Ti amo, ma non ho bisogno di te

30 giugno 2017
Non ho bisogno di te, ma ti amo e voglio stare con te. Se un giorno la nostra relazione dovesse finire, resterò completa perché non ho mai smesso di esserlo

Ti amo, ma non ho bisogno di te per essere felice o addirittura per vivere. So che si tratta di una convinzione radicata, aver bisogno è quasi sinonimo di amare. So, però, che posso stare bene anche quando non ci sei.

I film, la cultura e la società hanno instillato nella nostra mente l’idea di un amore romantico che implica sempre una dose di sofferenza e che spesso finisce con la rottura. Amare, invece, dovrebbe essere una condizione che rende molto felici.

Leggete anche: Le 3 leggi della vita: vivere, amare e parlare

Soffrire di dipendenza emotiva è un problema sempre più attuale.

Non ho bisogno di te per poter vivere

Esiste un po’ in tutti la convinzione che amare voglia dire soffrire. Questa è una delle menzogne più grandi. Il problema lo creiamo noi, con le nostre scelte che si riassumono con la classica affermazione “senza di te non posso vivere”.

La paura di restare soli, di sentirci dei falliti in campo amoroso ci spinge, in qualche caso, a non scegliere con attenzione il nostro partner, ma a buttarci sulla prima persona che ci riserva delle attenzioni. È il tipico sintomo di dipendenza emotiva.

Questo stato emotivo ci porta spesso ad una serie di relazioni amorose a catena. La terribile sensazione di non essere amati da nessuno ci causa uno stato d’ansia che sentiamo si affievolisca solo quando abbiamo un rapporto di coppia.

Una cosa è chiara: un amore di questo tipo non è reale. Come si può porre rimedio a ciò? Evitando, ad esempio, di cadere nei seguenti errori.

Idealizzare la coppia

Vi siete mai chiesti perché all’inizio in una relazione vada tutto a meraviglia per poi terminare in un fallimento totale?

La risposta si trova nell’idealizzazione del principe o della principessa dei sogni a cui concediamo comportamenti per noi fastidiosi, nella convinzione di essere in grado di gestirli, di accettarli o di cambiarli.

Scoprite: Lasciar perdere: non darsi per vinti, ma accettare ciò che non si può cambiare

L’amore che proviamo all’inizio spesso non è del tutto reale, ma filtrato attraverso un paio di occhiali che mostrano solo quello ci interessa vedere.

Probabilmente il motivo radica in una carenza affettiva che ci spinge a dare importanza a ciò di cui abbiamo più bisogno.

Bassa autostima

Il bisogno di avere un rapporto di coppia può essere la conseguenza di una bassa autostima che colpisce diversi ambiti della nostra vita.

Questa necessità ci corrode, diventa un’esigenza insopprimibile, il primo dei nostri obiettivi. Obiettivo che se non viene raggiunto, ci fa andare in frantumi.

Il nostro mondo gira intorno ad una relazione perfetta, ideale. Se finisce male, il fallimento si impossessa di noi e l’autostima finisce sotto le scarpe.

Innamorarsi, per chi ha una scarsa autostima, significa esserne completamente assorbiti, dare il meglio di sé senza condizioni. Significa correre il rischio di farsi molto male.

Non essere capaci di imporre dei limiti in una storia d’amore spesso ci porta a soffrire.

Leggete anche: Amori maturi: quando l’;amore appare al momento giusto

Avere un rapporto di coppia non è tutto: è per questo che non ho bisogno di te

Per quanto si riesca a capire che fare parte di una coppia non sia tutto nella vita, si tratta di una convinzione radicata nella nostra mente che ci porta a commettere gli errori di cui abbiamo parlato.

Si può vivere perfettamente senza qualcuno al nostro fianco. C’è di più, tutte le persone che non hanno mai avuto l’occasione di stare senza un partner, dovrebbero godere di questa condizione, se mai dovesse capitare.

Prima di tutto perché quando si sta da solo si impara a non aver bisogno di qualcuno in modo ossessivo; si conosce se stesso e si ha modo di riflettere sulla relazione appena lasciata alle spalle.

In questo modo si matura, si capiscono le cose positive e quelle negative presenti nella relazione: la successiva sarà di migliore qualità.

Fare questo lavoro interiore è positivo, ma si corre sempre il rischio che il bisogno di coppia ci offuschi la vista, impedendoci di apprezzare un momento importante in cui dobbiamo pensare solo a noi stessi.

Solo così si comprende davvero che si può amare senza dipendere da un’altra persona.

Prima di andarvene leggete: Riconciliatevi con la solitudine

Vi siete mai concessi la possibilità di essere single oppure avete paura della solitudine?

Quando la vita dipende dalla presenza di qualcuno al nostro fianco, è difficile sentirsi completamente felici. Perché saremo sempre in difetto nei nostri confronti, ci dimentichiamo di noi stessi e questo è il peggiore sbaglio che si possa commettere.

Ricordate: l’unica persona che non vi abbandonerà mai siete voi stessi. Smettete di ignorarvi e cominciate a volervi bene.

Immagine principale per gentile concessione di © wikiHow.com

Guarda anche