Zinco: proprietà e benefici

7 Gennaio 2020
Il deficit di zinco può essere la causa di molti dei mali che ci affliggono quotidianamente, come la mancanza di memoria, la stanchezza o la tendenza ad ammalarci.

Lo zinco è un minerale molto importante per l’organismo e dobbiamo ottenerlo tramite l’alimentazione, poiché nel corpo è presente in quantità molto ridotte. Un deficit di questo minerale può causare gravi problemi di salute. A seguire vi parliamo delle proprietà e dei benefici dello zinco.

Quali sono le proprietà dello zinco?

Zinco proprietà

Nel 1963 il Dr. Prasad si accorse che i pazienti con anemia da carenza di ferro rispondevano bene ai trattamenti che includevano integratori di zinco. La maggior parte di questo micronutriente viene assorbita dall’intestino tenue. Poi, è  trasportato verso il fegato e da lì viene distribuito ai tessuti.

Lo zinco è incluso nel gruppo de “i 100 enzimi più importanti” e consente di metabolizzare proteine e carboidrati, sintetizzare l’insulina e rafforzare il sistema immunitario.

Serve anche a eliminare i radicali liberi dal corpo e a rendere elastica la pelle (il 20% di questo minerale è trattenuto nell’epidermide). L’85% del totale si deposita in:

  • Tessuto pigmentato degli occhi
  • Unghie
  • Ossa
  • Testicoli
  • Muscoli

Leggete anche: Accelerare la crescita delle unghie: 5 trattamenti naturali

Altri aspetti importanti dello zinco

Lo zinco viene eliminato attraverso le secrezioni biliari, intestinali e pancreatiche e, soprattutto, le feci.

È bene sapere che un consumo eccessivo di legumi e grano raffinato può inibire l’assorbimento completo di questo minerale. Inoltre, i livelli di zinco possono essere alterati se si soffre di:

Bassi livelli di zinco sono relazionati a una maggiore vulnerabilità di fronte alle malattie. La dose giornaliera di zinco consigliata è di 8 mg per le donne e di 11 mg per gli uomini.

Alcuni gruppi di persone richiedono una maggiore quantità giornaliera di questo minerale:

  • Neonati, bambini e anziani
  • Persone denutrite e con disturbi dell’alimentazione
  • Donne incinte o in fase di allattamento
  • Celiaci
  • Chi ha una dipendenza da alcol.
  • Vegetariani e vegani
  • Persone che hanno subito un’operazione da poco o con sistema immunitario debole.
  • Individui con morbo di Crohn, colite ulcerosa o malassorbimento intestinale

Conseguenze della carenza di zinco

La carenza di zinco nella dieta rappresenta un grave problema attuale a causa dell’alimentazione e dello stile di vita che conduciamo.

Per esempio, consumando sempre semi o cereali di monocoltura (la terra è rimasta senza zinco), assumendo farmaci (diuretici, inibitori della ECA o antiacidi) o seguendo una dieta poco equilibrata. Bisogna sapere che una lieve mancanza di zinco causa:

  • Raffreddore e influenza frequenti
  • Stanchezza cronica
  • Problemi di crescita e sviluppo nei bambini
  • Alterazioni dello stato d’animo
  • Problemi di apprendimento e basso rendimento scolastico, perdita di memoria
  • Acne
  • Problemi di vista

Più grave è il deficit di zinco cronico. In questo caso, tra le conseguenze vi sono problemi di memoria, alla vista, di olfatto e gusto, e punti bianchi sulle unghie (sintomo che non deve essere ignorato).

Benefici dello zinco. Come ci aiuta?

Pasticche di zinco

Questo micronutriente ha diverse funzioni e, per questo, non dovremmo prenderlo alla leggera. I benefici di cui godiamo quando consumiamo zinco in quantità adeguate sono:

Diminuire il rischio di cancro

Nonostante lo zinco non curi questa malattia, permette di ridurre in modo significativo le possibilità di soffrirne. Questo perché è un minerale che prende parte alla replicazione cellulare.

Le prove al riguardo finora ottenute, tuttavia, sono vaghe e non definitive, motivo per cui non si può affermare con certezza che riduca il rischio di soffrire di cancro.

Crescita e sviluppo

Bambina che misura altezza

Lo zinco ha una grande incidenza sulla crescita dei bambini, dato che interviene sulla formazione e sulla mineralizzazione delle ossa e degli organi riproduttivi.

È necessario anche per trattare l’osteoporosi (la dieta deve includere a sua volta calcio, manganese e rame).

Proteggere le arterie

Secondo vari studi, le persone con il colesterolo e i trigliceridi alti devono consumare alimenti ricchi di zinco, poiché aiuta a mantenere le arterie pulite.

È consigliabile anche per chi ha avuto un attacco cardiaco e altri problemi cardiovascolari; prima, però, bisogna chiedere al medico.

Rafforzare il sistema immunitario

Sistema immunitario

Gli scienziati hanno dimostrato che lo zinco permette di aumentare e sviluppare il sistema immunitario. Questo evita che i microorganismi dannosi entrino nell’organismo, in caso contrario fa in modo che vengano debitamente neutralizzati.

Lo zinco inoltre collabora nei processi di cicatrizzazione delle ferite e previene malattie comuni di natura virale e batterica (per esempio, il raffreddore). Quando si è a letto con la febbre, bisognerebbe aumentarne le dosi per velocizzare i tempi di convalescenza.

Se ultimamente vi sentite molto stanchi e deboli, forse dovreste dare un’occhiata alla quantità di zinco che state consumando. Inoltre, la stanchezza è uno dei sintomi associati al deficit di questo micronutriente.

Capelli, pelle e unghie più sani

Oltre a velocizzare la cicatrizzazione, lo zinco è coinvolto nei processi di sviluppo e rafforzamento dermico. Un suo deficit causa desquamazione, psoriasi, lividi frequenti (e che impiegano molto tempo a scomparire), acne ed eczemi.

La sua assenza o bassi livelli sono relazionati a invecchiamento cutaneo precoce e alla comparsa dell’herpes simplex.

Altre proprietà dello zinco

Donna dolorante

Come se quanto detto finora non fosse sufficiente, ci sono altre proprietà dello zinco che vale la pena di menzionare:

  • Evita la degenerazione maculare senile.
  • Migliora il gusto e l’olfatto.
  • Tratta la malattia di Wilson (accumulo di rame nel corpo).
  • Migliora la sensibilità all’insulina.
  • Aiuta ad assorbire meglio i nutrienti, calma la diarrea e l’acidità di stomaco.
  • Stimola il sistema nervoso e riduce la possibilità di soffrire di Alzheimer
  • Riequilibra il livello acido-alcalino del sangue.
  • Protegge il fegato.
  • Riduce gli acufeni (fischi nelle orecchie).

Può interessarvi anche: Ballare e camminare ci protegge dall’Alzheimer

Quali sono le fonti più importanti di zinco?

Adesso che sapete che lo zinco è fondamentale nella nostra quotidianità, forse vi state chiedendo dove trovarlo. Gli alimenti ricchi di questo minerale sono:

  • Pesce, ostriche e frutti di mare
  • Interiora (soprattutto fegato)
  • Carne (bianca e rossa)
  • Frutta secca (noci, arachidi) e semi (di zucca, di sesamo)
  • Germe di grano e cereali (riso integrale, avena, miglio, segale)
  • Legumi (ceci, lenticchie)
  • Polline
  • Ortaggi a foglia verde (lattuga, spinaci, cavoletti di Bruxelles)
  • Cetriolo e banana

Se avete a cuore la vostra salute, lo zinco è essenziale. Potete includerlo nella dieta attraverso molti alimenti.