Errori comuni quando si inizia una dieta

· 6 Maggio 2019
Quando si inizia una dieta è fondamentale concentrarsi, rivolgersi a uno specialista affinché elabori una dieta adatta alle nostre esigenze per poi abbinarla all'attività fisica per ottenere risultati migliori

Ci sono alcuni errori comuni che commettiamo quando ci mettiamo a dieta e che, per questo, impediscono di raggiungere i risultati sperati. Non importa il tipo di dieta, né tantomeno quanto sia rigida. Ci sono diverse aspetti che magari state trascurando.

Oggi scopriremo 3 errori comuni che vengono commessi quando si inizia una dieta. Alcuni di essi vi sorprenderanno. Vediamo quali sono e come evitarli.

Errori comuni quando si inizia una dieta

Sarebbe bene che prendeste nota di tutti gli errori di cui stiamo per parlarvi. Questo perché, a volte per inerzia, continuiamo a commetterli senza nemmeno rendercene conto.

Leggete anche: Dimagrire in modo sano con 8 erbe

1. Scegliere solo alimenti light 

Donna che legge le etichette

La pubblicità che viene fatta ai cibi light è davvero spropositata. Ci vendono questo tipo di prodotti come alternative sane. Ma è davvero così? All’inizio di una dieta, scegliere questo tipo di alimenti può non essere la cosa giusta.

Molti prodotti light presentano un numero di calorie inferiore rispetto alla loro versione normale, tuttavia la percentuale di grassi e zuccheri è comunque abbastanza alta. 

Pensiamo a una bibita light alla cola. Potrebbe succedere che questo tipo di prodotti con contengano zucchero, ma che contengano edulcoranti.

Se siamo all’inizio di una dieta, la cosa più intelligente da fare sarebbe scegliere di bere acqua. La cosa migliore è, infatti, scegliere prodotti più naturali possibile: acqua, verdura, frutta.

Ad esempio, invece di optare per del succo d’arancia imbottigliato, sebbene venga venduto come naturale, è più sano comprare le arance e spremerle da noi.

2. Non concedervi nessuno sgarro è tra gli errori comuni

Suona strano, vero? Dieta e sgarro sembrano essere due concetti totalmente agli antipodi, tuttavia gli sgarri hanno la loro ragione di esistere.

Cosa succede quando poniamo dei limiti a un tipo di cibo che amiamo molto? Che alla fine non smetteremo di pensarci e potremmo cadere nella tentazione di mangiarlo in modo incontrollato.

Ad esempio, se vi piace molto il cioccolato, non mangiarlo mai può essere controproducente. La cosa più giusta sarebbe comprare il cioccolato nella sua versione più pura possibile e mangiarne 30 grammi.

Se sentite il bisogno di qualcosa di dolce, concedetevi un quadretto di cioccolato fondente. Solo uno al giorno! Vi sarete concessi uno sgarro salutare.

Inoltre, in occasioni speciali come feste, compleanni e festività Natalizie, moderate gli sgarri. Ma se vi costringete a non farne affatto, alla fine cadrete nella tentazione e potreste mandare all’aria la vostra dieta.

La ricercatrice Aranzazù Aparicio, del Dipartimento di Nutrizione della Facoltà di Farmacia dell’Università Complutense di Madrid, consiglia diete equilibrate e variegate, ma dalle porzioni ridotte.

3. Rimanere affamati

Errori comuni: porzioni ridotte

Il terzo degli errori più comuni quando si inizia una dieta è rimanere affamati. Terribile!

Una dieta non contempla il sentire fame. Questo è un mito che dovremmo sfatare a partire da adesso.

La parola dieta implica il concetto di salute e salute non significa sentirsi affamati. Non importa se volete dimagrire.

La nutrizionista Elaine Magee consiglia di incrementare il consumo di fibre, verdure, frutta e prodotti naturali in porzioni adeguate.

Mettersi a dieta non significa ridurre ai minimi livelli il consumo di calorie. Se andiamo da un nutrizionista, questi ci darà un piano settimanale in cui dovremo consumare determinate calorie giornaliere, distribuite al massimo in 5 pasti.

Non si tratta di limitare i pasti né l’ingestione degli alimenti.

Più pasti faremo, con le giuste porzioni e con alimenti sani, meno fame avremo e più facilmente raggiungeremo gli obiettivi prefissati. Rivolgersi a un nutrizionista può risolvere molti dubbi come questi.

Leggete: 7 modi di fare colazione per dimagrire senza avere fame

Tutte le diete devono essere personalizzate

Mangiare frutta e verdura

C’è anche un altro errore molto comune, che è seguire diete reperibili su internet o consigliate da amici che già ne seguono una.

Dobbiamo fare molta attenzione a questo, perché ciò che funziona per alcune persone può non funzionare per noi. 

Il fatto che esistano professionisti esperti in nutrizione significherà pur qualcosa. Essi tengono conto delle nostre abitudini, dei nostri obiettivi e anche del tempo a nostra disposizione.

Di sicuro alcuni di questi errori che si commettono quando ci si mette a dieta vi suonano familiari, perché voi stessi li avete commessi senza esserne consapevoli.

Se fino a ora nessuna dieta vi ha dato ciò di cui avete bisogno, non dubitate: un nutrizionista può aiutarvi.