Infusi per combattere la cellulite

· 7 ottobre 2014

La cellulite, anche conosciuta come buccia d’arancia, è uno degli incubi maggiori di tutte le donne, senza distinzioni. Questo problema di cattiva circolazione, infatti, può interessare sia le persone in sovrappeso sia quelle magre.

L’aspetto poco estetico che la cellulite conferisce alla pelle non rappresenta un problema per la salute, ma molto fastidio ed imbarazzo quando si indossano vestiti che lasciano scoperte le zone interessate, influendo in maniera negativa sull’autostima di chi ne soffre.

Come abbiamo già detto, trattandosi di un problema circolatorio, può interessare qualsiasi persona di sesso femminile. Per capire le cause alla base di questo disturbo, le presentiamo brevemente in questo articolo.

La cellulite si presenta soprattutto in seguito a problemi di circolazione associati anche a fattori ormonali e genetici. Le donne presentano una maggiore quantità di ormoni, cosa che le rende più predisposte a questo tipo di problemi.

grassi

Oltre alle cause già citate, ricordiamo anche il consumo di grassi, mancanza di attività fisica, insufficiente assunzione di acqua, abuso nel consumo di sale, bevande gassate, fumo, stress, utilizzo delle pillole contraccettive, etc.

Riassumendo, quindi, i fattori più importanti riguardo la comparsa della circolazione sono quelli ormonali, genetici e le cattive abitudini alimentari. Dato che sui fattori genetici non possiamo intervenire, dobbiamo farlo sugli altri.

Se volete avere la meglio sulla cellulite, la prima cosa da fare è cambiare la vostra alimentazione. Allo stesso modo dovrete bere sufficiente acqua per depurare ed idratare il vostro organismo. Ricordate che questo problema è strettamente relazionato all’accumulo di tossine nel corpo, non a caso spesso la cellulite va di pari passo con la stitichezza.

La combinazione di corretta alimentazione, attività fisica, due litri d’acqua al giorno e massaggi sarà di grande aiuto. Uno solo di questi “metodi” non sarà sufficiente per ottenere risultati positivi e duraturi.

Vi sono, inoltre, piante che possono essere di grande aiuto nella lotta contro la cellulite. Queste piante possiedono proprietà disintossicanti, depurative e diuretiche; in questo modo, elimineranno le tossine ed i liquidi accumulati nel corpo, conferendo un aspetto migliore alla vostra pelle. Prendete nota degli infusi che citiamo qui di seguito.

Menta

menta

La menta è nota per la sua efficacia al fine di disintossicare e depurare l’organismo, oltre ad attivare la circolazione sanguigna. Potete bere infusi a base di questa pianta, lasciando in infusione alcune foglie fresche o secche per ogni tazza d’acqua.

Coda cavallina

Questa pianta possiede proprietà diuretiche e depurative, per cui è la più indicata per combattere la cellulite, oltre ad apportare numerosi benefici all’organismo in generale. Potete preparare un infuso di coda cavallina con un cucchiaino di foglie secche per ogni tazza di acqua. Bevetelo dopo i pasti.

Malva

La malva favorisce la corretta circolazione, migliorando l’aspetto delle zone affette da cellulite, e favorisce lo scambio di liquidi nelle zone di grasso eliminando l’eccesso. Preparate un infuso con un cucchiaino di fiori e foglie per ogni tazza d’acqua. Bevete due tazze al giorno di questo efficace infuso.

Uso esterno

Edera

Deve essere utilizzata solo per uso esterno, poiché se la ingerite, correte il rischio di un’intossicazione. Questa pianta produce un aumento della circolazione sanguigna nelle zone in cui viene applicata. Per poterla utilizzare come impiastro, dovete realizzare un decotto di foglie fresche di edera, una volta filtrata l’acqua, versate il decotto in un mortaio al fine di formare un impasto. In seguito, collocate l’impasto in un panno di cotone ed applicatelo nelle zone interessate tenendolo fermo con un nodo o una cintura.

Gli infusi citati in questo articolo serviranno come complemento nella lotta contro la cellulite, non realizzate trattamenti troppo lunghi nel tempo e non abusate con le dosi. Se state seguendo una cura medica, siete incinte oppure in fase di allattamento, prima di assumere questi infusi, consultate il vostro medico.

Guarda anche