I pensieri ruminativi generatori d’ansia

22 settembre 2017
I pensieri ruminativi sono quelli che ci tornano continuamente in mente, ma ai quali non cerchiamo mai una soluzione. Se non li eliminiamo, saboteranno il nostro benessere.

I pensieri ruminativi ci inducono alla preoccupazione estrema che, poi,  sfocia in ansia. Tuttavia, perché succede? Alcune persone rimuginano spesso su quello che gli capita. Pensano a quello che hanno detto, a quello che è successo, a come si sono comportate…

Leggete: Perdonare, lasciar andare e voltare pagina

Tuttavia, questi pensieri ruminativi non si concentrano solo sul passato, ma anche sul futuro. Un futuro ignoto nel quale le supposizioni, i dubbi e le convinzioni negative fanno atto di presenza.

uomo pieno di dubbi

Pensieri ruminativi ed interpretazioni equivoche

I pensieri ruminativi ci fanno giungere a conclusioni davvero errate, poiché ciò su cui rimuginiamo è profondamente influenzato da paure, carenze, bisogni e tutta un’altra serie di insicurezze che risiedono in noi.

Se abbiamo bisogno degli altri per essere felici, per sentirci capaci e validi, allora questi pensieri ruminativi rimbomberanno nella nostra testa.

Ci concentriamo sempre sugli altri, su quello che penseranno, se la nostra persona e le nostre azioni sono di loro gradimento. Tuttavia, noi dove restiamo? Dove risiede la nostra opinione personale?

La bassa autostima sfocia in un’insicurezza che ci danneggia a tutti i livelli della nostra vita. Ciò genera conflitti, sensi di colpa e idee errate che ci portano a dubitare di tutto e di tutti.

Questa situazione provoca una cosa che non vogliamo: il rifiuto altrui. Ci concentriamo talmente tanto sulle altre persone che qualsiasi cosa accada, benché minima, la interpreteremo come una delusione, una bugia, una slealtà. In realtà, però, siamo noi stessi a deluderci.

I pensieri ruminativi possono ucciderci

Ragazza stressata pensieri ruminativi

I pensieri ruminativi sono come un cane che si morde la coda. Sembra non esserci fine, che non vi sia un’uscita possibile.

Le persone che vengono sopraffatte da questi pensieri, infatti, scarseggiano di un’abilità essenziale: il coraggio di prendere decisioni.

Non dire quello che pensano o non fare quello che desiderano perché sanno che ciò avrà diverse conseguenze li induce a rifugiarsi in questi pensieri che le consumano dentro. Poco a poco l’ansia crescerà, le sorprenderà ad ogni angolo ed acquisirà un controllo sempre maggiore.

Se non si ferma in tempo la situazione, se noi in prima persona non comprendiamo che vi è un problema da risolvere, diverrà sempre più grande fino a sfociare in una profonda depressione.

Le persone che soffrono di pensieri ruminativi si auto-sabotano di continuo, minano la loro autostima, non si ritengono abbastanza valide…

Sono così disconnesse da se stesse da aver bisogno degli altri per sentirsi “connesse”. Tuttavia, questa non può essere una soluzione valida, bensì un aggravante del problema che non vogliono vedere.

È arrivato il momento di dire addio alle ossessioni

Donna assalita da pensieri ruminativi

I pensieri ruminativi altro non sono che ossessioni su un argomento o una situazione che ci porteranno a fare cose di cui poi ci pentiremo.

Ad esempio, se abbiamo qualche dubbio e la nostra mente è affollata da vari pensieri che ci incitano a credere che il nostro partner ci tradisce, l’ansia si impossesserà di noi. Inizieremo, così, a controllare l’ora in cui si collega nelle reti sociali, quando ci scrive, etc.

Tutto quello che “scopriamo” alimenterà le convinzioni che abbiamo e che sono divenute talmente ossessive da farci agire trasgredendo i nostri valori.

Per questo motivo, è importante non affogare in questa marea di pensieri, molti dei quali non hanno ragione di essere e sono frutto della nostra insicurezza. Dobbiamo imparare a vederli senza giudicare, senza indagare sul motivo; semplicemente visualizzarli e lasciare che vadano via.

Quando tratteniamo questi pensieri, iniziamo a rimuginarci, trasformandoli in ossessioni.

Prima di andarvene, leggete: Private di potere ciò che turba la vostra mente

Un pensiero può generare una sensazione fortemente negativa nel corpo, ma abbracciarsi ad essa, provare a razionalizzarla e non mollarla può essere la decisione peggiore.

Se un pensiero prende il sopravvento e non ci lascia in pace, dobbiamo prendere una decisione. La nostra mente vuole dirci qualcosa, dunque agiamo!

Il pensieri ruminativo è frutto di accumulo, sopportazione e silenzio di ciò che ci infastidisce o su cui dubitiamo, ma nei confronti del quale non reagiamo.

Tenerlo per noi ed afferrarci ad esso ci farà solo stare male. Quando il corpo grida, bisogna avere il coraggio di cambiare.

Guarda anche