Iniezioni contraccettive: tutto quello che c’è da sapere

18 Agosto 2019
Le iniezioni contraccettive sono efficaci per prevenire la gravidanza. Se fatte nel momento adeguato, il tasso di successo è del 99%. Scoprite tutto su questo metodo contraccettivo.

Le iniezioni contraccettive permettono di somministrare attraverso una siringa delle sostanze, nel braccio o nel gluteo, con l’obiettivo di evitare temporaneamente una gravidanza. Si tratta di un metodo contraccettivo per la donna molto efficace, con un’efficacia stimata superiore al 99%. Si stima, infatti, che la percentuale di gravidanza nel primo anno è dello 0,2% con l’uso ottimale e del 6% con l’uso tipico (ossia, ritardo tra le iniezioni).

A seconda della composizione, la copertura delle iniezioni contraccettive può avere una durata compresa fra 1 e 3 mesi. Per le giovani donne adolescenti, si consiglia l’uso delle iniezioni mensili, che contengono una dose inferiore di ormoni.

Le iniezioni contraccettive proteggono per i 33 giorni successivi alla loro applicazione. Una volta trascorso questo periodo, dal primo giorno successivo la donna non è più protetta da una possibile gravidanza. Per questo, è fondamentale realizzare le iniezioni lo stesso giorno di ogni mese.

Tuttavia, ne esistono altre che, come vedremo qui di seguito, hanno un effetto più duraturo. Scoprite tutto quello che c’è da sapere su questo metodo anticoncezionale nell’articolo di oggi.

Come funzionano le iniezioni contraccettive?

Le iniezioni contraccettive contengono ormoni simili a quelli che vengono sintetizzati dall’organismo femminile, e che cercano di inibire l’ovulazione.

Le iniezioni di questo tipo sono conosciute anche con i nomi di iniezione anticoncezionale, DMPA, medrossiprogesterone acetato.

L’anticoncezionale, come abbiamo detto, è composto da ormoni che inibiscono l’ovulazione, in particolare di progestina. Tuttavia, esistono anche le iniezioni che combinano progestina ed estrogeno. Nel primo caso, la durata dell’effetto è di 2-3 mesi, mentre quelle combinate durano solo un mese.

La progestina evita la gravidanza inibendo l’ovulazione. Senza ovulo nelle tube di Falloppio, non si può innescare la gravidanza. Quest’ormone provoca inoltre l’ispessimento del muco cervicale, che rende difficile il passaggio dello sperma.

Vantaggi e svantaggi delle iniezioni contraccettive

Vantaggi e svantaggi delle iniezioni contraccettive
Prima di scegliere le iniezioni contraccettive come metodo anticoncezionale è importante valutare i vantaggi e gli svantaggi di questo metodo.

Come quasi tutti gli altri metodi, le iniezioni contraccettive presentano una serie di vantaggi e svantaggi. Per questo, ogni donna dovrà decidere se scegliere o meno questo sistema di prevenzione delle gravidanze indesiderate.

Per quanto riguarda i vantaggi, questi sono particolarmente evidenti. Come abbiamo già citato, l’efficacia di queste iniezioni è superiore al 99%. Inoltre, non interferiscono durante i rapporti sessuali. Al tempo stesso, possono influire sull’acne e la sindrome premestruale, migliorandone i sintomi.

Dal momento che vengono somministrate una volta al mese, il loro uso è discreto e poco invasivo. Tuttavia, non proteggono dall’HIV e da altre malattie a trasmissione sessuale, un aspetto fondamentale da tenere in considerazione.

L’uso delle iniezioni anticoncezionali non è consigliato durante l’allattamento e può essere un po’ scomodo per le persone che non amano farsi una puntura.

Molte persone pensano che questo medicinale provochi sterilità, recuperando la capacità di riprodursi quando viene sospeso e che le donne adolescenti non dovrebbero usarlo. Tuttavia, sono credenze totalmente false, prive di ogni fondamento.

Leggete anche: Malattie trasmissibili sessualmente: come proteggersi

Le iniezioni contraccettive causano disturbi o problemi di salute?

Donna con nausea
La nausea può essere uno degli effetti collaterali delle iniezioni contraccettive. Tuttavia, non si presenta in tutte le persone.

Queste iniezioni non sono esenti da alcuni rischi, che è importante considerare quando si inizia la somministrazione. In alcune donne, sono stati descritti sintomi come nausea e cambiamenti nelle mestruazioni.

Questi effetti sono dovuti al contenuto ormonale, che può alterare il corso del normale funzionamento dell’organismo. Per lo stesso motivo, è possibile che le iniezioni contraccettive provochino un leggero aumento di peso nelle donne che ne fanno uso.

Per questi motivi, e per una maggiore sicurezza, è importante rivolgersi al proprio medico di fiducia prima di iniziare un trattamento con questo metodo anticoncezionale. Il ginecologo potrà consigliarvi e aiutarvi a scegliere il metodo più adatto per voi.

Leggete anche: Effetti della pillola del giorno dopo sull’organismo

In conclusione…

Le iniezioni anticoncezionali sono metodi contraccettivi efficaci per prevenire le gravidanze indesiderate, se applicate nel momento giusto. Il tasso di successo, in questo caso, supera il 99% ed è efficace alla pari della legatura delle tube di Falloppio.

Tuttavia, è importante tenere presente che questo metodo anticoncezionale non protegge dalle malattie a trasmissione sessuale, pertanto dovrà essere usato insieme al preservativo, per prevenire il contagio.

Consultate il vostro medico per decidere quale anticoncezionale è il più adatto a voi.

  • Roy, G. (2010). Injectable contraception. Seminars in Reproductive Medicine. https://doi.org/10.1055/s-0030-1248137
  • Zieman, M. (2014). Combined hormonal contraception. In Contraception for Adolescent and Young Adult Women. https://doi.org/10.1007/978-1-4614-6579-9_4
  • Schivone, G., Dorflinger, L., & Halpern, V. (2016). Injectable contraception: Updates and innovation. Current Opinion in Obstetrics and Gynecology. https://doi.org/10.1097/GCO.0000000000000329
  • Kaunitz, A. M. (2000). Injectable contraception: New and existing options. Obstetrics and Gynecology Clinics of North America. https://doi.org/10.1016/S0889-8545(05)70171-6
  • Berenson AB, Odom SD, Breitkopf CR, Rahman M. Physiologic and psychologic symptoms associated with use of injectable contraception and 20 microg oral contraceptive pills. Am J Obstet Gynecol. 2008;199(4):351.e1–351.e3512. doi:10.1016/j.ajog.2008.04.048