Frattura dello scafoide del polso: diagnosi e trattamento

La frattura dello scafoide è la seconda frattura del polso più comune. È più comune nei giovani ed è associata a sport o incidenti stradali.
Frattura dello scafoide del polso: diagnosi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 20 novembre, 2021

La frattura dello scafoide rappresenta il 2% – 7% di tutte le fratture, la seconda più frequente nel polso e la prima tra le ossa del carpo. Si verifica principalmente nei giovani, di solito durante lo sport o a causa di incidenti stradali.

La diagnosi non è facile e i sintomi possono essere confusi con quelli di una distorsione del polso. Distinguerle è molto importante in considerazione del fatto che le principali complicanze (artrosi e necrosi avascolare) sono associate a un intervento medico scorretto.

Anatomia dell’osso scafoide

L’osso scafoide è il primo osso sul lato esterno, laterale o radiale della prima fila del polso. Il polso è costituito dalla parte terminale delle due ossa dell’avambraccio (radio e ulna) e dagli otto ossicini che compongono il carpo.

Queste otto ossa formano due file alla base della mano. Lo scafoide si trova solo sul lato esterno o radiale del polso, a contatto con il radio, sotto il pollice. Insieme all’osso semilunare e alla sua articolazione con il radio e l’ulna, sono le ossa maggiormente coinvolte nel movimento del polso.

Il suo nome deriva dalla lingua greca e significa barca, che ne descrive la forma allungata e ricurva. È localizzato nello spazio anatomico chiamato tabacchiera anatomica o fossa radiale, prodotta dai tendini del pollice quando è esteso.

È diviso in tre parti. Il terzo più vicino al radio o prossimale, il centro che è chiamato collo e il terzo più lontano che è a contatto con le altre ossa carpali. I vasi sanguigni che entrano nel terzo distale sono responsabili della nutrizione dell’osso.

Infortunio al polso
I sintomi di una frattura dello scafoide sono simili a quelli di un polso slogato.

Meccanismo di frattura dello scafoide

Le fratture dello scafoide rappresentano dal 75% all’80% di tutte le fratture del carpo in generale. Sono più comuni negli adolescenti e nei giovani adulti, tra i 15 e i 30 anni, a causa del meccanismo di lesione.

Di solito sono causati da una caduta su una mano iperestesa con l’articolazione in flessione dorsale (flessione verso l’alto), facendo ricadere tutto il peso sulla mano e, soprattutto, sul pollice.

È associata a incidenti stradali e infortuni sportivi.

I sintomi possono essere confusi

Questa frattura è difficile da diagnosticare, poiché la sua unica manifestazione clinica è dolorabilità alla palpazione nella tabacchiera anatomica. Può esserci, tuttavia, anche gonfiore e dolore alla mobilizzazione.

Quindi può passare inosservata, non essere trattata adeguatamente ed essere scambiata per una distorsione al polso. Non provoca deformità evidenti e il gonfiore di solito migliora con l’uso di antinfiammatori.

La frattura dello scafoide colpisce anche la gamma di movimento del polso, rendendo difficile afferrare o tenere oggetti o muovere e ruotare il polso e il pollice.

Diagnosi di frattura dello scafoide

In caso di sintomi indicativi di frattura dello scafoide (sensibilità nella tabacchiera anatomica), si esegue una radiografia del polso in diverse proiezioni: posteroanteriore, laterale e in deviazione ulnare o ulnare. In alcuni casi è indicata anche la proiezione obliqua con rotazione del polso di 45 gradi.

Tuttavia, se la frattura non è scomposta, a volte sono necessarie fino a due settimane prima che le linee di frattura possano essere apprezzabili in una radiografia. Quindi, a meno che non si proceda a esami di imaging per la conferma diagnostica (risonanza magnetica o tomografia computerizzata), di solito si procede a una diagnosi clinica.

In caso di dubbio o se non è possibile eseguire una tomografia, ad esempio, si preferisce l’immobilizzazione come se ci fosse conferma della frattura. L’esame radiografico viene ripetuto dopo due settimane.

Il trattamento iniziale della frattura dello scafoide è conservativo

Una frattura dello scafoide guarisce lentamente e può richiedere da 10 a 12 settimane per saldarsi. Nelle fratture non scomposte, il polso e il pollice vengono immobilizzati con un gesso.

In alcuni casi è consigliato l’uso di stimolatori ossei. Si tratta di dispositivi che applicano onde elettromagnetiche pulsate a bassa intensità per stimolare la guarigione ossea.

Le fratture scomposte o non scomposte che non guariscono dopo sei settimane, richiedono un intervento chirurgico. Può consistere nel posizionamento di viti o in un innesto osseo vascolarizzato. Altre indicazioni per la chirurgia sono le fratture dell’estremità più vicina al radio o le fratture prossimali, instabilità e le fratture oblique.

Il tempo di recupero dipende dalla gravità della frattura. Sono necessarie visite successive, controlli radiologici per monitorare il processo di guarigione ed esercizi di riabilitazione.

Riabilitazione del polso dopo frattura dello scafoide.
La riabilitazione è una parte molto importante del recupero dalle fratture. Il caso del polso non fa eccezione.

Le complicazioni associate a una diagnosi tardiva

Le complicanze delle fratture dello scafoide sono numerose e sono associate al ritardo nell’uso delle immobilizzazioni, dovuto alla diagnosi tardiva.

Mancanza di unione

Se la frattura non si unisce e non si consolida si parla di pseudoartrosi. È comune, in considerazione della scarsa irrorazione sanguigna dell’osso scafoide. La risoluzione è solo chirurgica e consiste nel posizionamento di viti o di un innesto osseo.

Necrosi avascolare

Nelle fratture dello scafoide, a causa del suo scarso apporto di sangue, e soprattutto nelle fratture scomposte con la presenza di piccoli frammenti, si verifica una diminuzione del flusso sanguigno che può far sì che nessun nutriente raggiunga le cellule e queste muoiano.

È una complicanza frequente e invalidante. Richiede la risoluzione chirurgica attraverso il posizionamento di un innesto osseo vascolarizzato.

Artrite

Nel tempo, la pseudoartrosi e la necrosi avascolare possono portare alla degenerazione della cartilagine del polso. Questo processo è chiamato artrite e provoca attrito tra le ossa.

I sintomi sono dolore, rigidità e impotenza funzionale che non migliora. Il trattamento è sintomatico, con antinfiammatori e immobilizzazione.

Guarigione dalla frattura dello scafoide

Le fratture non scomposte, prontamente diagnosticate e localizzate distalmente o più lontano dal radio, dovrebbero richiedere 10-12 settimane per guarire. Tuttavia, sono molti i fattori associati che potrebbero allungare questa prognosi.

Indipendentemente dal fatto che il trattamento sia chirurgico o conservativo, il recupero è lento e richiede l’uso di immobilizzatori fino al consolidamento della lesione, oltre al sedute di terapia riabilitativa.

Potrebbe interessarti ...
Frattura e distorsione: qual è la differenza?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Frattura e distorsione: qual è la differenza?

In traumatologia le lesioni più frequenti sono frattura e distorsione. Poiché si tratta di lesioni molto comuni, è facile confondere.