10 frutti ricchi di potassio

17 maggio 2017
Anche se la banana è il frutto più conosciuto per ottenere il potassio, ce ne sono molti altri che possono aiutarci ad aumentare le quantità di questo minerale. 

Il potassio è un minerale che influisce sull’equilibrio idroelettrico dell’organismo. Si tratta di un componente fondamentale dello stesso perché favorisce:

  • Il corretto funzionamento delle cellule nervose e muscolari.
  • La digestione.
  • Il metabolismo.
  • Il mantenimento dell’equilibrio dei processi elettrici e chimici che avvengono nel corpo.

Il nostro corpo riceve il potassio attraverso l’alimentazione e i reni si incaricano di eliminare i possibili eccessi.

È possibile ottenere il potassio attraverso:

  • La carne rossa e di pollo
  • Il salmone, il merluzzo, la sogliola e le sardine
  • I prodotti a base di soia
  • Gli hamburger vegetariani
  • Diversi tipi di frutta

In questo articolo vi parleremo in modo specifico della frutta ricca di potassio. Essa, infatti, costituisce uno spuntino delizioso da aggiungere facilmente alla propria dieta.

1. Albicocche

È importante sottolineare che le albicocche secche hanno più potassio rispetto a quelle fresche. Ogni 100 grammi di albicocche possono apportare quasi il 33% della dose giornaliera consigliata di potassio.

Le albicocche fanno particolarmente bene alla nostra circolazione perché:

  • Regolano la pressione arteriosa e i fluidi corporei
  • Prevengono malattie reumatiche e artrite

Leggete anche: 5 dati da conoscere sull’artrite reumatoide

2. Prugne secche

Oltre ad essere ricche di potassio, le prugne secche apportano fibre e zuccheri; 100 grammi di questo prodotto ci forniscono il 21% del potassio necessario.

  • La frutta secca deve il suo valore nutrizionale al processo di eliminazione dell’acqua che fa aumentare la presenza di carboidrati semplici.
  • Le prugne secche sono anche ricche di vitamina A, vitamina B3 e vitamina C.
  • Questi frutti vi aiuteranno anche ad aumentare velocemente la vostra energia grazie all’alto contenuto di zuccheri, a combattere la stitichezza grazie alla fibra e a ridurre i livelli alti di colesterolo.

3. Prugne

Le prugne apportano il 21% della dose giornaliera consigliata di potassio con appena 100 grammi di prodotto. Bisogna, però, tenere in considerazione che contengono anche molto zucchero, dunque si consiglia di moderarne il consumo. 

Le prugne sono anche adatte per:

  • Alleviare la stitichezza
  • Ridurre l’acidosi
  • Migliorare l’anemia
  • Far abbassare la febbre
  • Regolare la tensione sanguigna
  • Ridurre la pressione sanguigna

4. Datteri

A differenza delle prugne e delle prugne secche, non si consiglia di consumare 100 grammi di datteri, sebbene anch’essi apportino il 21% della dose giornaliera consigliata di potassio.

La loro elevata quantità di zucchero, infatti, potrebbe alterarne i livelli nel sangue.

Gli sportivi di solito mangiano datteri perché sono ricchi di antiossidanti e minerali (potassio, fosforo, calcio, magnesio).

Inoltre, sono ricchi di vitamina B5, una vitamina necessaria alla produzione ormonale e alla trasformazione dei grassi e dei carboidrati in energia.

Cercate di mangiarli, ma assicuratevi di fare esercizio giornaliero per avere solo benefici dal loro consumo ed eliminare la grande quantità di zuccheri che contengono.

In ogni caso, non assumetene più di due o tre porzioni.

5. Fichi

I fichi apportano per ogni 100 grammi circa il 19% della quantità di potassio necessaria durante il giorno.

  • Un dato curioso è che, in realtà, non si tratta di un frutto, ma di un’infiorescenza detta sicono.
  • La sua massa polposa non è altro che la continuazione del gambo che protegge la parte interna in cui si trovano i semi che in un secondo momento verranno impollinati.

6. Avocado

L’avocado è un altro frutto ricco di potassio conosciuto per i suoi grassi sani e i benefici che apporta al nostro aspetto.

Ogni 100 grami di avocado forniscono circa il 14% del potassio di cui ha giornalmente bisogno il corpo.

7. Guaiava

Si tratta di uno dei frutti più versatili della lista perché, oltre ad apportare circa il 12% di questo minerale, fornisce una grande quantità di fibra, vitamina C, antiossidanti e minerali.

Ciò la rende ideale per:

  • Aumentare le difese.
  • Promuovere la salute cardiovascolare.
  • Mantenere sotto controllo il diabete.
  • Aiutare a prevenire il cancro grazie alla quercetina, alla vitamina C e ai licopeni.
  • Stimolare le funzioni cognitive grazie alla sua vitamina B3 e B6.

Uno dei benefici poco conosciuti della guaiava è il suo effetto sulla salute orale dato che è antibatterica e aiuta a ridurre la placca. Inoltre, è utile per trattare l’infiammazione delle gengive e le infezioni alla bocca.

8. Banane

È risaputo che le banane siano frutti ricchi di potassio, infatti contengono ben il 10% della dose giornaliera consigliata.

Le banane vi aiuteranno a mantenere l’equilibrio idrico delle cellule e il corretto funzionamento del sistema nervoso, intestinale e muscolare.

9. Frutto della passione

Con 100 grammi di frutto della passione, otterremo il 10% della dose giornaliera consigliata di potassio oltre che principi nutritivi essenziali per l’organismo come vitamina A, B2, C, fosforo, calcio e fibra.

Inoltre, è anche consigliato per alleviare i dolori mestruali e possiede effetti antispasmodici. 

Vi consigliamo di leggere: La frutta più adatta per combattere i dolori articolari

10. Kiwi

Il kiwi è ottimo perché, oltre al potassio, contiene fibre e una grande quantità di vitamina C. Questo frutto vi aiuterà a rafforzare il sistema immunitario e la salute digestiva. 

Guarda anche