Il mio bambino si muove molto nel pancione: devo preoccuparmi?

Percepire i movimenti del bambino nel grembo materno è sempre un momento importante. Che sia troppo o troppo poco, si vuole sempre sapere il perché.
Il mio bambino si muove molto nel pancione: devo preoccuparmi?
Leidy Mora Molina

Revisionato e approvato da l'infermiera Leidy Mora Molina.

Scritto da Ana Núñez

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio, 2023

Dal momento in cui riceviamo la notizia della gravidanza, niente ci rende più emozionate che percepire il bambino. Fin dal primo momento, aspettiamo con ansia il giorno in cui si farà sentire, e l’attesa è lunga. Una volta che inizia a farlo energicamente, la preoccupazione è opposta: se il bambino si muove molto nel pancione, dobbiamo preoccuparci?

Per sentirci tranquille, è importante conoscere le fasi del suo sviluppo durante la gestazione. Un articolo pubblicato sulla Revista de Especialidades Médico Quirúrgicas, sull’importanza del profilo biofisico per il monitoraggio del benessere fetale, indica che i primi movimenti si verificano alla sesta settimana.

A questo punto, il bambino è molto piccolo e, anche se sta crescendo velocemente, sarebbe impossibile accorgersene.

In queste prime settimane, possono essere presenti nella donna sintomi come stanchezza o nausea, che a volte possono essere confusi con il disagio causato da processi virali o gastrici. Questo perché nei primi due mesi il bambino sta formando i suoi organi principali.

Perché il bambino si muove nel pancione?

Il sostegno della famiglia durante la gravidanza comprende diversi aspetti.
I movimenti del bambino nel grembo materno si notano solitamente dal quarto mese di gravidanza.

Si muove perché fa parte del suo neurosviluppo e dell’interazione permanente che ha con l’ambiente uterino, come si legge in uno studio pubblicato su Revista Pediatría Atención Primaria.

Lo studio presenta una tabella che illustra l’ordine di comparsa dei movimenti durante il primo trimestre. Inizialmente, tra la settima e l’ottava settimana, si verificano dei riflessi automatici che dopo un mese si trasformano in movimenti guidati da stimoli. Alcune madri alla seconda gravidanza possono distinguerli.

Braccia e gambe, che sono apparse intorno alla sesta settimana, iniziano ad avere movimenti verso la decima settimana. Questi diventeranno più complessi man mano che il bambino matura e diventeranno più evidenti tra le 18 e le 20 settimane quando le ossa del bambino cresceranno e si formeranno i muscoli. Pertanto, è normale che prima non sentiate il vostro bambino, soprattutto se siete alla prima gravidanza.

Il movimento è un segno che tutto sta andando bene e, una volta percepito, provocherà senza dubbio una grande emozione che rafforzerà il legame emotivo tra mamma e bambino.

Potrebbe essere pericoloso?

Se il vostro bambino è irrequieto e vi fa sobbalzare di tanto in tanto, non è pericoloso. Al contrario, è un segno che il bambino è attivo, sta crescendo ed è quindi sano. Per darvi un’idea, un bambino può muoversi fino a 10 volte all’ora, anche se questo può variare da gravidanza a gravidanza.

D’altra parte, un recente studio pubblicato sulla rivista BMC Pregnancy and Childbirth ha associato un aumento dei movimenti fetali con vari parametri alla nascita. Infatti, lo studio ha dimostrato che i bambini che si muovono di più hanno maggiori probabilità di essere grandi per l’età gestazionale.

Ci sono molte ragioni per cui possiamo notarli. Uno molto comune è il singhiozzo; sì, i bambini hanno il singhiozzo e possiamo sentirlo. In breve tempo saremo in grado di distinguerlo perché è ripetitivo, soprattutto intorno alla 25a settimana di gravidanza, e lo sentiremo anche muoversi quando cambierà posizione girandosi o ruotando.

Cosa significa diminuzione dell’attività nell’utero?

Nel secondo trimestre il bambino si muove molto nel grembo materno: ha abbastanza forza per muovere gli arti, che vedremo spuntare dalla pancia quando si tratta di un piede, un ginocchio, un gomito o una mano. Man mano che il bambino cresce, lo spazio nell’utero si restringe e i suoi movimenti diminuiscono.

Questo fenomeno è particolarmente comune nell’ultimo mese. E questa diminuzione non deve essere per forza un segno negativo: può essere dovuta ai periodi di riposo del bambino. Tuttavia, se i cambiamenti sono molto evidenti, dobbiamo occuparci rapidamente della situazione.

Se il bambino è troppo tranquillo , stimoliamolo con musica che non sia a volume molto alto. Massaggiamo delicatamente la pancia o accendiamo una torcia e muoviamola in varie direzioni.

Inoltre, si raccomanda un monitoraggio che si può fare a casa per vedere se i movimenti rientrano nei limiti della norma. Si tratta di contare i calci per un tempo stimato tra i 10 e i 15 minuti, o fino a mezz’ora.

Affinché il metodo sia efficace, è bene eseguirlo per più giorni alla stessa ora, in modo da avere uno schema personale che serva da riferimento. Questo sarà molto utile per il medico che ci sta monitorando. Ricordate che le gravidanze non sono uguali e che ogni bambino ha il suo ritmo.

Se, dopo aver effettuato questa valutazione, notiamo che la variazione dell’intensità dei movimenti del bambino è notevole, dobbiamo chiamare immediatamente il nostro medico o recarci al pronto soccorso. Sarà necessario effettuare un controllo, magari con un’ecografia, per assicurarsi che il bambino sia sano.

Il sostegno della famiglia durante la gravidanza è importante.
I movimenti del bambino indicano che è sano. È più importante fare attenzione alla loro assenza.

Quando può significare un problema?

Dal quarto mese in poi, è naturale prendere gradualmente confidenza con gli orari in cui il bambino è più o meno attivo.

Impariamo anche ad assumere determinate posizioni per stimolarne i movimenti o ad associare alcuni alimenti zuccherati che danno il via alla festa nel grembo materno.

Tutto questo acuisce gradualmente il nostro istinto materno, quello che saprà avvisarci che qualcosa non va. Uno studio recente stabilisce che una diminuzione dei movimenti fetali può significare un deterioramento o un rischio per la salute del bambino. In queste situazioni si raccomanda un’ulteriore valutazione.

Pertanto, se i movimenti del bambino si interrompono improvvisamente o rallentano senza un’apparente spiegazione, è necessario rivolgersi a uno specialista per escludere quanto segue:

  • Diminuzione del liquido amniotico. Questa condizione è nota come oligoidramnios. Se inizia a perdere o scende al di sotto del livello corretto, i movimenti del bambino si riducono.
  • Mancanza di ossigeno o nutrienti causata da un problema della placenta, una situazione che richiede un’attenzione urgente.
  • Movimenti inesistenti per morte fetale. Se è così, le cause possono essere molto varie e dovranno fare studi specifici per determinarne il motivo.

Come rilassarsi in questi momenti?

Se i movimenti fetali restano più o meno costanti nel tempo o addirittura aumentano, sappiamo già che è considerato normale. Tuttavia, questo è facile da dire. Ecco alcuni consigli per evitare di pensarci nei momenti più angoscianti:

  • Mantenete uno stile di vita sano. La cura di sé non deve essere interrotta in nessun momento della gravidanza, anche se si tratta di pochi giorni prima del parto. L’esercizio fisico a basso impatto, un’alimentazione sana e l’assunzione di tutti gli integratori e i farmaci prescritti dal medico sono molto importanti.
  • Tenetevi informate. Così come avete preso l’iniziativa di leggere questo articolo, vale la pena di verificare e discutere le informazioni con il vostro medico o ostetrica. Raccogliere fatti affidabili vi aiuterà a smettere di pensarci continuamente.
  • Distraetevi. Meno tempo si passa da sole a pensare, meno è probabile che ci si angosci. Uscite con la famiglia e gli amici, preparate la stanza del bambino, fate una passeggiata… Ci sono centinaia di possibilità!

Se il bambino si muove molto nel grembo materno, godiamocelo!

Ora che sappiamo che l’intensità dei movimenti del bambino nel grembo materno parla di salute e benessere nel suo sviluppo neurologico, possiamo solo goderci il momento. Che sia da sole, con il partner o con il fratellino o sorellina, se non è il nostro primo figlio, sarà un momento magico che ricorderemo con grande affetto.

Non dimentichiamo di appuntare il nostro schema di calci del bambino a partire dal secondo trimestre; questo ci aiuterà a rimanere vigili per il resto della gravidanza. Possiamo riservare a questo scopo un momento specifico del giorno o della notte.

Prendiamo appunti anche per situazioni simili. Per esempio, quando ci si sdraia a letto dopo aver mangiato, si cammina un po’ prima di andare a letto o dopo aver fatto uno spuntino pomeridiano. E aggiungiamo a questo diario i momenti in cui di solito è più tranquillo. Il tutto per registrare in dettaglio la nostra esperienza unica.

Potrebbe interessarti ...
Parto in acqua: tutto quello che c’è da sapere
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Parto in acqua: tutto quello che c’è da sapere

Il parto in acqua è una pratica in grado di alleviare il dolore della madre durante il travaglio. Continuate nella lettura per scorpire di più!




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.