Infiammazione delle dita: a che cosa è dovuta?

15 novembre 2014
Se avete solo un dito infiammato, potreste aver preso un colpo. Tuttavia, se l'infiammazione dura più di 5 giorni, rivolgetevi al medico.

Vi è mai successo di guardarvi le mani e rendervi conto che un anello vi sta stretto, che le dita sembrano gonfie o addirittura che la pelle ha una tonalità diversa? A che cosa è dovuto questo problema? Le cause possono essere diverse e la maggior parte delle volte non sono particolarmente gravi, anche se qualche volta possono essere indice di una malattia. Vi spieghiamo tutto a seguire.

Mi si sono gonfiate le dita: a che cosa è dovuto?

È un problema più comune di quanto crediate. A volte può succedere di aver camminato a lungo e, quando ci guardiamo le mani, di notare che le dita sono infiammate, con un leggera, ma fastidiosa, sensazione di prurito. Questo è dovuto principalmente alla circolazione e al modo in cui si distribuisce il sangue quando stiamo facendo lavorare il nostro cuore attraverso l’attività fisica.

infiammazione-dita

Un dito infiammato solitamente può essere dovuto a una lesione oppure ad un trauma, anche se la causa più comune sono le infezioni. Bisogna però fare attenzione per escludere che si tratti di una malattia articolare. Vediamolo più nel dettaglio.

  • Lacerazione o contusione: avete sofferto un colpo? Il dito vi è rimasto incastrato da qualche parte? Vi ha morso un cane? È naturale che ci sia un infiammazione. A volte può capitare di subire un urto e di non dargli troppa importanza sul momento: l’infiammazione può comparire anche alcune ore dopo.
  • Lesione del legamento o della cartilagine: se per esempio fate un lavoro ripetitivo per cui realizzate sempre gli stessi movimenti con le dita o con le mani, è possibile che alla fine le vostre dita siano infiammate e gonfie. Una causa può essere la lesione della cartilagine.
  • Borsite (infiammazione della borsa che protegge e ammortizza le articolazioni). È un problema molto doloroso: le dita si infiammano e potete notare un gonfiore caratteristico nella zona articolare. A volte potete notare una specie di pallina dolorosa.
  • Sindrome del tunnel carpale: di sicuro conoscerete questo doloroso problema, molto abituale soprattutto nelle donne. È causato da una pressione sul nervo che attraversa il polso: in questo caso è comune che le dita non soltanto si infiammino, ma che perdano anche la loro sensibilità e restino persino “incastrate”. È una malattia davvero dolorosa.
  • Ciste gangliare: questo problema si presenta quando si forma una ciste o un gonfiore nella parte superiore dell’articolazione o del tendine, che può arrivare fino alle dita, infiammandole.
  • Un’infezione: è un’opzione che non possiamo scartare. Esiste un’infezione batterica associata allo Streptococcus Aureus che comporta una forte infiammazione alle dita. È dolorosa e può persino causare febbre.
  • Paronichia: in questo caso l’infiammazione sarà vistosa e colpirà in generale un solo dito. Si tratta di un’infezione molto dolorosa nella zona che circonda l’unghia che causa un’infiammazione del dito e dell’unghia. Può anche comparire del pus.
  • Artrite reumatoide: purtroppo è una realtà molto comune che non possiamo scartare. Si tratta di una malattia autoimmune e cronica che colpisce le articolazioni. Le infiamma in modo molto doloroso e, di solito, comincia proprio dalle dita. Non dimenticatevi di prenderla in considerazione.
  • Artrite settica: questo tipo di artrite è infettiva e deve essere distinta dall’artrite reumatoide. In generale i sintomi sono molto simili, ma il vostro dottore vi aiuterà a diagnosticarla.

Quando una o più dita vi si gonfiano, prestate molta attenzione ai sintomi. Osservate se tutte le dita della mano, o soltanto una, sono infiammate. Se è un problema dell’intera mano, di solito è dovuto a problemi circolatori o alla sindrome del tunnel carpale. Se invece si tratta soltanto di un dito, concentratevi prima di tutto sull’unghia e chiedetevi se avete subito dei colpi o se vi si è conficcato qualcosa. Potrebbe addirittura essere dovuto alla puntura di un insetto. Tuttavia, se l’infiammazione dura più di cinque giorni, recatevi dal medico.

Come ridurre l’infiammazione delle dita?

zenzero

Ovviamente, come vi abbiamo indicato, se l’infiammazione dura per diversi giorni è bene recarsi dal medico. Ma nel frattempo, a casa, potete seguire i seguenti consigli:
1. Bagni freddi e caldi con acqua di rosmarino: il rosmarino è di solito molto indicato per ridurre le infiammazioni delle articolazioni e della cartilagine. Potete preparare un infuso con due rametti di questa pianta medicinale, per poi immergere in questo liquido caldo le vostre dita gonfie per tre minuti. Ripetete, ma in un recipiente con acqua fredda. Alternate i recipienti: il cambiamento di temperatura migliorerà la circolazione del sangue e diminuirà l’infiammazione. Per concludere, potete realizzare un lieve massaggio con qualche goccia di olio essenziale di rosmarino.
2. Se sospettate che il gonfiore delle vostre dita sia dovuto a un problema batterico, non esitate e passate un dente d’aglio nella zona colpita. È un potente antibatterico e vi aiuterà a ridurre l’infiammazione.
3. Benda con radice di zenzero: questa radice medicinale potrà aiutarvi a ridurre l’infiammazione. Se grattugiate un po’ di radice e preparate un infuso, potete utilizzarla in entrambe le forme. Prima di tutto, immergendo le dita infiammate nell’infuso per qualche minuto. Poi prendete le radici che avete utilizzato e bendate leggermente, senza stringere troppo, le dita colpite. Noterete dei miglioramenti.

Guarda anche