Intervento all'ernia del disco: quando è necessario operare?

Operare l'ernia del disco è un'opzione da considerare quando altri trattamenti hanno fallito. Di solito offre buoni risultati, ma non è esente da complicazioni.
Intervento all'ernia del disco: quando è necessario operare?

Ultimo aggiornamento: 28 settembre, 2021

L’ernia del disco è una patologia comune in grado di condizionare in modo significativo la qualità della vita. L’intervento all’ernia del disco diventa una possibilità da considerare quando l’impatto sulle attività quotidiane è forte o quando altri tipi di approcci hanno fallito.

Oggigiorno esistono numerose tecniche di intervento, in base alle caratteristiche della lesione e del paziente, nonché all’esperienza e alle preferenze del chirurgo.

Grazie all’intervento, la qualità della vita può migliorare. Tuttavia, non è facile e comporta anche una serie di rischi. In questo articolo spieghiamo tutto ciò che occorre sapere sull’argomento.

Che cos’è l’ernia del disco?

Per capire cosa sia un’ernia del disco, occorre prima conoscere l’anatomia della colonna vertebrale. La colonna vertebrale è costituita dalle vertebre, che sono singole ossa. Tra le vertebre sono interposti dischi di tessuto cartilagineo la cui funzione è di attutire l’impatto. Sono i dischi intervertebrali.

I dischi sono costituiti da un nucleo polposo e da un anello fibroso. L’anello è la parte più esterna che circonda il nucleo. Come spiegato dagli specialisti della Mayo Clinic, l‘ernia del disco si verifica quando il nucleo sporge verso l’esterno attraverso uno strappo nell’anello fibroso.

Le ernie possono verificarsi in qualunque punto della colonna vertebrale e possono arrivare a irritare i nervi. I sintomi variano a seconda della posizione e della gravità della protrusione.

Le ernie del disco sono molto comuni. Si stima che colpiscano tra i 5 e i 20 adulti ogni 1000 di età inferiore ai 49 anni. Di solito interessano la zona lombare o cervicale e sono accompagnati da dolore o alterazioni della mobilità e della sensibilità.

Ernia del disco cervicale che deve essere operata.
Le ernie discali possono comparire in qualsiasi punto della colonna vertebrale, sebbene siano più comuni nell’area lombare e cervicale.

Trattamenti

Prima di operare un’ernia del disco, di solito vengono provati diversi trattamenti meno aggressivi. La cosa normale è iniziare con una terapia farmacologica per alleviare il dolore e il disagio.

Se il dolore è lieve, si prescrivono antidolorifici come l’ibuprofene o il naprossene.

Se il dolore non può essere controllato con questi tipi di farmaci, è possibile provare i corticosteroidi. Vengono iniettati nella zona interessata, vicino ai nervi spinali. In alcuni casi vengono addirittura prescritti farmaci oppioidi.

Il problema è che questi farmaci tendono a creare tolleranza, dipendenza e assuefazione. Inoltre, hanno molteplici effetti collaterali. Pertanto devono essere impiegati con cautela. Qualsiasi trattamento medico deve essere combinato con la fisioterapia ed esercizi personalizzati.

Quando è necessario operare?

L’intervento all’ernia del disco diventa una possibilità quando gli altri trattamenti hanno fallito. La verità è che la maggior parte dei casi non richiede un intervento chirurgico e tendono a migliorare dopo giorni o settimane con uno degli approcci meno invasivi.

Tuttavia, se i sintomi persistono per mesi o c’è disabilità, operare su un’ernia del disco è quasi una priorità. La disabilità può essere una conseguenza del danno causato dal disco a un nervo. La mobilità o la capacità di controllare gli sfinteri possono essere compromesse.

Attualmente esistono diverse tecniche per intervenire su un’ernia del disco. In alcuni casi può essere sufficiente una tecnica mininvasiva, con piccole incisioni e un recupero più rapido. Di solito fornisce ottimi risultati.

Preparazione prima dell’intervento

Per operare su un’ernia del disco è importante che il paziente sia consapevole dei rischi e delle precauzioni necessarie. Si consiglia prima di tutto, di adottare abitudini sane.

Ad esempio, l’ideale è che il paziente dimagrisca e si rimetta in forma prima dell’intervento. Essere in sovrappeso può mettere a dura prova la colonna vertebrale e il processo di recupero potrebbe essere rallentato.

Il rafforzamento dei muscoli della schiena è consigliato per qualsiasi patologia della colonna vertebrale. Gli esercizi devono essere guidati dal fisioterapista per evitare di aggravare il danno.

Come con qualsiasi altro intervento chirurgico, è importante smettere di fumare. Il tabacco aumenta il rischio di complicanze chirurgiche, oltre a interferire con il processo di guarigione.

Potrebbe interessarvi anche: Vaporizzare o smettere di fumare?

Tipi di intervento all’ernia del disco

Come abbiamo detto, oggi esistono numerose opzioni per operare un’ernia del disco. Vediamo  le principali tecniche e in cosa consistono.

Intervento all’ernia del disco mediante discectomia

La discectomia è la tecnica più utilizzata. Consiste nell’eliminare la parte danneggiata del disco o l’intero disco. Quando l’ernia è nella sezione cervicale, l’intervento viene eseguito attraverso un approccio anteriore.

In questo caso, viene praticata una piccola incisione nella parte anteriore del collo e il disco viene rimosso. Lo spazio che lascia deve essere riempito, sostituendolo in genere con un piccolo dispositivo di sintesi. Può essere utilizzato anche un disco artificiale.

Laminoplastica e laminectomia

La laminoplastica è una tecnica utilizzata per intervenire su un’ernia del disco cervicale. Consiste nell’aprire uno spazio all’interno del canale spinale, utilizzando una sorta di cerniera. L’idea è di creare più spazio per l’ernia del disco e quindi alleviare i sintomi.

La laminectomia consiste nel tagliare o rimuovere parte della vertebra interessata. In questo modo è possibile espandere lo spazio nel canale spinale e ridurre la pressione sul midollo spinale, oltre a creare più spazio per i nervi.

Corpectomia cervicale

La corpectomia cervicale è una tecnica chirurgica simile alla precedente. Viene rimossa una parte della vertebra, ma anche parte dei dischi intervertebrali adiacenti. Si tenta di stabilizzare la colonna vertebrale utilizzando placche metalliche, viti o innesti ossei.

Fusione spinale

La fusione spinale è un’altra tecnica usata frequentemente nel trattamento delle ernie del disco. Consiste nell’unire le due vertebre che contengono l’ernia del disco.

Quanto dura la fase di recupero?

La chirurgia dell’ernia del disco ha un tempo di recupero relativamente breve. La maggior parte dei pazienti torna a casa il giorno dopo l’intervento. Tuttavia, è importante evitare determinate attività nel mese successivo, ad esempio, esercizi molto faticosi o sollevare oggetti pesanti. Si sconsiglia inoltre di guidare o stare seduti per periodi di tempo molto lunghi. Anche lo squat non è vantaggioso nella fase di recupero.

La cosa migliore sarà seguire un programma di riabilitazione, per un recupero più rapido e una migliore mobilità finale.

Fisioterapia dopo intervento all'ernia del disco.
Una riabilitazione guidata con esercizi postoperatori può ridurre i tempi di convalescenza.

Volete saperne di più? Leggete anche: Esercizi da evitare in caso di ernia del disco

Intervento all’ernia del disco: rischi e complicazioni

Operare un’ernia del disco ha in genere un esito molto favorevole. Il rischio di complicanze è basso e i pazienti di solito notano un notevole miglioramento della qualità di vita.

Tuttavia, ciò non significa che sia esente da complicazioni, ad esempio, infezioni o sanguinamento, soprattutto nei pazienti anziani. Un’altra complicanza è la fibrosi postoperatoria, che interferisce con il recupero della mobilità.

Il paziente potrebbe non sentirsi soddisfatto dopo l’intervento chirurgico. Di solito ciò si verifica quando il danno prima dell’operazione non era ben stabilito. Quando non ci sono segni evidenti che i sintomi siano dovuti alla compressione di un nervo, i sintomi possono essere mantenuti e l’intervento viene considerato un fallimento chirurgico.

L’ernia del disco di solito migliora con il trattamento medico

Sebbene operare sia una buona opzione, in realtà la maggior parte delle ernie non richiede un intervento chirurgico. Con il trattamento medico e la fisioterapia di solito è possibile migliorare notevolmente.

Se si sceglie infine l’operazione chirurgica, è importante che il paziente sia consapevole di tutti i rischi e delle possibili complicazioni.  Tuttavia, di solito offre buoni risultati e la qualità della vita migliora.

Potrebbe interessarti ...
Essiccazione del disco: definizione e trattamenti
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Essiccazione del disco: definizione e trattamenti

L'essiccazione del disco è una condizione medica caratterizzata dalla disidratazione dei dischi intervertebrali. Scoprite di più.



  • Torres Huartazaca, Jairo Patricio, and Paola Andrea Torres Yanza. “Prevalencia de hernias discales en columna lumbar mediante resonancia magnética nuclear de pacientes de consulta externa del departamento de imagenologia del hospital” José Carrasco Arteaga”, marzo-agosto 2014.” (2014).
  • Piñeiro Rodríguez, José Carlos. “Eficacia de la fisioterapia en la lumbalgia crónica secundaria a hernia discal: ejercicio terapéutico vs manipulación vertebral.” (2018).
  • Gallardo, Ángel Jesús Lacerda, et al. “Discectomía simple y discectomía más fusión con discos de polimetilmetacrilato para el tratamiento de la hernia discal cervical.” Revista Cubana de Neurología y Neurocirugía 9.1 (2019): 1-17.
  • Neyra, Horacio Tabares, et al. “Hernia discal lumbar, una visión terapéutica.” Revista Cubana de Ortopedia y Traumatología 30.1 (2016): 27-39.