Ritardo del linguaggio: tipi, sintomi e cause

16 Ottobre 2020
La comunicazione è alla base di tutti i grandi progressi compiuti dall'essere umano, eppure non tutti sono in grado di sviluppare interamente questa abilità. Oggi vi raccontiamo qualcosa in più sui ritardi del linguaggio che possono emergere durante l'infanzia.

Fin dalla nascita, iniziamo a comunicare tramite sorrisi e pianti. A mano a mano che cresciamo, aggiungiamo gesti e suoni, fino a pronunciare le prime parole. Ciononostante, non sono pochi i bambini che fanno fatica a esprimersi e a farsi capire a causa di un ritardo del linguaggio.

I disturbi legati alla comunicazione possono determinare le interazioni, il carattere e l’apprendimento del bambino. Secondo il dipartimento della salute dell’Università del Michigan, tra il 5 e il 10% della popolazione infantile è affetta da un qualche tipo di ritardo del linguaggio. Scopriamo di più.

Ritardo del linguaggio nei bambini

Tipi e sintomi

Esistono due tipi di ritardo del linguaggio: il ritardo recettivo, che fa riferimento alla difficoltà di comprendere ciò che viene comunicato, e il ritardo espressivo ossia la difficoltà di comunicare a parole. In molti casi i due tipi sono combinati.

A volte può essere necessario diverso tempo pima di scoprire che il bambino ha difficoltà di comprensione e comunicazione. Alcuni sintomi abbastanza evidenti possono fungere da campanello d’allarme:

  • Intorno ai 15 mesi di età il bambino non emette ancora balbettii.
  • Non ha ancora pronunciato una parola ai 2 anni.
  • Intorno ai 3 anni fa fatica a pronunciare frasi.
  • Non comprende le vostre istruzioni.
  • Non reagisce quando gli si parla.

Leggete anche: Disturbo mentale nei bambini: come riconoscerlo

Esercizi per bambini con disturbo di linguaggio.

Cause del ritardo del linguaggio

I disturbi legati alla comunicazione di norma sono di natura cerebrale, ma il ritardo di linguaggio può dipendere anche da un deficit fisico, problemi di adattamento sociale o a difficoltà di apprendimento. Le cause principali sono:

  • Scarso udito. Imparare e parlare è complicato per il bambino che non sente bene.
  • Autismo. Non tutti i bambini autistici hanno difficoltà a esprimersi, ma a volte i problemi di espressione sono dovuti proprio all’autismo.
  • Problemi neurologici. Condizioni quali la paralisi cerebrale o l’atrofia muscolare possono colpire i muscoli necessari per parlare.
  • Ambiente disfunzionale. In contesti familiari in cui il bambino si sente emarginato, aggredito o isolato,  risulta complesso imparare a parlare. In questi casi, a volte la mancata comunicazione è selettiva.
  • Aprassia di discorso. Si tratta di una condizione per cui i muscoli fonatori non reagiscono ai segnali inviati dal cervello.

Trattamento

Non è sempre facile sapere se il ritardo nell’uso della parola sia il prodotto di una delle condizioni sopraelencate o se si tratta di una fase passeggera. Se il bambino non rispetta i normali cicli di comunicazione, bisogna consultare il pediatra. Una diagnosi precoce può portare a una rapida soluzione del problema.

A seconda della causa, il paziente verrà seguito da un audiologo, un logopedista, uno psicologo o persino un assistente sociale. La soluzione migliore è affidarsi a uno staff multidisciplinare che possa stimolare il bambino sotto diversi punti di vista.

La partecipazione della famiglia è indispensabile per il buon esito di qualsiasi terapia. Che si tratti di stimolare il linguaggio o di stabilire forme di comunicazione non orali, i genitori devono essere coinvolti nell’intero inter.

Vi può interessare: 5 esercizi per attivare il linguaggio nei bambini

Mamma legge libro ad alta voce a suo figlio.

Ritardo del linguaggio e consigli per i genitori

Fin dalla nascita i bambini assorbono tutto quello che si presenta attorno a loro. Il senso dell’udito è uno dei primi punti di riferimento dell’essere umano, persino quando si trova ancora nel ventre materno. Dopo le 18 settimane di vita, il piccolo avverte i primi suoni e tra la venticinquesima e la ventiseiesima settimana risponde alle voci con i movimenti.

Si consiglia di parlare sin da subito ai propri figli, addirittura prima che nascano. Offrire stimoli diversi durante la crescita favorirà un rapido sviluppo delle loro abilità comunicative. Ricordate di:

  • Rispondere ai loro versetti con parole e suoni.
  • Cantare quando sono ancora molto piccoli.
  • Leggere libri a voce alta. Si può iniziare con libri speciali per neonati e alzare il livello man mano che crescono.
  • Rispondere sempre alle loro domande.
  • Insegnare loro il nome delle cose anche quando sono ancora troppo piccoli per ripeterli.

Infine, se sospettate che i vostri bambino soffrano di disturbo del linguaggio, consultate uno specialista del campo. Come anticipato, una diagnosi precoce aiuterà a stabilire la terapia adeguata per risolvere il problema il prima possibile.

  • Fetal development: Stages of growth. (2014). my.clevelandclinic.org/health/articles/7247-fetal-development-stages-of-growth
  • Your baby’s hearing and communicative development checklist. (2010). nidcd.nih.gov/health/hearing/pages/silence.aspx
  • Speech and language delay in children. McLaughlin MR. (2011). aafp.org/afp/2011/0515/p1183.html
  • Evidence summary: Other supporting document for speech and language delay and disorders in children age 5 and younger: Screening.  Wallace IF, et al. (2015). uspreventiveservicestaskforce.org/Page/Document/evidence-summary30/speech-and-language-delay-and-disorders-in-children-age-5-and-younger-screening
  • What is Receptive Language Delay? Spech and lenguage kids. https://www.speechandlanguagekids.com/receptive-language-delay/
  • Speech and Language Development.C.S. Mott Children Hospital, Michigan Medicine. https://www.mottchildren.org/posts/your-child/speech-and-language-development