusivamente dall’intelletto o dalla creatività. Di conseguenza, quelle produzioni umane, come gli esseri mitologici, le opere d’arte e persino la matematica, avrebbero la loro origine nell’esperienza.

Ad esempio, un empirista direbbe che un drago non è un concetto che ha avuto origine nella mente di una persona. Ma grazie alla percezione e all’esperienza con rettili, animali volanti e fuoco, questo essere inesistente potrebbe essere creato.

Origine dell’empirismo

Questo movimento filosofico ha le sue radici in Grecia, specialmente nelle opere di Aristotele, i Sofisti e gli Scettici.

Intendevano l’empirico come la conoscenza utile e tecnica di medici, architetti e artigiani in genere, contrapposta alla conoscenza teorica dei campi speculativi e riflessivi della scienza in generale.

Tuttavia, l’empirismo come corrente filosofica è emerso nell’età moderna, tra il XVII e il XVIII secolo. Il termine, etimologicamente parlando, deriva dal greco emperiria, che significa esperienza, e dal suffisso -ismo, che indica che si tratta di una dottrina.

Rappresentanti dell’empirismo

I principali esponenti dell’empirismo furono filosofi inglesi come:

  • Francis Bacon (1561-1626): ha sostenuto che gli scienziati dovrebbero essere prima scettici e non accettare spiegazioni che non possono essere provate dall’osservazione e dall’esperienza sensoriale.
  • John Locke (1632-1704): proponeva che la mente umana fosse una Tabula rasa, sulla quale la conoscenza è impressa a posteriori attraverso l’esperienza.
  • George Berkeley (1685-1753) : proponeva un idealismo soggettivo o immaterialista, il cui postulato principale era che non esiste materia in sé ma la sua percezione. Il mondo esiste solo finché lo percepiamo.
  • David Hume (1711-1776) : ha difeso la tesi che la conoscenza deriva dall’esperienza sensibile e riduce tutta la conoscenza a “impressioni” o “idee”, da cui sorgono due possibili tipi di conoscenza: verità di fatto e relazione di idee.
Aristotele iniziò l'empirismo.
Aristotele è la figura della Grecia associata all’empirismo, anche se non si è affermata come tale fino all’età moderna.

Leggi anche: L’emergentismo come filosofia e le sue caratteristiche

Quali sono le caratteristiche principali dell’empirismo?

Per comprendere meglio questa posizione filosofica, ecco le sue caratteristiche essenziali:

  • La ragione è limitata dall’esperienza. In altre parole, per la formazione delle idee e l’acquisizione di conoscenze, il ragionamento passa in secondo piano. In questo caso, i sensi e le prove sono l’unica fonte affidabile di informazioni.
  • Nega l’esistenza di idee innate. Secondo gli empiristi, le persone non nascono con le idee in mente. Al contrario, affermano che i contenuti mentali sono creati dall’esperienza sensoriale.
  • Si oppone al razionalismo. L’empirismo e il razionalismo sono concepiti come due posizioni opposte. Ebbene, la seconda afferma che la conoscenza si acquisisce attraverso la ragione e che solo attraverso di essa si possono scoprire verità universali. Sottolinea inoltre che i sensi sono una fonte fuorviante per acquisire conoscenza.
  • È un metodo induttivo. Conosciuto anche come metodo scientifico, si basa sull’idea della verifica sperimentale delle ipotesi. In generale, questa metodologia mira ad ottenere conclusioni generali da casi particolari.

5 esempi di empirismo

Nel corso della storia e nella vita di tutti i giorni possiamo trovare molti esempi che riaffermano la teoria empirista. Alcuni di loro sono i seguenti.

1. Imparare a parlare

Imparare a parlare dipende molto dall’esperienza. Il bambino conosce le parole all’interno dell’ambiente, le ascolta e impara i significati che gli altri attribuiscono a ciascuno.

2. Apprendere che il fuoco brucia

È molto probabile che un bambino, vedendo il fuoco per la prima volta, si avvicini alla sua mano per sapere di cosa si tratta. Nonostante gli venga detto di non toccarlo, è un oggetto che attira molta attenzione. Prima o poi si brucerà cercando di toccarlo e lì imparerà che non dovrebbe più farlo.

3. Ipotesi sul clima

Prima della meteorologia, la gente sapeva già che sarebbe piovuto quando le nuvole grigie si accumulavano nel cielo. Questo è un chiaro esempio di ipotesi per abitudine.

Nuvole di tempesta. Empirismo.
Prevedere il tempo dalle nuvole o dalle formazioni nel cielo è un esempio di empirismo.

4. Imparare per tentativi ed errori

Ciò si verifica quando una risposta a un problema viene verificata tutte le volte necessarie, fino a quando non viene trovata la soluzione corretta. Ad esempio, imparare a camminare o ad andare in bicicletta avviene attraverso la conoscenza empirica. Cioè, viene testato più e più volte fino a quando non viene identificato il modo che dà il miglior risultato.

5. Esperimenti scientifici

La scienza ha riconosciuto le realtà grazie all’evidenza. In questi casi, gli scienziati si rivolgono a fatti osservabili per determinare se un’ipotesi è vera o meno.

L’importanza dell’esperienza e della ragione per imparare

Sebbene sia vero che gli esseri umani imparano molte cose attraverso la sperimentazione e le proprie esperienze, non bisogna sottovalutare il ruolo della ragione umana in questi processi. Ebbene, è evidente che le persone hanno una capacità di ragionamento maggiore rispetto ad altre specie. E grazie a questo, l’umanità ha realizzato grandi cose.

Ciò premesso, riteniamo che esperienza e ragione debbano essere assunte sullo stesso piano per l’acquisizione di conoscenze e idee. Come ha fatto il filosofo Immanuel Kant, che ha cercato di conciliare razionalismo ed empirismo nella sua complessa teoria della conoscenza.

Potrebbe interessarti ...
Come applicare la filosofia nella vita di tutti i giorni
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Come applicare la filosofia nella vita di tutti i giorni

Tutti applichiamo la filosofia nella vita di tutti i giorni, ma la maggior parte non ne è consapevole. Ecco come si manifesta.