Mancanza di serotonina e depressione

3 Marzo 2017
Per mantenere stabili i nostri livelli di serotonina, è necessario assumere alimenti che siano in grado di stimolarne la produzione; anche il nostro stile di vita, come l'abitudine a fare esercizio fisico, occupa un ruolo decisivo.

La mancanza di serotonina ha effetti importanti sul nostro organismo. Si tratta di un neurotrasmettitore che consente la trasmissione degli impulsi nervosi e la sua produzione avviene a partire dal triptofano.

Gli esperti ipotizzano che la sua funzione principale sia quella di mantenere stabile il nostro stato d’animo. La mancanza di serotonina, quindi, può condurre alla depressione.

Si pensa, inoltre, che la serotonina sia coinvolta nel processo di contrazione del tessuto muscolare liscio, nella trasmissione degli impulsi nervosi e nella regolazione dei ritmi circadiani del corpo.

Viene prodotta in grandi quantità nel tratto gastrointestinale, ma si può trovare anche nelle piastrine del sangue, nel cervello e nel sistema nervoso centrale.

Vista l’abbondanza di serotonina nel nostro organismo, si pensa che partecipi ad un gran numero di funzioni fisiologiche e psichiche.

Ad esempio, quando si soffre di mancanza di serotonina, si producono stati d’animo negativi, come irritabilità, stress e depressione. Quest’ultima può, con il tempo, peggiorare, fino a diventare una malattia.

Quali sono i sintomi della mancanza di serotonina?

Mancanza di serotonina

La carenza di questo neurotrasmettitore ha varie conseguenze sulla nostra salute fisica e mentale. Tuttavia, a volte risulta difficile identificarle.

Quando l’effetto dell’insufficienza è la depressione, alcuni sintomi ci rivelano la necessità di produrre serotonina in maggiori quantità. Possiamo considerare segnali di carenza di serotonina:

  • La negatività cronica.
  • L’ansietà.
  • I comportamenti ossessivi o rigidi.
  • L’impazienza o l’irritabilità.
  • Lo stato di tristezza profonda e di infelicità.
  • La mancanza di autostima e di fiducia in se stessi.
  • La paura.
  • La difficoltà a conciliare il sonno.

Leggete anche: 10 alimenti che aiutano a conciliare il sonno

Cosa provoca una riduzione dei livelli di serotonina?

  • I livelli di serotonina calano quando la dieta non apporta sufficienti quantità di triptofano e altri nutrienti fondamentali come le vitamine e i sali minerali.
  • È anche comune che la produzione di serotonina venga inibita da un consumo eccessivo di bevande alcoliche, caffeina o edulcoranti artificiali.
  • Allo stesso tempo lo stress cronico, l’angoscia ed emozioni simili impediscono al cervello di produrre la necessaria quantità di questo importante neurotrasmettitore. 
  • La serotonina viene stimolata dalla luce del sole. È comune, nella stagione invernale, una maggiore tendenza alla depressione.

Come aumentare i livelli di serotonina e combattere la depressione?

Una delle chiavi per combattere la depressione e stimolare la produzione di serotonina è quella di aggiungere alcuni alimenti alla nostra dieta. Questi cibi aumentano la sensazione di benessere, oltre ad apportare diversi benefici aggiuntivi al nostro corpo.

Pesce azzurro

Pesce azzurro

Le proteine e gli acidi grassi contenuti nel pesce azzurro aumentano la produzione di serotonina e diminuiscono l’infiammazione che ne ostacola l’attività. Tra questi consigliamo:

  • sgombro
  • salmone
  • tonno
  • acciuga
  • sardina

Carne

Un moderato consumo di carne fornisce un’abbondante dose di proteine e carboidrati che agevolano l’assorbimento del triptofano. Carni come il pollo, il tacchino e il maiale contengono grandi quantità di questo aminoacido.

Uova

Le uova, in special modo il tuorlo, sono ricche di triptofano e sali minerali essenziali che migliorano il nostro stato d’animo.

Latticini

Latte e derivati

Il latte e i suoi derivati aumentano la sensazione di benessere e riducono i livelli di cortisolo che entra in gioco nello stress e negli stati depressivi.  Sono una fonte importante di aminoacidi essenziali, in particolare di triptofano. Consumate latticini come:

  • il formaggio cheddar
  • l’emmental
  • lo yogurt greco
  • il latte

Legumi

I legumi sono un ottimo modo per migliorare lo stato d’animo e combattere la depressione. Sono una fonte di proteine, fibre, vitamine e sali minerali che aumentano i livelli di serotonina nel cervello.

Frutta secca

Frutta secca

Una manciata di frutta secca riduce lo stress, la depressione e la fatica. Infatti, i suoi acidi grassi essenziali danno energia al corpo e migliorano le prestazioni fisiche e mentali. È una buona fonte di magnesio, un minerale che favorisce il rilassamento del corpo, mitiga le conseguenze dello stress e propizia un buon sonno.

Scoprite: 7 motivi per mangiare più frutta secca

Cioccolato

Il delizioso cioccolato è l’alimento per eccellenza contro la depressione e altre difficoltà emotive. Fornisce la quantità perfetta di triptofano, soprattutto quando contiene una percentuale di cacao amaro superiore al 60%. È anche una fonte interessante di antiossidanti, molecole che frenano gli effetti negativi dei radicali liberi.

In conclusione, la depressione è provocata certamente da una serie di fattori, ma un livello adeguato di serotonina è essenziale per superarla. Mantenetelo con una buona dieta e la pratica regolare di attività positive come la meditazione e l’esercizio fisico.

Immagine principale per gentile concessione di © wikiHow.com

  • Healy, D. (2015). Serotonin and depression. BMJ. https://doi.org/10.1136/bmj.h1771
  • Blier, P., & El-Mansari, M. (2013). Serotonin and beyond: Therapeutics for major depression. Philosophical Transactions of the Royal Society B: Biological Sciences. https://doi.org/10.1098/rstb.2012.0536
  • Nichols, C. D. (2014). Serotonin. In Encyclopedia of the Neurological Sciences. https://doi.org/10.1016/B978-0-12-385157-4.00048-8