Estrazione dentale: è necessaria prima dell'ortodonzia?

L'estrazione di denti e molari durante i trattamenti ortodontici è abbastanza comune. Scopri quando questa procedura è adatta e a cosa serve.
Estrazione dentale: è necessaria prima dell'ortodonzia?

Ultimo aggiornamento: 07 settembre, 2022

Potresti aver sentito dire che se si sottopone a un trattamento ortodontico, dovrà sottoporsi ad un’estrazione dentale. Anche se è vero che spesso è opportuno rimuovere alcuni denti, non è sempre così.

L’obiettivo dell’ortodonzia è quello di migliorare l’occlusione e ottenere il corretto posizionamento dei denti. I trattamenti non sono mirati solo ad ottenere un morso adeguato e un sorriso funzionale e bello, ma anche a fare in modo che i risultati siano stabili e durino nel tempo.

Prima di iniziare qualsiasi trattamento con l’apparecchio, l’ortodontista effettua un approfondito studio e valutazione della situazione della bocca. Con una diagnosi accurata è possibile pianificare il trattamento da effettuare e questo può includere o meno estrazioni dentali.

In generale, i denti naturali vengono preservati e vengono utilizzati metodi ortodontici per allineare tutti gli elementi dentali. Ma come ti diremo, ci sono situazioni che richiedono la rimozione di alcuni pezzi.

Scopriamo insieme quando è necessaria l’estrazione dentale in ortodonzia.

Estrazione dentale in ortodonzia

Un’attenta diagnosi e pianificazione delle procedure da eseguire è la prima parte di qualsiasi trattamento ortodontico. Il professionista analizza in dettaglio le condizioni della bocca, i bisogni e gli obiettivi del paziente per elaborare un piano individuale per migliorare il suo morso.

Pertanto, la necessità dell’estrazione dei molari in ortodonzia dipende da ogni persona. Alcuni pazienti richiederanno questo tipo di intervento come parte del trattamento e in altri sarà possibile preservare tutti i denti.

In generale, se è possibile allineare i denti presenti in bocca e ottenere un morso sano, si eviteranno estrazioni. L’ortodontista analizza le risorse disponibili prima di indicare di rimuovere uno o più elementi.

L’estrazione dentale è consigliata solo quando non ci sono altre alternative praticabili.

A volte, la necessità di estrarre i molari nei trattamenti ortodontici è fatta in modo che i risultati ottenuti siano mantenuti nel tempo. Altre volte, perché non c’è altro modo per ottenere spazio o perché l’apparato boccale è gravemente danneggiato. Diamo un’occhiata più in profondità.

Quando è consigliata l’estrazione dentale in ortodonzia?

In termini generali, l’estrazione di molari o altri elementi dentali è indicata durante i trattamenti ortodontici quando i denti sono troppi per le dimensioni delle arcate dentarie. Ciò significa che non c’è abbastanza spazio per allinearli.

Un modo per creare lo spazio necessario per posizionare i denti è rimuovere alcuni denti. A volte, un’estrazione consente di correggere i problemi del morso rendendo superflui approcci più estesi.

Inoltre, ci sono altre situazioni che portano l’ortodontista a considerare l’estrazione dei denti come parte del trattamento ortodontico:

  • Affollamento eccessivo e pronunciato.
  • Elementi dentali molto grandi e ossa mascellari molto piccole.
  • Denti molto distrutti o compromessi a causa di malattie o lesioni orali, come carie. La sua permanenza in bocca potrebbe compromettere i risultati ottenuti in futuro.
  • Elementi dentali con sintomi dolorosi.
  • Protrusioni o eccessive sporgenze dei denti anteriori che distorcono l’aspetto delle labbra.
  • Morsi molto asimmetrici.
  • Per modificare il profilo del viso e ridurre la dimensione verticale, migliorando l’estetica.
  • Differenze di dimensioni tra i denti superiori e inferiori.
  • Assenza di altri denti nella protesi.
  • Morso aperto. Non c’è contatto tra i denti superiori e inferiori.
Cavità dentali.
Le cavità molto pronunciate possono richiedere l’estrazione dentale prima di iniziare il processo ortodontico.

Cosa succede se l’estrazione dentale non viene eseguita quando necessario?

Se dopo la diagnosi e lo studio del caso clinico, l’ortodontista giunge alla conclusione che è necessaria l’estrazione molare, spiegherà le ragioni di questa decisione. L’accettazione delle procedure come parte del processo per migliorare il morso e il sorriso è essenziale.

Evitare l’estrazione di molari, premolari o incisivi quando il trattamento ortodontico lo giustifica può portare a diversi problemi. Da un lato, complica i movimenti dentali e rallenta l’intero processo di riposizionamento dei denti. Inoltre, potrebbe far sì che i risultati ottenuti alla fine non vengano mantenuti nel tempo.

Se non si effettuano le estrazioni necessarie, i denti non avrebbero lo spazio necessario per riposizionarsi. Ciò implica che tutte le forze ortodontiche vengono eseguite nella stessa direzione.

Le recessioni gengivali, la perdita di supporto osseo o l’esposizione alla radice del dente sono alcune possibili conseguenze. Inoltre, il profilo del paziente potrebbe risentirne, generando un aspetto facciale disarmonico.

È importante che quando si inizia un trattamento ortodontico cerchi un professionista certificato, con esperienza e una buona reputazione. In questo modo saprai che avranno effettuato un’adeguata diagnosi e analisi del tuo caso. Quindi, se ti dice che hai bisogno di estrazioni dentali, puoi fidarti che è l’opzione migliore per te.

Quali denti vengono estratti?

I trattamenti ortodontici possono richiedere la rimozione di molari, premolari o incisivi. Il pezzo da rimuovere varia in base alle esigenze specifiche e individuali di ciascun paziente. Puoi anche combinare diversi elementi.

Ad esempio, per una persona, l’ideale potrebbe essere l’estrazione di 4 premolari. Per un altro, un singolo incisivo inferiore. Per un po’ di più, i secondi molari superiori e inferiori.

In generale, qualsiasi dente in bocca che aiuta il trattamento a ottenere un morso adeguato può essere rimosso. Il numero di pezzi da estrarre sarà il minor numero possibile per raggiungere gli obiettivi terapeutici.

Il più delle volte, per mantenere la simmetria, gli stessi pezzi tendono ad essere rimossi da entrambi i lati. E in alcuni casi anche gli elementi adiacenti dell’arcata opposta devono essere rimossi per mantenere un adeguato rapporto occlusale. Tuttavia, per trattare i problemi di asimmetria possono essere eseguite estrazioni isolate o dispari.

I premolari sono i denti che vengono estratti più frequentemente nei trattamenti ortodontici. Ma come vi abbiamo detto, si possono rimuovere anche i molari o gli incisivi.

I denti del giudizio non sono considerati un tipo di estrazione ortodontica. La sua eliminazione non crea spazio in bocca per effettuare movimenti di riposizionamento, poiché i molari si spostano da dietro in avanti e non viceversa.

Sarà l’ortodontista a decidere se l’estrazione degli incisivi, dei premolari o dei molari è conveniente. Cercherà l’opzione più vantaggiosa per posizionare gli altri denti nella loro posizione corretta, influenzando il meno possibile la forma del viso.

Come viene eseguita?

La rimozione di molari, premolari e incisivi come parte del trattamento ortodontico è simile alla procedura eseguita per rimuovere qualsiasi dente dalla bocca. Si tratta di un intervento ambulatoriale, in anestesia locale, eseguito dal dentista o dal chirurgo odontoiatrico nel suo studio.

Se il dente da estrarre è completamente eruttato e sano, viene eseguita una semplice estrazione. Il dentista, con strumenti specifici, separa il dente dalla gengiva.

Quindi, con una pinzetta o una pinza speciale, lo mobilita gradualmente per allentarlo, fino a staccarlo dall’osso e rimuoverlo. Infine, il paziente viene istruito sulle cure appropriate. Il recupero è rapido e, in generale, non servono punti.

Se, invece, il pezzo da estrarre è rotto, molto danneggiato o non ha finito di eruttare, sarà necessaria un’estrazione chirurgica. Per questo, il dentista aprirà le gengive e rimuoverà il dente a pezzi. A volte, è anche necessario logorare l’osso. L’assistenza postoperatoria sarà essenziale, poiché il recupero è più lento.

Le estrazioni ortodontiche possono essere eseguite prima o durante il trattamento. Una volta che i tessuti guariscono, i denti possono iniziare a guidarsi nello spazio lasciato dal dente estratto.

Estrazione del dente per ortodonzia.
Estrarre un dente per completare l’ortodonzia è una decisione delicata. Dovresti discuterne attentamente con il tuo dentista.

Scopri anche: Estrazione dentale: precauzioni postoperatorie

Pareri contro l’estrazione dentale in ortodonzia

L’estrazione di denti e denti durante l’ortodonzia ha i suoi pro e contro. Proprio come vi abbiamo detto che se i denti non vengono rimossi quando indicato, possono sorgere degli inconvenienti, anche rimuoverli quando non dovrebbero causa problemi.

Alcuni ortodontisti sconsigliano di rimuovere i denti prima di riallineare i denti. Uno dei motivi è che togliere i denti dalla bocca quando non è necessario può compromettere il sorriso e l’aspetto del viso.

La forma del viso dipende dal sostegno che i denti danno ai muscoli. La rimozione di queste strutture di supporto può alterare il profilo del viso, rendendo il viso troppo stretto o troppo piatto.

Inoltre, le estrazioni in alcuni casi possono prolungare il trattamento ortodontico. Se si crea troppo spazio, sarà necessario spostare i denti a grande distanza per chiudere lo spazio e allineare il sorriso. Lo studio di ogni caso è ciò che aiuta gli ortodontisti a determinare se è necessaria o meno estrarre un pezzo.

Alternative ortodontiche all’estrazione di denti e molari

L’estrazione di denti e molari in ortodonzia sarà indicata solo quando il professionista lo riterrà assolutamente necessario. Ciò significa che avrai esaurito tutte le altre risorse a tua disposizione per allineare il morso senza rimuovere nulla.

Ecco alcune delle alternative che l’ortodontista può utilizzare per creare spazio nell’arcata senza estrarre i denti:

  • Expander: è uno strumento che si posiziona nella mascella superiore e permette di separare la sutura palatale, aumentandone le dimensioni. Questa tecnica è particolarmente utile nei pazienti giovani, di età inferiore ai 16 anni, in cui l’osso si sta ancora formando.
  • Usura dentale: se la mancanza di spazio è piccola, si può fare un diradamento dei denti, rimuovendo una minima frazione di smalto.
  • Dispositivi di ancoraggio temporaneo (TAD): si tratta di piccole viti ossee che vengono temporaneamente impiantate nell’osso per aiutare nel trattamento ortodontico. Molte volte permettono di evitare estrazioni.
  • Il sistema Damon: è una speciale metodica ortodontica che permette di raddrizzare i denti senza bisogno di estrazioni.

Estrazione dentale: solo quando necessario

L’estrazione di denti o molari come parte dei trattamenti ortodontici è una decisione che sarà presa dall’ortodontista. Per questo, analizzerà diverse opzioni e lo consiglierà solo quando è veramente necessario.

L’estrazione dentale è un metodo affidabile, sicuro ed efficace che aiuta a raddrizzare i denti e mantenere i risultati nel tempo. Affidati ai criteri del tuo professionista e otterrai quel sorriso equilibrato che tanto desideri.

Potrebbe interessarti ...
13 dubbi che devi risolvere prima di scegliere l’ortodonzia invisibile
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
13 dubbi che devi risolvere prima di scegliere l’ortodonzia invisibile

Se stai pensando di ricorrere all'ortodonzia invisibile per risolvere un problema di morso, sarà bene chiarire prima tutti i dubbi.



  • Pardo, I. (2020). La extracción de segundos molares como opción terapéutica en el tratamiento de ortodoncia. REVISTA URUGUAYA DE ORTOPEDIA Y ORTODONCIA3(2), 3-24.
  • Valverde, R., Mickle, U., & Valverde, S. (2012). Extracción vs no extracción: el dilema en ortodoncia y los cuatro determinantes de extracción. Odontol. pediatr.(Lima), 125-135.
  • Arguero-Bajaña, S. D., & Vallejo-Izquierdo, L. A. (2022). Extracciones Dentarias en Tratamiento de Ortodoncia por Apiñamiento Clase II. Revisión Literaria. Polo del Conocimiento7(4).
  • CESPEDES GONZALES, N. V. (2022). VENTAJAS DE EXODONCIAS EN SEGUNDA FASE DE ORTODONCIA.
  • Alvaracín, I., & Karolyne, M. (2019). Cambios del perfil facial posterior al tratamiento de Ortodoncia en pacientes con Extracción de Premolares en el período 2011-2018 (Bachelor’s thesis, Universidad Nacional de Chimborazo, 2019).
  • Zepeda-Diaz, C. F. (2019). Factores que Afectan la Duración de los Tratamientos de Ortodoncia en un Servicio Público de Salud. International journal of odontostomatology13(3), 321-324.
  • Ramos Gómez, F. H. (2019). Extracción de Incisivo Mandibular en Ortodoncia.
  • Dewel, B. F. (2020). Extracción seriada en Ortodoncia: Orígenes y conceptos americanos. Revista Española de Ortodoncia50(3), 117-127.
  • Nassi Ribak, R. (2017). Extracciones de primeros premolares simétricos en paciente con apiñamiento severo: Reporte de un caso. Odontología vital, (26), 43-52.
  • Téllez Castellanos, O. A. Expansor Esquelético Maxilar asistido por ortoimplantes: Reporte de caso clínico.