La frutta secca e il suo apporto nell’alimentazione

· 27 Luglio 2018
Includere la frutta secca nella nostra alimentazione ci aiuta a ottenere innumerevoli benefici di cui vi parliamo in questo articolo. Scopriteli tutti!

Il mondo si è riempito di miriadi di tendenze alimentari. Tutti ci preoccupiamo per la nostra salute e in quest’ambito spicca l’importanza che ha la frutta secca nell’alimentazione.

Questi alimenti sono sempre più popolari. Sono un’eccellente alternativa per accompagnare i pasti e un’alternativa come merenda o spuntino. Sapevate che la frutta secca possiede proprietà nutrizionali eccellenti?

Noci, pistacchi, mandorle, nocciole, pinoli e arachidi. Tutti insieme, combinati tra loro o singolarmente, nelle insalate, nello yogurt o con la frutta, apportano una grande quantità di nutrienti che favoriscono il corretto funzionamento dell’organismo.

Caratteristiche della frutta secca

La frutta secca non è un frutto vero e proprio. Si tratta di semi avvolti da una buccia, molto dura e non commestibile. Sono composti per meno del 50% di acqua.

Sono così completi dal punto di vista nutrizionale che sono in grado di apportare le energie necessarie per tutto il giorno.

Tra gli altri spiccano gli antiossidanti, importanti per eliminare le tossine e aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari e altre relazionate all’invecchiamento. I grassi buoni di cui sono composti, insieme al potassio, proteggono i vasi sanguigni.

Tra i nutrienti che possiedono, ci sono:

  • Acidi grassi Omega 3
  • Vitamine A, B ed E
  • Magnesio
  • Calcio
  • Fosforo
  • Zinco
  • Ferro
  • Rame
  • Proteine

Per questo motivo è consigliabile mangiarli al naturale e non processati. In quest’ultimo formato possono perdere tutti i loro componenti e diventare persino nocivi, per colpa della quantità di colesterolo, calorie e grassi che generano gli additivi chimici.

Leggete anche: Acqua di uva passa per disintossicare il fegato

La frutta secca ideale per l’alimentazione

Chiunque desideri mantenersi in salute e potenziare l’energia e il controllo sul proprio corpo, deve sapere che la frutta secca rappresenta un grande alleato. Sono infatti numerosi i benefici che apporta all’organismo.

La frutta secca è importante nel processo digestivo e per rinforzare il sistema immunitario. Inoltre, possiede grassi buoni e aiuta a equilibrare e controllare le funzioni dei diversi organi di cui si compone il corpo umano.

Frutta secca mista

Ogni eccesso può rivelarsi pregiudiziale. E anche la frutta secca non fa eccezione. Mangiandola con moderazione,vi aiuterà a mantenere il peso ideale e a ridurre il grasso corporeo.

Meno, come sempre è meglio

Se ogni eccesso rappresenta un pericolo, in una alimentazione sana ci sono anche dei limiti sulle quantità di frutta secca da assumere. Il fatto che possieda tutte le qualità di cui abbiamo parlato prima non significa che possa essere mangiata smodatamente.

Il miglior consiglio è quello di mangiarla a metà mattinata o come merenda pomeridiana. La frutta secca nell’alimentazione è efficace perché produce senso di sazietà e di pienezza.

Le porzioni adeguate sono:

  • 30 mandorle
  • Tra 8 e 10 noci
  • 30 noccioline
  • 30 pistacchi

I migliori 5 frutti secchi da includere nell’alimentazione

1. Arachidi

Contengono acido folico e proteine. Sono  quindi d’aiuto per il cuore grazie al contenuto di grassi omega 6 e delle fibre. Si possono mangiare crude oppure sotto forma di crema, da accompagnare con pane o cracker.

30 grammi di questa crema possono contenere 10 grammi di proteine; apporta inoltre calorie, ferro, calcio e si tratta di un’ottima opzione per la colazione.

2. Noci

Queste rappresentano una delle opzioni più importanti quando si tratta di proteggere il cuore. È uno tra i frutti secchi che hanno maggiori quantità di omega 3. I grassi polinsaturi migliorano i parametri cardiovascolari. Apportano vitamine, proteine e fibra.

Noci

Aiutano a perdere peso, poiché le loro proprietà antiossidanti riducono la sensazione di fame. Inoltre, sono utili in caso di stitichezza grazie alla presenza di fibre solubili e dei nutrienti.

Può interessarvi anche: Benefici dei semi di chia: come ottenerli

3. Semi di zucca

Sono molto ricchi di nutrienti vari. In particolare di quegli elementi che migliorano la salute cardiovascolare. Contengono antiossidanti e sono anche antinfiammatori. Regolano il funzionamento di organi come il pancreas e quindi sono consigliati ai diabetici.

Sono l’ideale per le persone che soffrono di depressione perché contengono L-Triptofano, come descritto da alcuni studi. Sono perfetti per dare senso di sazietà e ridurre la sensazione di fame. Se ne raccomanda l’assunzione con moderazione.

4. Nocciole

Questo tipo di frutta secca si differenzia dagli altri per l’alto contenuto di vitamina E. Possiedono anche una grande quantità di fibra, calcio, magnesio, ferro e zinco. Hanno proteine vegetali come l’arginina, perfetta per favorire le funzioni immunitarie ed enzimatiche.

Apportano energia, fibre e minerali utili per prevenire i problemi ossei, le lesioni e il rischio di frattura.

Nocciole

5. Pinoli

Sono ricchi di vitamina B, la quale aiuta il corretto funzionamento del sistema neuromuscolare. Inoltre, apportano vitamina E e antiossidanti. Sono l’ideale per affrontare periodi di stress e combattere le malattie naturali generate dal processo di invecchiamento.

Questi cinque frutti secchi sono un’eccellente fonte di energia. Infatti, tutti quelli che abbiamo nominato e quelli che appartengono a questa categoria di alimenti sono perfetti per perdere peso. Non sottovalutate le loro capacità di sostenere una buona alimentazione.

Ricordate che perdere peso non dipende solo da questi alimenti. Lo sport, bere almeno otto bicchieri di acqua al giorno e fare attenzione a tutto quello che assumete saranno indispensabili per raggiungere la taglia ideale. La frutta secca è un alleato molto importante per una corretta alimentazione.

 
  • Coronado Herrera, M., Vega Y León, S., Gutiérrez Tolentino, R., García Fernández, B., & Díaz González, G. (n.d.). LOS ÁCIDOS GRASOS OMEGA-3 Y OMEGA-6: NUTRICIÓN, BIOQUÍMICA Y SALUD*. Retrieved from http://uiip.facmed.unam.mx/publicaciones/ampb/numeros/2006/03/e_AcidosGrasos.pdf
  • Ibarrola-Jurado, N., Bulló, M., Guasch-Ferré, M., Ros, E., Martínez-González, M. A., Corella, D., … PREDIMED Study Investigators. (2013). Cross-Sectional Assessment of Nut Consumption and Obesity, Metabolic Syndrome and Other Cardiometabolic Risk Factors: The PREDIMED Study. PLoS ONE, 8(2), e57367. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0057367
  • Levine, A. S., & Silvis, S. E. (1980). Absorption of Whole Peanuts, Peanut Oil, and Peanut Butter. New England Journal of Medicine, 303(16), 917–918. https://doi.org/10.1056/NEJM198010163031605
  • Brennan, A. M., Sweeney, L. L., Liu, X., & Mantzoros, C. S. (2010). Walnut Consumption Increases Satiation but Has No Effect on Insulin Resistance or the Metabolic Profile Over a 4-day Period. Obesity, 18(6), 1176–1182. https://doi.org/10.1038/oby.2009.409