Importanza e consigli per parlare di suicidio

Parlare di suicidio può salvare vite umane, poiché crea ponti verso coloro che non riescono a trovare una via d'uscita. Scopri come affrontare una conversazione su questo argomento.
Importanza e consigli per parlare di suicidio
Elena Sanz

Scritto e verificato da la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 08 ottobre, 2022

Il suicidio è una delle principali cause di morte nel mondo. Ogni anno, quasi 1 milione di persone si tolgono la vita e molte altre cercano di farlo. Nonostante questo, c’è ancora un clima di silenzio e stigma che circonda la questione. Per questo, e in occasione della Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio, che si celebra il 10 settembre, vogliamo parlarvi dell’importanza di parlare di suicidio.

Quando una persona decide di togliersi la vita, sta affrontando una sofferenza difficile da capire per coloro che non sono nei suoi panni. Tuttavia, è comune che queste persone siano costrette ad affrontare il loro dolore in silenzio e in segreto. A livello sociale si tende ad evitare l’argomento o a giudicare chi ha questo tipo di idee.

Tuttavia, parlare di suicidio può salvare vite e prevenire devastazioni che colpiscono intere famiglie. Esploriamo l’importanza di iniziare a farlo e alcune chiavi a riguardo.

L’importanza di parlare di suicidio

È diffusa la convinzione che parlare di suicidio incoraggi a commetterlo. È per lo stesso motivo che nei media viene a malapena menzionato e le persone preferiscono non discuterne con i parenti sofferenti. Invece accade il contrario: è necessario parlare.

Questa convinzione deriva dal cosiddetto effetto contagio o effetto Werther, per cui le persone tendono a suicidarsi di più dopo averle viste rappresentate nei media.Tuttavia, è noto che ciò si verifica solo a causa di negligenza giornalistica, di provare l’argomento in modo sensazionale e superficiale.

Quando ci si avvicina consapevolmente, senza fornire dettagli specifici o morbosi, senza glorificarlo e concentrandosi sulle vie di aiuto disponibili, il risultato è l’opposto. Normalizzando il fatto di parlare di suicidio, le persone con questo tipo di ideazione possono sentirsi comprese, ascoltate e con alternative alla loro portata.

Parlare di questi pensieri è liberatorio, produce una catarsi ed elimina la sensazione di solitudine e isolamento che spesso si prova e che non fa che aumentare il disagio. Inoltre, ciò consente agli arrivi di prestare attenzione ai segnali di pericolo e di agire in tempo, offrendo il supporto e l’aiuto necessari.

Consigli per parlare di suicidio

Affrontare una conversazione sul suicidio non è facile per nessuna delle parti. Tuttavia, data la sua importanza, è necessario farlo. Successivamente, ti offriamo alcune chiavi che possono aiutarti in questo senso.

Parla con un amico del suicidio.
Non è facile parlare di suicidio, ma è necessario. Perdere l’occasione è un errore.

Chiedi apertamente

Sebbene sia scomodo e doloroso, se sospetti che qualcuno vicino a te abbia un’ideazione suicidaria, è preferibile chiederlo apertamente. Ciò consentirà uno spazio per l’espressione e il rilascio emotivi, aiuterà a costruire ponti e ridurre la sensazione di solitudine dell’altra persona.

Con questa domanda saprà che tieni al suo benessere, che sei preoccupato e disposto ad accompagnare e aiutare.

Applicare l’ascolto attivo

Una persona che pensa di togliersi la vita è in un processo doloroso. Hai bisogno di comprensione. Ma per capirla è essenziale ascoltare quello che ha da dire.

Sii sinceramente interessato a ciò che sente, sii vicino e disponibile. Non essere scioccato dalle sue parole e non cercare di convincerlo a smettere di parlarne. È necessaria la ventilazione emotiva.

Essere empatici e convalidare la sofferenza dell’altro

Non è sempre facile essere empatici. Quando una persona suicida ci parla dei suoi sentimenti e delle sue motivazioni, potremmo tendere a invalidarli e minimizzarli.

“Abbiamo tutti problemi, non è un grosso problema, è solo una serie di sconfitte”. Queste frasi non aiutano, perché anche se non la capiamo, la sofferenza dell’altro è così grande che non c’è via d’uscita. Per alleviare il suo dolore e accompagnarlo, è essenziale dare legittimità a ciò che sente.

Non giudicare né fare rimproveri morali

Molte persone spesso evitano di parlare di suicidio per paura di essere giudicate da chi gli è più vicino. Può essere incomprensibile per te che qualcuno voglia togliersi la vita; Potrebbe anche essere moralmente riprovevole. Ma non dare giudizi.

Affermare quella persona per il suo comportamento, criticarla, farla sentire in colpa o vergognarsi non è la strada da percorrere. Nessuno capisce cosa prova un altro se non è nella sua pelle. A volte, quando la vita ci mette di fronte a sfide che vanno oltre la nostra capacità di farcela, arrendersi può sembrare l’unica via d’uscita.

Offrire e incoraggiare il supporto sociale

In questo momento è essenziale offrire supporto, compagnia e presenza incondizionati. Dedica il tuo tempo e la tua attenzione a quella persona, non facendola sentire osservata o perseguitata, ma mostrando amore e preoccupazione genuini.

Il supporto sociale in questi casi è un forte elemento protettivo, quindi è conveniente rafforzare la rete di supporto della persona e ricordare loro che sei a sua disposizione.

Gente che parla di suicidio.
Il supporto deve essere chiaro. L’altra persona deve capire che gli altri sono lì per aiutarla.

Alternative e strumenti di sostegno disponibili

Prima di tutto, quando si parla di suicidio, è importante concentrarsi sulle alternative e sulle soluzioni disponibili. Quando l’altro si apre a noi e ci dice cosa lo preoccupa e lo tormenta, dobbiamo aiutarlo ad avere una prospettiva più ampia.

Le persone con un’ideazione suicidaria hanno spesso uno stile di attribuzione depressivo; cioè, interpretano che la cosa brutta che capita loro è colpa loro, che colpisce tutti gli ambiti della loro vita e che è impossibile da modificare. Questo genera una sensazione di disperazione e impotenza che li porta a non vedere le opzioni di uscita.

Aiutarli a trovare la luce alla fine del tunnel, le soluzioni disponibili e incoraggiarli a cercare un aiuto professionale sono i compiti più rilevanti in questi casi.

Parlare di suicidio può salvare vite

Insomma, è tempo di rompere il tabù sul suicidio e cominciare a renderlo visibile e a normalizzarlo. Chi lo contempla come alternativa ha bisogno di trovare ascolto, empatia e sostegno nell’ambiente; Hanno bisogno di esprimere ciò che pensano e sentono.

Quando diamo l’opportunità di parlarne, costruiamo un ponte che fa la differenza; Finché lo facciamo correttamente. Pertanto, evitiamo il silenzio e il sensazionalismo e concentriamoci sulla prevenzione. Parlare di suicidio può salvare vite.

Potrebbe interessarti ...
Persona autodistruttiva: come riconoscerla
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Persona autodistruttiva: come riconoscerla

La persona autodistruttiva costituisce per se stessa un profilo comportamentale altamente dannoso e pericoloso. Scoprite di più.



  • Herrera Ramírez, R., Ures Villar, M. B., & Martínez Jambrina, J. J. (2015). El tratamiento del suicidio en la prensa española:¿ efecto werther o efecto papageno?. Revista de la Asociación Española de Neuropsiquiatría35(125), 123-134.
  • Marchetti, I., Alloy, L. B., & Koster, E. H. (2019). Breaking the vise of hopelessness: Targeting its components, antecedents, and context.
  • Priester, M. J., & Clum, G. A. (1992). Attributional style as a diathesis in predicting depression, hopelessness, and suicide ideation in college students. Journal of Psychopathology and Behavioral Assessment14(2), 111-122.