Gioco cooperativo: 5 grandi benefici per i bambini

11 Luglio 2019
Conoscete i benefici del gioco cooperativo per i bambini? Questo tipo di attività ludica di cooperazione punta sul lavoro di squadra per il raggiungimento di un obiettivo comune.

Conoscete già i benefici del gioco cooperativo per i bambini? Questo tipo di attività ludica di cooperazione punta sul gioco di squadra per il raggiungimento di un obiettivo comune, invece di inasprire la competizione. In tal modo, alla fine o si perde o si vince insieme.

È importante conoscere questo strumento didattico che oggigiorno può essere utile per educare ai valori. Inoltre, è un modo eccellente per favorire strategie di sviluppo delle abilità sociali da adulti.

Il gioco cooperativo

Il gioco cooperativo o di cooperazione punta a essere un’alternativa ai giochi competitivi con delle proposte ludiche che si sviluppano in un ambiente disteso e informale. In essi, tutti i bambini avranno la possibilità di fare la propria parte senza che si verifichino episodi di esclusione o di discriminazione. In questo modo, ognuno metterà a disposizione le proprie abilità.

Grazie a queste caratteristiche sono molti i benefici del gioco cooperativo per bambini. Sia a breve termine, visto che contribuiscono a creare un ambiente educativo costruttivo, che a lungo termine per potenziare l’inclinazione a una interazione sociale positiva.

5 benefici del gioco collaborativo nei bambini

1. Sensibilizzazione, rispetto e solidarietà

Tiro alla fune
L’empatia è uno dei valori che i giochi cooperativi fa sviluppare, mettendo alla prova la sensibilità e il rispetto per i compagni di squadra.

Il gioco collaborativo si basa sui principi di rispetto e solidarietà. In questo modo si punta a infondere la sensibilità sotto forma di gioco per lottare contro la discriminazione così diffusa al giorno d’oggi. Anche questa può essere una strategia per prevenire il bullismo a scuola.

Alcune scuole stanno già adottando queste tecniche che invitano il bambino a provare empatia per i suoi compagni. In tal modo impara a mettersi nei panni dell’altro e a valutare diverse opzioni per affrontare insieme le sfide.

Leggete anche: Se volete bambini rispettosi, trattateli con rispetto

2. Gioco cooperativo e lavoro di squadra

Il gioco cooperativo coinvolge tutti i partecipanti e li invita ad aiutarsi a vicenda. Per trovare una soluzione al gioco, è fondamentale cercare il modo per lavorare in squadra. In nessun caso si potrebbe raggiungere la vittoria in modo individuale, come nella maggior parte dei giochi, visto che tutti affrontano un elemento esterno.

Così, i bambini imparano a dare valore alle attitudini speciali di ciascuno di loro e a metterle insieme. In tal senso, ad esempio, se un bambino va bene in matematica, ma non eccelle nello sport, non verrà escluso per non aver vinto una gara, bensì gli verrà assegnato un compito che coinvolge dei calcoli.

3. Comunicazione

Gioco cooperativo musicale
Per realizzare questi giochi i bambini devono comunicare tra loro, potenziando così le loro abilità sociali.

Per trovare una soluzione a ogni prova o sfida che il gioco metterà loro davanti, sarà fondamentale stabilire una buona comunicazione. In questo modo, tutti i bambini rafforzeranno le loro abilità espressive e la capacità di esprimere le proprie opinioni.

Allo stesso tempo, tutti loro impareranno ad ascoltare i propri compagni. L’obiettivo è trovare un equilibrio tra i bambini che non parlano e quelli che invece mantengono una conversazione costante. Si cerca in tal modo di creare pari opportunità tra loro.

Leggete anche: Test WISC: a quali bambini è rivolto?

4. Risoluzione dei conflitti nel gioco cooperativo

Attraverso il gioco i bambini non sanno ancora che stanno imparando a risolvere i conflitti. Cosa possiamo fare quando non riusciamo a risolvere un problema da soli? Come possiamo chiedere aiuto? In che modo possiamo collaborare?

Il primo passo consiste nell’imparare a esprimere il bisogno di risolvere il conflitto. In tal modo, i bambini potranno testare l’efficacia di questa strategia per poi trasporla ad altre situazioni in classe o nei momenti di svago. Allo stesso modo, impareranno a traslarlo all’ambito familiare e, quando saranno adulti, all’ambiente di lavoro.

5. Autostima e fiducia in se stessi

Bambini giocano felici
I giochi cooperativi mettono alla prova l’autostima e la fiducia in se stessi dei bambini, al contempo insegnano dei valori.

Infine, il gioco cooperativo rinforza l’autostima e la fiducia di ogni bambino in se stesso. Attraverso questo attività capiscono che il loro contributo in quanto membri del gruppo è indispensabile per raggiungere l’obiettivo. Possono persino scoprire talenti naturali di cui non erano a conoscenza, osservando i propri compagni.

Il gioco cooperativo è, senza dubbio, uno strumento pedagogico ideale da introdurre nel contesto educativo. I bambini sono spugne che assorbono tutto quello che vedono. Integreranno in modo del tutto spontaneo e naturale tutti quei valori che è sempre più importante proteggere.

  • Bay-Hinitz, A. K., Peterson, R. F., & Quilitch, H. R. (2006). Cooperative games: a way to modify aggressive and cooperative behaviors in young children. Journal of Applied Behavior Analysis. https://doi.org/10.1901/jaba.1994.27-435
  • Creighton, S., & Szymkowiak, A. (2014). The Effects of Cooperative and Competitive Games on Classroom Interaction Frequencies. Procedia – Social and Behavioral Sciences. https://doi.org/10.1016/j.sbspro.2014.04.402
  • Marker, A. M., & Staiano, A. E. (2014). Better Together: Outcomes of Cooperation Versus Competition in Social Exergaming. Games for Health Journal. https://doi.org/10.1089/g4h.2014.0066