Estrogeni: cosa sono e perché sono importanti

· 22 Maggio 2019
Alcune sostanze prodotte dal nostro corpo sono responsabili del buon funzionamento di determinati organi. È stata dimostrata, per esempio, l'importanza degli ormoni estrogeni per la buona salute del cervello

Alcune sostanze prodotte dal nostro corpo sono responsabili del buon funzionamento di determinati organi. È il caso degli ormoni, come gli estrogeni, fondamentali per decifrare alcuni stati d’animo, soprattutto nelle donne.

In generale, queste sostanze dominano il corpo dalla testa ai piedi e numerosi studi dimostrano l’importanza degli estrogeni per la buona salute del cervello.

Gli estrogeni

Gli estrogeni sono tra i più importanti ormoni femminili. Sono responsabili dello sviluppo del seno, della comparsa delle mestruazioni e dell’allargamento dei fianchi. Con la pubertà, aumenta la produzione di estrogeni che a loro volta stimolano lo sviluppo e la maturazione dell’utero, dell’endometrio, delle tube di Falloppio e della vagina.

Uomini e donne secernono estrogeni come strategia naturale per la conservazione della specie. Tuttavia, sono le donne a sperimentarne l’effetto in tre fasi principali della loro vita: la pubertà, la gravidanza e la menopausa.

In linea generale, gli estrogeni hanno il compito principale di garantire il corretto funzionamento del corpo durante il processo di ovulazione e di fecondazione. Ma intervengono anche in altri processi, quali la regolazione dei livelli di colesterolo nel sangue e il metabolismo dei grassi.

Tipi di estrogeni

Gli estrogeni sono ormoni sessuali steroidei sintetizzati a partire dagli androgeni. Nel corpo sono presenti tre tipi di estrogeni, i quali svolgono una funzione endocrina. Agiscono sul nucleo delle cellule che regolano la sintesi delle proteine.

  • Estrone, il cui enzima aromatasi è acquisito a partire dalla sintesi del progesterone. Viene prodotto nel tessuto adiposo e nelle ovaie.
  • Estradiolo, ottiene l’enzima aromatasi dal testosterone ed è presente in grande quantità durante la fase fertile.
  • Estriolo, viene sintetizzato attraverso l’androsterone ed è prodotto in grandi quantità durante la gravidanza.

Volete saperne di più? Leggete anche: Ormoni che fanno ingrassare: 6 modi per controllarli

Mantengono il cervello in buona salute

Donna condisce insalata
Gli estrogeni hanno molteplici funzioni nell’organismo, tra queste stimolano il regolare flusso sanguigno a livello cerebrale.

Gli estrogeni hanno un effetto di prevenzione per quanto riguarda le malattie cerebrovascolari. Un’altra funzione vitale di questi ormoni è che agiscono positivamente sul funzionamento del “centro di comando” del corpo umano.

In questo senso, favoriscono il flusso continuo di sangue e glucosio al cervello. Si tratta di un aspetto fondamentale per preservare i neuroni e alcuni neurotrasmettitori in buone condizioni.

Ulteriori benefici degli estrogeni

I benefici degli estrogeni non si esauriscono qui. Questi ormoni sessuali femminili, oltre a regolare il corretto funzionamento del ciclo riproduttivo e a collaborare con gli androgeni per stimolare la libido, favoriscono lo sviluppo degli organi sessuali secondari.

Dato che prendono parte al processo di assimilazione del calcio, consentono la diminuzione della pressione arteriosa e proteggono le ossa. Inoltre, hanno un effetto positivo su tutte le funzioni del sistema urinario.

Durante le mestruazioni, i livelli ormonali variano radicalmente. Ecco spiegati gli sbalzi di umore della maggior parte delle donne prima e durante i giorni del ciclo mestruale. Irritabilità, insonnia, deterioramento delle facoltà cognitive ed episodi di ansia senza motivi apparenti sono alcuni segnali di alterazioni ormonali.

Vi consigliamo di leggere anche: Cambiamenti della menopausa: come affrontarli al meglio

Gli estrogeni e la menopausa

Medico e paziente
Alla diminuzione dei livelli di estrogeni corrisponde un aumento del rischio cardiovascolare e di osteoporosi.

Durante la menopausa diminuisce drasticamente la produzione di estrogeni, il che comporta una serie di cambiamenti per tutto l’organismo.

Alcuni sintomi che si manifestano sono: secchezza vaginale, cambiamenti radicali dell’umore, stanchezza estrema, sudorazione eccessiva e comparsa dell’osteoporosi. Inoltre, aumenta il rischio di soffrire di malattie cardiovascolari.

Si registra anche una perdita di collagene e di calcio. È per questo motivo che durante la menopausa si consigliano trattamenti specifici per contrastare i sintomi.

Estradiolo e cervello

L’estradiolo è l’ormone più potente tra gli estrogeni. Ha un ruolo vitale per quanto riguarda le funzioni motorie ed è associato ai processi di memoria e di apprendimento, così come alla sensibilità al dolore.

Alcuni specialisti attribuiscono all’estradiolo la capacità di proteggere il cervello da possibili danni generati da malattie quali il morbo di Alzheimer.

Un’alimentazione sana ed equilibrata può regolare i livelli di ormoni nel corpo. Sottoporsi periodicamente a controlli medici e praticare regolarmente attività fisica in base alle proprie esigenze e dinamiche individuali sono ulteriori misure preventive di base per poter godere di una vita il più possibile sana ed equilibrata.

  • Dr. Alberto Calderón Zúñiga. 2009. ESTROGENOS EN TERAPIA DE SUSTITUCION HORMONAL. Extraído de: http://www.binasss.sa.cr/revistas/farmacos/especial2009/art4.pdf
  • Guillermo Bravo Prieto. 2016. Efecto de los Estrógenos en las Funciones cognitivas. Extraído de: https://uvadoc.uva.es/bitstream/10324/28474/1/TFG-M-L1050.pdf