Gestire il nervosismo con 5 utili strategie

· 30 luglio 2018
Accettare che ci sono alcuni aspetti della nostra vita che non possiamo controllare ci sarà di grande aiuto per gestire il nervosismo ed evitare inutili preoccupazioni 

È più comune provare ansia e nervosismo in certi periodi dell’anno (ad esempio in inverno) o della vita (prima di un matrimonio, un trasloco, ecc.). Gestire il nervosismo, tuttavia, è possibile.

È possibile attivare la “modalità vacanza” in ogni momento? Sì, e per riuscirci vi suggeriamo le seguenti strategie volte a gestire il nervosismo.

Gestire il nervosismo nel XXI secolo

Anche se non lo vogliamo, sembra che la vita sia determinata a farci alterare. Siamo stressati, irascibili, arrabbiati con tutti…

Il vortice di ogni giorno non ci permette di calmarci o fermarci un minuto per rivalutare la situazione e rallentare i battiti cardiaci. Le vacanze sono l’unico momento in cui possiamo riposarci davvero. 

E a volte nemmeno in quel momento, perché un paio di settimane sono davvero poche per staccare completamente la spina e liberarci dello stress che abbiamo accumulato durante tutto l’anno.

O forse riusciremo a gestire il nervosismo mentre siamo sdraiati di fronte al mare, ma il primo giorno in cui si torna “alla vita reale” ci accorgiamo che il nostro stato zen è rimasto tra le onde e la sabbia.

Forse gli esseri umani tendono a essere nervosi piuttosto che calmi? È vero che la nostra mente è inquieta e che ha bisogno di esplorare continuamente, ma da lì a non poter dormire o discutere con tutti c’è una bella differenza.

Risulta essenziale, dunque, sapere come gestire il nervosismo in ​​ogni situazione: un esame, un colloquio di lavoro, la rottura di un elettrodomestico, un ritardo al lavoro a causa di un problema o un aumento della bolletta elettrica.

Lo sapevate? Tecnica Montessori per canalizzare la rabbia e il nervosismo dei bambini

Suggerimenti per gestire il nervosismo

Il nervosismo non fa bene né alla salute mentale né a quella fisica. Oggi più che mai, dobbiamo imparare come tenere sotto controllo il nervosismo e l’ansia.

Tenete presenti i seguenti suggerimenti:

1. Riconoscere la causa del nervosismo

Donna che rappresenta il nervosismo

Può essere il vostro capo che vi parla in un certo modo o vi chiede di svolgere determinati compiti; i vostri colleghi che non sono d’accordo con un lavoro; il traffico che è sempre più caotico nella città in cui vivete.

Quando avrete riconosciuto le cose che “vi danno ai nervi”, sarà più facile gestire tutto.

  • Se sapete già che un incontro con il vostro capo è una situazione stressante, potete affrontarlo essendo predisposti alla discussione o alla soluzione.
  • Per fare in modo che gli ingorghi sull’autostrada non rappresentino un problema, dovrete prendere un’altra strada o uscire di casa prima del solito.

2. Respirare

In relazione al punto precedente, una buona tecnica per evitare che l’ansia o il nervosismo non prendano il sopravvento è respirare in modo consapevole. Che cosa significa? Saper controllare come l’aria entra ed esce dai polmoni.

Forse non l’avete notato, ma quando siamo troppo stressati, la respirazione diventa più superficiale, intramezzata e difficile.

Se in quel momento chiudiamo gli occhi e inspiriamo profondamente diverse volte, possiamo controllare certe emozioni. È perfetto per evitare una discussione o una frase di cui poi possiamo pentirci.

  • La respirazione cosciente o profonda dice al cervello che tutto è meraviglioso e che non c’è motivo di preoccuparsi.
  • Vi consigliamo anche di non aspettare una situazione stressante per iniziare a respirare meglio, ma di intenderlo come una nuova abitudine che vi renderà persone più serene.

3. Allentare le pressioni

Uomo nervoso

A volte il nervosismo appare quando esigiamo troppo da noi stessi. Speriamo che tutto vada per il meglio e questo ci toglie il sonno e la tranquillità. Non accettiamo il fallimento o gli errori e forse per questo motivo non permettiamo a noi stessi di tranquillizzarci.

Ovviamente non significa evitare di dare il meglio di noi stessi, ma di accettare che a volte le cose non vanno come ci aspettiamo.

Invece di chiederci cosa può andare storto, domandiamoci cosa andrà bene. Anche a seguito di notizie o esperienze negative possiamo trarre saggezza e insegnamenti.

4. Non preoccuparsi di quello che non è possibile gestire

Aristotele affermava che Se c’è soluzione perché ti preoccupi? Se non c’è soluzione perché ti preoccupi?

Ci sono molti eventi che non abbiamo il potere di cambiare, migliorare o controllare. E paradossalmente sono quelli che più di tutti ci rendono nervosi.

Che piova il giorno del proprio matrimonio, che ci sia un incidente stradale o che il proprio collega si ammali prima di un incontro importante sono tutti eventi fortuiti e bisogna imparare a gestirli nel modo migliore.

Questo permetterà di allentare la pressione e divertirsi un po’ di più.

Volete saperne di più? Come preparare una lozione rilassante per dormire meglio

5. Contatto con la natura

Donna che cammina in un prato

Sedersi in un parco, andare in campagna e sentire gli uccelli cantare, camminare sulla battigia, sono tutte attività consigliate per controllare il nervosismo. Il contatto con la natura ha un effetto quasi “magico” e inspiegabile.

Forse perché ci permette di tornare a uno stato più puro e vero, o perché è un incontro con la madre terra. La verità è che quelle famose “fughe” fuori città ci ricaricano in modo impressionante.

Le passeggiate in un bosco, in montagna o nei pressi di scogliere e i soggiorni di più di una notte in luoghi dove non ci sono luce o inquinamento acustico sono fondamentali per non sentirci nervosi.

Potete approfittare dei fine settimana per godere di questo grande beneficio, non dovete necessariamente aspettare le vacanze.

Immagine principale per gentile concessione di © wikiHow.com

Guarda anche