Molari dei 6 anni: i primi denti permanenti dei bambini

Intorno ai 6 anni, nella bocca dei bambini compaiono i primi molari permanenti. Scopri tutto su questo processo e la sua importanza nella salute orale.
Molari dei 6 anni: i primi denti permanenti dei bambini
Vanesa Evangelina Buffa

Scritto e verificato da l'odontoiatra Vanesa Evangelina Buffa.

Ultimo aggiornamento: 19 luglio, 2022

I primi molari permanenti compaiono nella bocca intorno ai 6 anni. A partire da quell’età dovrebbero accompagnarci per il resto della nostra vita.

Ecco perché è importante che i genitori stiano attenti quando si formano e a come prendersi cura di loro. Infatti, i molari di 6 anni svolgono delle funzioni chiave nello sviluppo orale e, senza cure adeguate, aumenta il rischio che si ammalino e si perdano per sempre.

Continuate a leggere per scoprire tutto quello che c’è da sapere sui molari, i primi denti permanenti nei bambini. Vi diremo come e quando fuoriescono, quali patologie li influenzano e come possono essere curate.

I molari dei 6 anni nei bambini

Nei primi anni di vita, 20 pezzi di latte compongono i denti del bambino. Questi elementi escono progressivamente dai 6 o 8 mesi ai 3 anni circa e accompagnano il piccolo fino all’età di 6 anni, quando inizia la fase di sostituzione dentale.

Dall’età di 5 o 6 anni, i bambini iniziano il periodo di sostituzione dei denti da latte con quelli permanenti. Questo processo è lento e progressivo.

I denti temporanei si spostano, cadono e vengono sostituiti da quelli permanenti che prendono il loro posto. Questo accade fino a quando il bambino ha circa 12 anni. In questa fase, il bambino presenta la cosiddetta dentizione mista. Cioè, avere sia i denti da latte che quelli permanenti allo stesso tempo.

Ma non tutti i pezzi definitivi prendono il posto di un elemento temporaneo. I molari permanenti fuoriescono nella parte posteriore della bocca senza riuscire a sostituire i denti da latte.

Ciò accade fino all’età di 21 anni con l’uscita dei denti del giudizio, che completano la dentizione adulta, con i suoi 32 elementi dentali.

I primi molari permanenti sono chiamati molari dei 6 anni. Perché è quell’età che di solito compaiono in bocca. Anche se in realtà si tratta di una stima e dipende dal tasso di crescita di ogni bambino. Possono apparire a 5 anni, a 7 o anche più tardi.

I molari dei 6 anni fuoriescono nella parte posteriore della bocca di un bambino, appena dietro i due molari. Come abbiamo detto, appaiono senza che ci sia alcun dente da sostituire. Sono molto più grandi rispetto ai provvisori, poiché sono dei molari che useremo in età adulta.

Intorno ai 12 o 13 anni, compaiono i secondi molari permanenti, dietro i primi. E tra i 18 e i 21 anni, i terzi, noti anche come denti del giudizio.

Una fuoriuscita “silenziosa”

La comparsa dei denti dei 6 anni spesso passa inosservata, sia per i bambini che per i genitori. Non è normale che il piccolo presenti lo stesso disagio che gli adulti associano alla fuoriuscita dei denti da latte. Non danneggiando o sostituendo un dente caduto e trovandosi in un’area poco appariscente, questa fuoriuscita è abbastanza “silenziosa”.

Per questo, prima dei 6 anni, è importante che gli adulti stiano attenti a ciò che sta succedendo nella parte posteriore della bocca dei propri figli. Perché, come diremo più avanti, la successiva collocazione e il difficile accesso con lo spazzolino possono far ammalare questi denti definitivi.

Quando i molari dei 6 anni iniziano ad entrare, appariranno delle piccole punte bianche che fanno capolino attraverso le gengive. Sono le cuspidi dell’elemento che sta per emergere. Questo accade dietro i molari del latte, sia nella mascella superiore che in quella inferiore.

Con il progredire della fuoriuscita, è possibile vedere l’intera superficie masticatoria del molare. E poco a poco raggiungerà l’altezza occlusale che gli permetterà di entrare in contatto con il suo antagonista.

Bocca di bambino.
La dentizione mista si verifica quando il bambino ha sia i denti “da latte” che quelli permanenti.

Problemi nella fuoriuscita dei denti dei 6 anni

Sebbene non sia molto comune, alcuni bambini presentano qualche disagio associato alla fuoriuscita dei denti dei 6 anni. Infiammazione delle gengive e dolore nella zona, alla testa o alle orecchie, sono alcuni dei sintomi più frequenti.

Alcuni bambini presentano disagio nell’area poche settimane prima dell’inizio della fuoriuscita. Può anche apparire un piccolo oscuramento della zona, come un livido, che scompare quando il dente si fa strada nella bocca.

L’uscita del nuovo elemento può causare anche complicazioni durante la masticazione. Il trauma alle guance da morsi accidentali può portare a piaghe della mucosa.

Una complicazione in questo processo può essere l’infezione. In caso di alitosi, pus intorno al molare, la gengiva si gonfia, fa male o il bambino ha la febbre, bisogna andare prima possibile dal dentista.

In questi casi è opportuno offrire ai bambini cibi morbidi e freschi che alleviano il disagio. Ed evitare i cibi piccanti, caldi o acidi che irritano le gengive.

Anche massaggiare le gengive con una garza pulita e umida o uno spazzolino da denti può lenire il disagio. Se il dolore è molto intenso e il dentista lo ritiene opportuno, l’uso di un antinfiammatorio per bambini, come l’ibuprofene, migliorerà la situazione.

Sebbene ci siano alcuni rimedi casalinghi popolari o trattamenti in gel per uso locale, il loro uso nei bambini non è raccomandato. Questi prodotti di solito anestetizzano l’area e causano altre complicazioni.

Importanza dei molari dei 6 anni

I molari dei 6 anni svolgono delle funzioni molto importanti nella bocca dei bambini e successivamente in quella degli adulti. Essendo un elemento definitivo, accompagnano la masticazione della persona fin dall’infanzia e per tutta la vita.

Nei bambini piccoli, la fuoriuscita di questi denti determina la forma del viso del bambino, perché intervengono nella crescita delle mascelle e del viso. Inoltre, mantengono la dimensione verticale, che è l’altezza della bocca.

Questi molari determinano anche il modo in cui il bambino morde. Sono ciò che è noto in odontoiatria come occlusione. Infatti, consentono ai denti superiori di adattarsi e di relazionarsi correttamente con quelli inferiori.

Per finire, l’organizzazione e la disposizione del resto dei denti in bocca dipende dalla loro posizione. Per questo motivo, è normale che il dentista consideri la posizione di questi denti negli esami e nei controlli ortodontici per rilevare possibili problemi di morso.

Allo stesso modo, i primi molari svolgono un ruolo fondamentale nell’alimentazione. Grazie a loro, il bambino può mordere e masticare il cibo. Soprattutto nei bambini di età compresa tra 6 e 12 anni, quando i secondi molari permanenti non sono ancora scoppiati e i molari del latte sono in fase di sostituzione.

Possibili problemi

Abbiamo già anticipato che i denti dei 6 anni possono ammalarsi se non vengono curati adeguatamente fin dal momento in cui iniziano a spuntare. La carie è la patologia più frequente.

I molari dei 6 anni sono i pezzi dentali che hanno meno tempo di vita sana in bocca. Non a caso sono l’elemento dentale più estratto al mondo perché non viene trattato in tempo. Anche in tenera età.

Ci sono diversi fattori che predispongono verso la carie il primo dente permanente:

  • Posizione posteriore in bocca: questo porta i genitori a non rendersi conto che sta comparendo.
  • Disinformazione: molti genitori non sanno che intorno ai 6 anni i loro figli avranno 4 molari permanenti. E quindi, non gli danno l’attenzione necessaria.
  • Difficoltà di pulizia: trovandosi in una zona posteriore, l’arrivo dello spazzolino può essere complicato. Inoltre, se sono i bambini stessi a lavarsi i denti, potrebbero ignorarli o potrebbe essere difficile per loro eseguire una pulizia adeguata in quella zona.
  • Caratteristiche anatomiche: i primi molari sono denti grandi con superficie masticatoria con solchi, solchi e fossette. In queste irregolarità è frequente l’accumulo di germi e batteri che favoriscono lo sviluppo delle carie.
  • Dieta: l’elevato consumo di zucchero raffinato, dolci, caramelle e bevande gassate favorisce lo sviluppo della carie. Questo tipo di dieta è solitamente comune durante l’infanzia e l’adolescenza, nel momento in cui iniziano a spuntare i denti permanenti.

Come prendersi cura dei molari dei 6 anni?

Come abbiamo detto, le cavità sono molto comuni nei molari dei 6 anni. Per questo, a partire dal momento in cui compaiono in bocca, i genitori devono dedicare loro le attenzioni che meritano.

Igiene orale

Cercare di pulire bene i molari dei 6 anni, e l’intera bocca in generale, è fondamentale per evitare la carie e mantenere la salute orale. I genitori sono responsabili dello svolgimento o della supervisione di questa attività.

È importante che il bambino si lavi i denti dopo ogni pasto, o almeno 2 volte al giorno. Le setole devono raggiungere le gengive e tutte le facce di tutti gli elementi dentali presenti in bocca. Con movimenti delicati ma precisi, la placca batterica accumulata deve essere spazzata via.

Inoltre, alla fine, la superficie linguale deve essere pulita. E devi usare un dentifricio al fluoro che aiuta a prevenire la carie. È inoltre necessario l’uso del filo interdentale per pulire l’area tra i denti dove lo spazzolino non può arrivare.

In questo modo garantiamo la pulizia di tutti gli interni, esterni, fianchi e superfici masticatorie di tutti gli elementi presenti. Sia nella mascella superiore che in quella inferiore.

Il dentista può indicare l’uso di un collutorio che aiuti a prevenire la carie. Alcuni contengono fluoro o sostanze antisettiche che rafforzano i denti o riducono la proliferazione dei batteri. Quando si utilizzano questi prodotti, è essenziale che il bambino sappia sputare e non ingerire il liquido.

Prendersi cura della dieta

Per promuovere la salute orale e prevenire la carie nei denti dei 6 anni, è importante seguire una dieta sana. Ciò significa mangiare cibi naturali, vari e ricchi di vitamine e minerali.

Vanno evitati i prodotti processati, gli zuccheri raffinati, i biscotti, i dolci, le bibite analcoliche e le bibite gassate. Ebbene, questi alimenti cariogenici sono solitamente uno dei fattori più influenti nello sviluppo della carie nei denti permanenti.

Recarsi regolarmente dal dentista

Portare i bambini dal dentista fin dalla tenera età è fondamentale per mantenere la bocca sana e valutare la crescita del viso. Quando inizia la sostituzione dentale e fuoriescono i molari dei 6 anni, questi controlli sono cruciali. Si consiglia di eseguirli ogni 6 mesi.

Andare regolarmente dal dentista in questa fase aiuta a mantenere sani i nuovi pezzi. E se c’è un problema con l’igiene, l’alimentazione o qualsiasi abitudine dannosa che metta a rischio il benessere della bocca del bambino, può essere corretto in tempo.

Allo stesso modo, se la relazione dei molari non è adeguata e si sospetta un problema di morso, è opportuno rivolgersi all’ortodontista. In questo modo, questi disturbi possono essere affrontati precocemente, evitando complicazioni importanti o trattamenti più invasivi.

Inoltre, il professionista può effettuare specifiche misure preventive in studio, come interventi al fluoro o sigillanti dentali.

Il dentista pediatrico controlla i denti del bambino di 6 anni.
Il dentista possiede tutte le risorse di conoscenza e tecnica per prevenire problemi nei molari dei 6 anni.

Fluoro e sigillanti dentali per proteggere i denti dei 6 anni

L’uso di fluoruri e la sigillatura di scanalature, pozzi e fessure sono metodi efficaci per prevenire la formazione di cavità. Queste procedure vengono eseguite nello studio dentistico in modo semplice, veloce e confortevole.

Il fluoro aumenta la resistenza dello smalto dentale contro i batteri e ne diminuisce la proliferazione. Pertanto, la sua azione benefica contro la carie è dimostrata.

Sebbene il fluoro normalmente sia presente nei dentifrici, il dentista potrebbe ritenere opportuno aumentare l’esposizione a questo minerale. Soprattutto nei casi ad alto rischio di carie o con dei precedenti.

Può essere applicato attraverso vernici o gel che vengono posti in studio. Oppure indicare della pasta o del risciacquo per uso terapeutico che il paziente deve utilizzare con precisione, secondo le indicazioni del professionista.

I sigillanti dentali, invece, consistono nel posizionamento di una resina fluida che riempie le irregolarità tipiche dell’anatomia dei molari appena spuntati. Questo materiale funge da barriera protettiva che impedisce l’accumulo di batteri e detriti alimentari, facilitando la pulizia con lo spazzolino.

Prendersi cura dei molari dei 6 anni è importante

Quando compaiono i molari dei 6 anni, i bambini hanno in bocca dei pezzi che dovrebbero accompagnarli per il resto della loro vita. Essere consapevoli del ruolo che i genitori hanno nel prendersi cura e insegnare ai bambini a prendersi cura di questi elementi è essenziale per mantenerli in salute.

Potrebbe interessarti ...
Trauma ai denti da latte: cosa fare?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Trauma ai denti da latte: cosa fare?

Colpi e cadute sono situazioni frequenti durante l'infanzia. Sapere come comportarsi in caso di trauma ai denti da latte è importante.



  • Ortega, E. H., & Aranza, O. T. (2017). Prevalencia y algunos factores de riesgo de caries dental en el primer molar permanente en una población escolar de 6 a 12 años de edad. Revista de la Asociación Dental Mexicana74(3), 141-145.
  • Thalía, M. T., Norys, T. S., & Lourdes María, G. V. (2021, November). Primer molar permanente y factores de riesgo a caries dental en escolares. In X Simposio Visión Salud Bucal y IX Taller sobre el Cáncer Bucal 2021.
  • Beriau, Y. G., Delgado, N. S., Local, A. F., & de León, A. G. V. (2009). Comportamiento de la caries dental en el primer molar permanente en escolares. Medisur7(1), 90-94.
  • Sánchez Montero, D., Pons López, Y., Betancourt García, A., & Santateresa Marchante, A. (2017). Pérdida del primer molar permanente: factores de riesgo y salud bucodental en adolescentes. Revista Finlay7(1), 17-25.
  • de Andrés, A. L., Andrés, A. O., Lana, E. C., & Rodicio, M. P. R. (2003). Prevención de la caries dental en escolares. Biociencias1, 5.
  • Dopico, M., & Castro, C. (2015). Importancia del primer molar permanente y consecuencias clínicas de su pérdida en edades tempranas del desarrollo. Acta odontológica Venez45(2), 23-37.
  • Ramos Rodríguez, E., Parise Vasco, J. M., Castillo Cabay, L. C., & Armas Vega, A. D. C. (2020). Estado de salud de los primeros molares definitivos en pacientes pediátricos escolares. Revista Eugenio Espejo14(1), 65-75.
  • Vilvey, L. J. (2015). Caries dental y el primer molar permanente. Gaceta Médica Espirituana17(2).
  • Armijos Armijos, J. G. (2016). Factores de riesgo de la perdida prematura del primer molar permanente (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad de Piloto de Odontología).
  • Salvatore, L. A., Abal, A. A., Castelli, P. E., Pérez Novoa, M. J., & Obiols, C. I. (2018). Primer molar permanente. La llave para una boca sana. In VI Jornadas de Extensión del Mercosur (UNICEN, Tandil, 24 al 27 de abril de 2018).
  • Carrillo Eras, G. E. (2011). Prevención de caries dental utilizando flúor y sellantes de fosas y fisuras (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).